Home Technologia Come funziona l’opzione che ha permesso a Vettel di seguire i ladri...

Come funziona l’opzione che ha permesso a Vettel di seguire i ladri che lo hanno derubato a Barcellona?

205
0

In passato, quando si acquistava o si riceveva un nuovo telefono cellulare o qualsiasi dispositivo elettronico, la polizia chiedeva di tenerlo Numero IMEIimpronta digitale o codice univoco di 15 cifre che identificano smartphone, laptop, tablet, ecc..

È una sorta di codice a barre univoco di qualsiasi dispositivo che ne consente l’identificazione e lo spegnimento per prevenire il furto di dati.

Localizzatore

Al giorno d’oggi, invece, quasi tutti i dispositivi elettronici hanno una llocalizzatore o trackeruna sorta di GPS che possono avere anche i veicoli e che ti permette di sapere dove si trova l’oggetto in questione se viene smarrito o rubato lol.

Il localizzatore permette anche di rendere inutilizzabile il dispositivo in questione, cosa molto utile per i ladri di lasciare il dispositivo rubato ovunque e qualcuno può portarlo in una vicina stazione di polizia.

Vedi anche:  Questi sono i "Be Real" più divertenti e reali dell'app anti-Instagram

Questa è la funzione che ha permesso a Vettel di seguire i ladri che hanno rubato la sua borsa della macchina questo lunedì mattina, grazie alla funzione “Trova i miei Airpods” (“Trova i miei Airpods”), le cuffie che l’autista aveva nella borsa.

Come funziona?

Ma come funziona questo genere di cose? GPS? La prima cosa è attivare la funzione “Cerca” prima che vengano smarriti o rubati. È un’opzione disponibile su telefoni Android, iPhone, tablet, smartwatch… e sempre più dispositivi elettronici.

Ovviamente, se non hai attivato il servizio “Trova” sul tuo dispositivo smarrito o rubato, non puoi utilizzare l’app per localizzarlo, poiché è l’unico modo per rintracciare un dispositivo smarrito o rubato.

Se hai attivato il localizzatore, puoi provare a localizzarli tramite “Cerca” e la scheda “Dispositivi”.

Senza Internet

Inoltre, i dispositivi non hanno bisogno di essere connessi a Internet, poiché i segnali wireless e Bluetooth che emettono verranno utilizzati da altri dispositivi connessi a Internet, come l’iPhone di un estraneo, che trasmetteranno quindi le informazioni del dispositivo al Rete “Trova il mio”.che ti permetterà di individuarli.

Vedi anche:  Facebook pensa di smettere di vietare la disinformazione sul covid

In tal caso, riceverai indicazioni sulla posizione dell’ultimo collegamento. Una volta che sono online, viene ricevuta una notifica sul dispositivo con cui viene utilizzata.

Articolo precedenteSchlesser, sui suoi modelli dalle linee raffinate: “Non sapevo fare altro”
Articolo successivoLar España ha tagliato i suoi profitti dell’8% nel primo trimestre a 6,6 milioni