Home Economia Come investire in borsa per continuare a guadagnare nonostante il rallentamento economico

Come investire in borsa per continuare a guadagnare nonostante il rallentamento economico

107
0

Il rallentamento economico il mondo è già un fatto e molti credono all’arrivo del tanto temuto recessione. Ma non è ancora successo, se lo chiedono molti investitori Quali settori scegliere quando si investe in borsa continuare a vincere nonostante la delicata situazione che sta attraversando l’economia. Quali azioni sono chiamate a fare meglio in tempi come il presente?

Questa è la domanda che vola nella mente di molti investitori e alla quale hanno risposto gli esperti di Schroders. “Date le aspettative di un rallentamento della crescita globale, gli investitori dovrebbero preparare i loro portafogliafferma Tina Fong, stratega del gestore, spiegando quali stili azionari hanno ottenuto i risultati migliori durante i rallentamenti economici o le recessioni.

Quindi, dal punto di vista dello stile, come dovrebbero posizionare i propri portafogli gli investitori azionari in un mondo in fase di rallentamento o recessione? Le flessioni si verificano quando l’attività economica rallenta, l’inflazione aumenta e le banche centrali inaspriscono le politiche. In altre parole, ciò che sta accadendo in questo momento, e secondo l’esperto Schroders, è dimostrato “Gli stili azionari più difensivi sono stati i vincitori”.

“Storicamente, gli stili azionari più difensivi hanno sovraperformato le controparti più cicliche“, che di solito sono i vincitori quando la recessione colpisce. E, spiega Fong, “durante le recessioni, i politici tendono a tagliare i tassi di interesse in risposta al calo della crescita e dell’inflazione” e “mentre le famiglie e le aziende ripuliscono i loro conti, gli investitori iniziano anticipare un rimbalzo dell’attività economica e dei profitti aziendali”, portando a una rotazione “verso stili azionari più ciclici”.

Vedi anche:  Per Repsol è arrivato il momento della verità: la linea guida ribassista degli ultimi 4 anni

Nelle flessioni, dice l’analista di Schroders, gli stili vincenti sono stati strategie ad alto rendimento da dividendi e bassa volatilità. “Sembra che gli investitori abbiano cercato rifugio in titoli che sono in grado di resistere meglio alle sfide di una crescita economica più debole e di un’accelerazione dell’inflazione”, ha affermato Fong.

Schroders stili di azioni

Invece, i titoli a bassa capitalizzazione sono i ritardatari durante le flessioni, poiché “queste società hanno un potere di determinazione dei prezzi inferiore rispetto a quelle grandi” e quindi “soffrono particolarmente una pressione sui margini di profitto a causa dell’aumento dei costi”.

Allo stesso modo, lo stratega sottolinea che “le azioni value hanno avuto una performance leggermente migliore rispetto ai titoli di crescita”, anche se osserva che i risultati di rendimento di questi due stili “non sono stati molto diversi durante le flessioni”. Almeno finora, perché Fong osserva che “questa volta i rendimenti dei titoli value sono stati insolitamente forti”.

QUAL È LA BUONA PRESTAZIONE DEL ‘VALORE’?

Secondo lo stratega di Schroders, sia gli stili ad alto rendimento da dividendi che a bassa volatilità hanno registrato finora forti guadagni quest’anno, in linea con le precedenti flessioni. Tuttavia, a differenza dei precedenti periodi di rallentamento, “La divergenza tra l’andamento dei titoli growth e dei titoli value è stata molto marcata”.

In effetti, osserva che “il rendimento in eccesso dei titoli value rispetto ai titoli growth quest’anno è stato il terzo più alto dalla metà degli anni ’70”. Questo, dice, è dovuto a due fattori:

Vedi anche:  La Cina distribuisce gratuitamente 90 milioni di yuan digitali ai suoi cittadini

-In primo luogo, ha aiutato lo “straordinario redditività dei valori energetici“, in quanto tendono ad essere classificati nella categoria di valore.

-In secondo luogo, a differenza dei precedenti rallentamenti, in cui i rendimenti obbligazionari sono scesi, questa volta è aumentato il rendimento del Tesoro (obbligazione statunitense a 10 anni). “Il aumento dei rendimenti dei titoli di stato statunitensi ha interessato le aree di crescita del mercato, come il settore tecnologicoche sono più sensibili all’aumento degli oneri finanziari”, ricorda Fong. Come spiega, queste società “generano gran parte dei loro profitti in futuro, quindi questi flussi di cassa futuri vengono scontati a un tasso di interesse più alto”.

In momenti come il presente, quando i rendimenti obbligazionari sono in aumento, il titolo è spesso “uno degli stili di azioni più positivamente correlati” con questo fatto. E la sua previsione è che andando avanti, supponendo che la storia recente si ripeta, “se i rendimenti reali continuano a salire, i titoli value potrebbero continuare a sovraperformare rispetto a quelli di crescita in questo ambiente”.

E l’esperto conclude che se a un certo punto il mondo dovesse entrare in recessione e i rendimenti obbligazionari scendono, l’analisi suggerisce che “i titoli in crescita e gli stili più ciclici potrebbero ricominciare a fare bene”.

Articolo precedenteQuali sono le 10 peggiori città del mondo in cui vivere?
Articolo successivoQuesto è il POCO X4 GT, di Xiaomi