Home Sport Classifiche di serie A Power: il Milan supera l’Inter per il primo...

Classifiche di serie A Power: il Milan supera l’Inter per il primo posto, la Juventus sale tra le prime quattro

76
0

Il Milan è ora il favorito per la vittoria dello scudetto in questa stagione. Dopo aver vinto in trasferta contro il Napoli, una delle altre contendenti in testa alla classifica, la squadra di Stefano Pioli è ora in posizione di votazione per scendere al titolo. Ovviamente l’Inter è ancora nel mezzo e ha più o meno le stesse possibilità dei suoi rivali di crosstown. Dopo l’eliminazione in Champions League contro il Liverpool sarà fondamentale capire come reagirà la squadra di Simone Inzaghi. La Juventus sta ancora mettendo in scena la sua rimonta, ma potrebbe essere troppo tardi per essere coinvolta nella corsa al titolo, dato che un distacco di sette punti è così grande con solo dieci partite rimanenti.

Entriamo subito nelle classifiche di questa settimana:

contendenti al titolo

Le squadre che quest’anno sono in corsa per vincere lo scudetto.

1. Milan (+1)

Il Milan è finalmente in cima alla nostra classifica di potenza. Il tecnico Stefano Pioli è riuscito a segnare nell’ultimo mese alcuni punti cruciali, tra cui la vittoria contro l’Inter nel Derby della Madonnina e soprattutto la vittoria contro il Napoli che ha praticamente reso i rossoneri la squadra da battere in questa stagione di Serie A. Anche la squadra si è scaldata al momento giusto. Dall’inizio di febbraio hanno segnato una media di 1,4 gol a partita su 1,1 gol previsti. Nello stesso tempo, anche l’Inter segna 1,4 gol di media a partita ma con 2,2 xG. Olivier Giroud è stato l’uomo che ha portato il club in testa alla classifica mentre Zlatan Ibrahimovic era fuori per infortunio. L’attaccante svedese è ora tornato e può aiutare la sua squadra a vincere lo scudetto undici anni dopo l’ultima volta.

2. Inter (-1)

Nonostante la vittoria contro la Salernitana, l’Inter ha perso per la prima volta dell’anno il primo posto di questa classifica di potenza. La squadra di Simone Inzaghi è stata eliminata dal Liverpool negli ottavi di finale di Champions League nonostante la vittoria ad Anfield. La reazione dopo questa eliminazione ci dirà molto sulle loro ambizioni al titolo. Un buon segno è che Lautaro Martinez ha finalmente segnato quattro gol nelle ultime due partite. L’Inter aveva un disperato bisogno dei suoi obiettivi per competere e ha lottato molto quando sia lui che Edin Dzeko non sono riusciti a segnare per un mese intero. Sarà un’incredibile corsa al titolo, con non solo il Milan, ma anche il Napoli che inseguirà fino alla fine.

3. Napoli (-)

Il focus potrebbe essere sulle due squadre sopra di loro, ma il Napoli è sicuramente una squadra ancora in corsa per il titolo nonostante la sconfitta contro il Milan. Sicuramente è stata una grande delusione per le loro ambizioni, ma ci sono solo tre punti che li separano dalla vetta e considerando come sia Milan che Inter hanno lottato nelle ultime settimane, possono ancora sperare di vincere tutto. La domanda è: possono segnare abbastanza gol. In difesa sono eccellenti e i loro 0,7 gol e 0,8 xG subiti a partita sono entrambi i migliori totali della Serie A. Ma un Victor Osimhen sano può fornire abbastanza scintille per spingerli in cima alla classifica? Solo Lautaro Martinez ha più xG per 90 senza rigore in questa stagione rispetto allo 0,59 di Osimhen, ma la sua conclusione non è stata eccezionale lasciandolo con solo sette gol dai suoi 8,36 xG.

4. Juventus (-)

Passo dopo passo la Juventus si rimette in carreggiata. L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri non perde una partita di Serie A dallo scorso novembre contro l’Atalanta e la Juve è attualmente in una buona posizione per ottenere un posto in Champions League per la prossima stagione. Potrebbero essere un po’ indietro per competere per lo scudetto quest’anno, ma possono ancora sperare di entrare in gara se le squadre davanti a loro faticano. Ci sarà anche una partita decisiva contro l’Inter il 3 aprile. Una vittoria d’obbligo se parliamo anche della corsa al titolo. Ma a prescindere, è probabile che nelle prossime settimane li vedremo tra i primi tre della nostra classifica.

Vedi anche:  Finale di UEFA Conference League: cinque giocatori dell'AS Roma da guardare contro il Feyenoord

Macchie europee

Club che lottano per giocare in Europa la prossima stagione.

5. Atalanta (-)

L’Atalanta ha perso terreno nelle ultime settimane. Nonostante la buona corsa in Europa League, la sconfitta contro l’AS Roma di Jose Mourinho è stato probabilmente il momento in cui il tecnico Gian Piero Gasperini si è reso conto che le prime quattro di questa stagione stanno diventando sempre meno vivaci, considerando il buon stato di forma della Juventus. La cosa più preoccupante per la squadra bergamasca, solitamente di alto livello, è che in quattro delle ultime sei partite di Serie A non sono riuscite a ottenere nemmeno un xG totale e hanno segnato più di un gol solo una volta nelle ultime sette partite di Serie A. L’Atalanta deve assicurarsi il quinto posto al più presto perché sia ​​Roma che Lazio stanno spingendo indietro e stanno migliorando i loro risultati settimana dopo settimana.

6. AS Roma (+1)

Jose Mourinho ha finalmente trovato una certa coerenza con sette risultati positivi di fila e ora può sognare qualcosa in più di quanto ci si aspettava solo poche settimane fa. Tammy Abraham si sta comportando molto bene e ha già segnato 13 gol in questa stagione di Serie A e guida il campionato senza rigori xG con 13.71. Anche altri giocatori come Nicolò Zaniolo e Gianluca Mancini stanno aiutando costantemente la squadra nelle ultime settimane. L’impatto del neo acquisto Sergio Oliveira è stato fondamentale per la crescita di questa squadra e dovrebbe rimanere in estate dopo il prestito iniziale di sei mesi.

7. Lazio (-1)

Lazio e AS Roma hanno scambiato le loro posizioni in questa classifica praticamente ogni singola settimana. Sono due squadre simili, perché faticano a tenere il passo con le squadre davanti con tanti alti e bassi. Possiamo finalmente vedere lo stile di manager Maurizio Sarri che inizia ad affermarsi ora anche se la squadra non ha trovato consistenza. Completano il secondo maggior numero di passaggi in Serie A con 566,8 a partita, hanno la seconda percentuale di passaggi completati più alta con l’87,1% ma, soprattutto, creano solo 8,5 occasioni per partita, il settimo peggior totale del campionato. Alla fine il loro possesso deve portare a qualcosa o finiranno bloccati all’esterno a guardare dentro.

8. Fiorentina (-)

Il buon lavoro di Vincenzo Italiano è sicuramente qualcosa che tutti notano. La squadra però sta faticando un po’ nelle ultime settimane, almeno in parte grazie alla sconfitta di Dusan Vlahović contro la Juventus. È anche abbastanza normale che squadre come la Fiorentina che corrono così tanto durante le partite a un certo punto della stagione hanno un calo in termini di prestazioni.

Al centro del branco

Queste squadre sicuramente rimarranno già in campionato, ma non avranno alcuna possibilità di giocare nelle competizioni europee la prossima stagione.

9. Sassuolo (+1)

Il Sassuolo ha bisogno di adattarsi dopo la partenza dell’ex allenatore Roberto De Zerbi la scorsa estate ed è arrivato Alessio Dionisi. Nella prima parte della stagione in corso il Sassuolo ha dovuto affrontare momenti difficili in termini di risultati in campo, pur dimostrando sempre un buon livello calcistico. Ora sembrano totalmente di nuovo in carreggiata e hanno mostrato buoni progressi nelle ultime settimane. Giocatori come Gianluca Scamacca e Giacomo Raspadori stanno segnando settimana dopo settimana, ma soprattutto Domenico Berardi sta facendo un’ottima prestazione (12 gol, 14 assist) in questa stagione. Il suo 0,66 combinato xG e xA in questa stagione è il suo miglior totale negli ultimi cinque anni.

10. Hellas Verona (-1)

L’Hellas Verona è sicuramente una delle migliori squadre a metà classifica. Buona qualità del calcio, un allenatore con le idee chiare e giocatori come Giovanni Simeone e Gianluca Caprari che stanno mettendo al sicuro questo club dalla zona retrocessione. La stagione in corso è iniziata male con Eusebio Di Francesco, ma da quando è arrivato Igor Tudor tutto è cambiato.

11. Torino (-)

La squadra dell’ex allenatore dell’Hellas Verona Ivan Juric sta vivendo un momento deludente. Un inizio molto solido nella prima parte di stagione, ma di recente hanno avuto alti e bassi, anche se due settimane fa sono riusciti a pareggiare contro la Juventus. Quest’anno non possono aspirare a giocare a calcio europeo, ma questo deve essere un obiettivo per la prossima stagione sotto Juric.

Vedi anche:  Chelsea vs Brentford: continua la straordinaria rimonta di Christian Eriksen, che spinge le api a vincere

12. Empoli (-)

Il lavoro di Aurelio Andreazzoli ha messo al sicuro questa squadra che non sarà coinvolta nella lotta per la retrocessione in questa stagione. Andrea Pinamonti guida l’Empoli con nove gol in Serie A, 9,4 gol attesi e 72 tiri in questa stagione mentre Petar Stojanovic guida l’Empoli con 1.809 tocchi, 1.086 passaggi, 168 recuperi palla e il suo 50% sul target rate è il più alto della squadra.

13. Bologna (-)

L’allenatore Sinisa Mihajlovic sta litigando verbalmente con Joe Saputo, il proprietario del club, che ha detto alla stampa di preferire “persone motivate dalla sua parte”. Nel frattempo la squadra è ancora nella stessa situazione a fluttuare in mezzo al tavolo. È estremamente probabile che le due squadre si separeranno a fine stagione e la prossima settimana ci sarà un incontro cruciale tra l’allenatore e il proprietario del club. L’era di Mihajlovic potrebbe finire presto a Bologna.

14. Udinese (-)

Con due partite in mano ancora da giocare, l’Udinese può essere considerata fuori dalla battaglia per la retrocessione. L’allenatore Gabriele Coffi ha fatto un ottimo lavoro nelle ultime settimane e ha gestito una situazione difficile quando molti casi di Covid-19 all’interno della rosa hanno impedito loro di allenarsi e giocare normalmente. Se le cose andranno bene nelle prossime settimane, merita di essere confermato per la prossima stagione.

Zona retrocessione

Queste squadre stanno lottando e stanno lottando per mantenere il loro posto in Serie A per la prossima stagione.

15. Cagliari (-)

Dopo un buon periodo, il Cagliari ha perso in casa contro la Lazio ma questo non deve intaccare la vista sull’opera di Walter Mazzarri, che nelle ultime settimane è stata eccezionale. Hanno tempo e sono anche in una posizione migliore per recuperare e segnare punti per raggiungere il loro obiettivo il prima possibile.

16. Spezia (+1)

La squadra di Thiago Motta è sicuramente una di quelle che dobbiamo considerare per la retrocessione, ma l’esperienza dell’anno scorso li sta aiutando a essere in una posizione migliore. Mentre a inizio anno l’allenatore sembrava vicino alla partenza, le vittorie decisive contro Napoli e Milan hanno mantenuto il suo lavoro e ora sta lavorando per raggiungere l’obiettivo della proprietà americana.

17. Sampdoria (-1)

Dopo un buon inizio con il rientro in società di Marco Giampaolo, la squadra ha mostrato alcune difficoltà tattiche nelle ultime partite contro Atalanta e soprattutto Udinese. Mentalmente, questa squadra sembra essere insicura e questo ha portato a subire gol come quelli dello scorso fine settimana. Giocatori chiave come Antonio Candreva e Fabio Quagliarella devono avere un impatto mentre l’ex attaccante del Toronto FC Sebastian Giovinco ha finalmente esordito con il suo nuovo club.

18. Venezia (-)

La squadra di Paolo Zanetti è ora in difficoltà dopo aver perso in casa contro il Sassuolo e rischia molto la retrocessione solo un anno dopo la rimonta in Serie A. Nonostante abbia investito bene a gennaio, Zanetti non è ancora riuscito a trovare la giusta combinazione in campo.

19. Genova (-)

Un’altra settimana senza vittorie per il Genoa, che finora ha vinto solo una partita in tutta la stagione e ancora non ha vittorie sotto la guida di Alexander Blessin. Il pareggio contro l’Empoli è stato deludente perché questa squadra sta provando a fare punti ma le cose non stanno andando per niente bene. Il Genoa non ha vinto nessuna delle ultime 25 partite di campionato (15 pareggi, 10 sconfitte) e solo tre squadre nella storia della Serie A hanno registrato una serie più lunga senza vittorie: Ancona dal 1993 al 2004 (30), Perugia dal 2003 al 2004 ( 26) e Varese, due volte, tra il 1965 e il 1966 (26) e il 1971 e 1972 (28).

20. Salernitana (-)

Nonostante una buona prestazione nella prima parte del match contro l’Inter, la squadra di Davide Nicola ha perso male a San Siro e questo è stato un altro risultato deludente per una stagione che sembra avere una sola conclusione possibile: la retrocessione.

Articolo precedenteImpeccabile ‘respingimento’ di Mapfre alla vecchia resistenza di 1,60€, ora supporto
Articolo successivoL’Ibex 35 estende il suo rimbalzo e chiude la settimana con forti guadagni del 5,4%