Home Sport Classifiche Serie A Power: Juventus tornata in corsa per lo scudetto ma...

Classifiche Serie A Power: Juventus tornata in corsa per lo scudetto ma non ancora tra le prime tre

118
0

Se ti sei mai chiesto perché questa sia stata una delle stagioni più emozionanti della Serie A fino ad oggi, non guardare oltre la rapida scalata della Juventus per rimettersi in gioco dopo alcuni terribili risultati di inizio stagione. Oltre a Inter, Napoli, Milan e ora Juventus, non escludono l’Atalanta come potenziale quinta candidata al titolo. La gara potrebbe arrivare fino all’ultimo giorno della stagione e probabilmente puoi ringraziare alcune delle squadre di alto livello che sono diventate oscure negli ultimi tempi per questo.

Entriamo subito nelle classifiche di questa settimana:

contendenti al titolo

Le squadre che quest’anno sono in corsa per vincere lo scudetto.

1. Inter (-)

Questa potrebbe essere l’ultima volta che la squadra di Simone Inzaghi è in cima alle nostre classifiche perché l’Inter è nel mezzo di una grave crisi e ha un disperato bisogno di una svolta per assicurarsi due titoli di Serie A. Lautaro Martinez ed Edin Dzeko sono uno dei motivi per cui questa squadra ha attraversato 425 minuti di siccità a reti inviolate in tutte le competizioni, bloccata da Martinez nel 5-0 della Salernitana venerdì. È stata la siccità più lunga dalla stagione 2017-18 (430 minuti). Sottoperformano anche giocatori chiave come Nicolò Barella e Stefan de Vrij, una conseguenza diretta sui risultati della squadra.

2. Milan (-)

Nonostante i recenti pareggi contro Salernitana e Udinese, il Milan ha consolidato il suo status di contendente al titolo dopo la vittoria nel derby di inizio mese. Rafael Leao e Sandro Tonali sono al loro meglio. Stefano Pioli ha riportato nell’ovile alcuni giocatori chiave, come Fikayo Tomori e Ante Rebic. Zlatan Ibrahimovic dovrebbe rientrare subito dopo un lungo infortunio che lo ha tenuto fuori per diverse settimane.

3. Napoli (-)

Dopo essere stata espulsa dall’Europa League dal Barcellona, ​​la squadra di Luciano Spalletti ha vinto una partita decisiva contro la Lazio e ora è tornata in corsa per il titolo. L’ex tecnico dell’Inter sta gestendo molto bene alcune situazioni difficili come capitan Lorenzo Insigne, che a fine stagione partirà per il Toronto FC della Major League Soccer. Considerando il modo in cui queste situazioni sono state gestite in passato a Napoli, è bello vedere i tifosi sostenere sia il club che il giocatore. È stata sicuramente una ragione per le buone vibrazioni all’interno dello spogliatoio.

4. Juventus (-)

Alzi la mano chi ha immaginato che la Juventus tornasse di soppiatto alla corsa allo scudetto dopo i deludenti risultati di inizio stagione? La finestra di mercato di gennaio ha fornito una scintilla, e anche se la qualità effettiva del gioco non è cambiata molto, il nuovo acquisto Dusan Vlahović ha immediatamente portato una mentalità vincente che è stata disperatamente mancata all’inizio. Non sarà facile catturare le prime tre squadre, ma considerando quanto hanno scalato di recente, non è più un’impresa impossibile.

5. Atalanta (-)

Se vogliamo etichettare la Juventus come contendente, allora dobbiamo fare lo stesso per un’Atalanta con una partita in mano e tre punti dietro i bianconeri. L’Atalanta ha però mostrato delle incongruenze rispetto alla Juventus che risalgono alla scorsa stagione. Anche gli infortuni sono un fattore determinante, con l’attaccante Duvan Zapata fuori per alcune settimane. Giocatori come Teun Koopmeiners e Ruslan Malinovskyi hanno fatto un grande passo avanti e dovranno continuare a farlo andando avanti.

Macchie europee

Club che lottano per giocare in Europa la prossima stagione.

6. Lazio (-)

La squadra di Maurizio Sarri ha avuto possibilità di essere nel bel mezzo della corsa di Champions League, ma dopo aver perso contro il Napoli il suo obiettivo principale dovrebbe essere quello di ottenere un posto in Europa League. Nonostante alcuni risultati positivi di febbraio a tenerli in vita in classifica, sembra che il noto Sarriball a cui ci siamo abituati ad Empoli e Napoli sia ancora lontano. La Lazio si sta ancora adattando al cambiamento fatto in bassa stagione e non saremmo sorpresi se vedessimo una piccola scossa in rosa durante l’estate.

Vedi anche:  Risultati Serie A, asporto: finale caotico Juventus-Salernitana; Brilla il Beto dell'Udinese

7. AS Roma (+1)

Gli alti e bassi sono ancora un problema per una squadra di Jose Mourinho che è vista come un tiro a segno per uno qualsiasi dei primi quattro posti nonostante sia in svantaggio di sei punti dalla Juventus al quarto posto. Mourinho è stato costretto a inserire tanti giovani giocatori nella sua rotazione a causa degli infortuni che hanno gravemente colpito la rosa. Edoardo Bove e Christian Volpato sono stati coinvolti di recente e l’attaccante Tammy Abraham è ancora un punto focale. In effetti, Abramo è attualmente il inglesi con il punteggio più alto tra i primi cinque campionati europei con 19 gol in questa stagione. Un’altra rivelazione: l’AS Roma è seconda in Serie A per gol attesi a partita (1,8) dietro all’Inter (2,1).

8. Fiorentina (-2)

La Fiorentina si sta rivelando una squadra piuttosto complicata da risolvere per gli avversari in questa stagione, come ci ha mostrato l’andata della semifinale di Coppa Italia contro la Juventus. Detto questo, i nuovi attaccanti Arthur Cabral e Krzysztof Piatek stanno lottando per tenere il passo con il ritmo furioso lasciato alle spalle dalla partenza di gennaio di Dusan Vlahović. Questo potrebbe essere il motivo principale per cui l’AS Roma e la Lazio hanno maggiori possibilità di ottenere l’ambitissimo posto in Europa League.

9. Hellas Verona (-)

Considerando quanto bene si sia comportata questa squadra sotto Igor Tudor, hanno sicuramente una possibilità decente di giocare a calcio europeo la prossima stagione. L’attaccante argentino Giovanni Simeone, una volta segnato quattro gol in una partita contro la Lazio, ha già trovato il fondo delle 15 reti in questa stagione, con una tripletta nel fine settimana contro il Venezia. L’Hellas Verona ha acquistato Simeone dal Cagliari in estate per circa 1 milione di euro con un’opzione di acquisto di 12 milioni di euro inclusa nell’accordo. È certo che il club scatterà la clausola in base alle sue prestazioni in questa stagione, ma è anche estremamente probabile che altri club bussino alla porta per chiedere informazioni sul suo futuro già quest’estate.

Al centro del branco

Queste squadre sicuramente rimarranno già in campionato, ma non hanno possibilità di giocare nelle competizioni europee la prossima stagione.

10. Sassuolo (+1)

Dopo che Roberto De Zerbi ha lasciato il club l’estate scorsa, molti avevano dubbi sul fatto che un nuovo allenatore potesse mantenere la squadra allo stesso livello. Entra Alessio Dionisi, che ha dato torto e ha guidato i Neroverdi in mezzo al gruppo mentre la sua squadra mette in campo un buon prodotto. Tuttavia, per una squadra che è arrivata ottava la scorsa stagione e attualmente è decima, il Sassuolo non potrà competere per nessuno dei posti europei, il che significa che molti club in estate tenteranno di strappare alcuni dei loro giocatori chiave come Domenico Berardi , Gianluca Scamacca e Giacomo Raspadori.

11. Torino (-1)

Ivan Juric si sta ancora adattando alla vita come nuovo allenatore e dopo una prima parte di stagione molto solida, ora stanno perdendo alcuni punti costosi che avrebbero potuto dare loro una spinta in classifica. Il capitano Andrea Belotti lascerà il club in estate una volta scaduto il suo attuale accordo a giugno, ma questo finora non ha influito sui risultati.

12. Empoli (-)

Un’altra stagione di successi, che fa da gara alle squadre di Aurelio Andreazzoli. In passato l’Empoli è sempre stata considerata una buona squadra ma che faticava a fare punti quando necessario. Bene, le cose sono finalmente cambiate laggiù.

Vedi anche:  La Serie A introduce lo spareggio Scudetto: una partita di playoff per determinare il campione se le squadre hanno pareggiato a fine stagione

13. Bologna (-)

Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic è nel bel mezzo di una stagione estremamente nella media, che non è quella che il club immaginava. Il Bologna, dopo un inizio di stagione così buono, ora ha perso punti a destra ea manca e si è ritrovato a metà classifica senza ambizioni europee. Non stupitevi se a fine stagione si separano da Mihajlovic se le cose non migliorano nei prossimi mesi.

Zona retrocessione

Queste squadre stanno lottando e stanno lottando per mantenere il loro posto in Serie A per la prossima stagione.

14. Udinese (+1)

La squadra di Gabriele Cioffi non è al momento in una posizione pericolosa e il pareggio contro il Milan ha dato ai tifosi ulteriori speranze di restare in piedi. Tuttavia, non sono ancora fuori dai guai e devono segnare punti il ​​più velocemente possibile per non essere coinvolti nel pasticcio della retrocessione.

15. Cagliari (+1)

A parte la Juventus, stai guardando la squadra che finora ha segnato più punti nell’anno solare 2022 (3V, 3P, 1P). Sappiamo che è presto, ma cosa è cambiato? Tanto per cominciare, l’atteggiamento e lo spirito dell’ex allenatore di Napoli e Inter, Walter Mazzarri, stanno iniziando a stabilirsi mentre il club si sottrae al pericolo di retrocessione allo stato attuale delle cose. L’ex terzino destro dell’Atalanta Raoul Bellanova ha mostrato le sue capacità e ora è uno dei giocatori del roster. Molti club stanno già controllando la sua situazione per l’estate e potrebbe essere uno dei giocatori a cui prestare attenzione per il futuro.

16. Sampdoria (-2)

La squadra di Marco Giampaolo ha qualche difficoltà dopo un buon inizio come nuovo allenatore. Alcuni alti e bassi e rivali come il Cagliari trascinano i Blucerchiati nella lotta in zona retrocessione. Le prossime partite ci diranno la verità sul potenziale di questa squadra e sulla sua capacità di stare al passo. Fabio Quagliarella e Antonio Candreva sono ancora giocatori chiave mentre l’ex attaccante del Toronto FC Sebastian Giovinco deve ancora esordire.

17. Spezia (-)

Sfortunati nelle ultime partite, hanno perso così tanti punti che avrebbero dato loro una visione diversa della classifica, come la sconfitta all’ultimo minuto contro l’AS Roma. La squadra di Thiago Motta lotterà fino all’ultimo per evitare la retrocessione e può contare su una squadra che sa benissimo come fare dopo la scorsa stagione sotto Vincenzo Italiano. Il tempo dirà se basterà a mantenerli al passo.

18. Venezia (-)

A differenza dello Spezia, il Venezia sta dimostrando che la sua prima stagione in Serie A dopo 20 anni di assenza può essere più complicata del previsto poiché cerca di evitare una rapida rimonta in seconda divisione dopo un solo anno nella massima serie. Il loro problema principale è segnare gol, dal momento che solo due squadre hanno meno gol del Venezia.

19. Genova (-)

Un nuovo proprietario, un nuovo allenatore, ma hanno ancora avuto gli stessi problemi. Hanno sicuramente investito più soldi dei loro rivali nella finestra di mercato di gennaio, ma le cose non sono migliorate molto. Per un club storico che esiste dal 1893, le cose sono diventate preoccupanti poiché corrono il serio rischio di essere in Serie B per la prima volta in quasi 15 anni.

20. Salernitana (-)

Hanno licenziato l’allenatore e incaricato Davide Nicola di provare a realizzare i loro sogni di evitare la retrocessione. Sembra che sarà quasi impossibile, ma mai dire mai nel calcio.

Articolo precedentePronostico Liverpool-West Ham, quote: l’esperto rivela le scelte della Premier League inglese per sabato 5 marzo
Articolo successivoEsordio di Jesse Marsch Leeds: Manager “orgoglioso e soddisfatto” della prestazione della squadra nella sconfitta di Leicester