Home Sport Classifiche di serie A Power: il Milan è in testa, la Juventus...

Classifiche di serie A Power: il Milan è in testa, la Juventus spera di raggiungere l’Inter, il Napoli a caccia

106
0

Mancano otto partite per incoronare un vincitore in Italia e scoprire chi prevarrà nella corsa allo scudetto di quest’anno. Anche a questa data in ritardo, quattro club possono potenzialmente sperare di essere i campioni e questo ultimo periodo di partite sarà più emozionante che mai. Il Milan è ancora il candidato di punta, ma Inter e Napoli stanno alle loro calcagna. Non bisogna sottovalutare anche la Juventus. Una vittoria questo fine settimana contro l’Inter che ha la possibilità di tornare a pieno titolo in gara. I posti europei sono ancora da definire e la battaglia per la retrocessione resta aperta con molti club coinvolti. E ora entriamo nella classifica.

Puoi guardare il meglio che la Serie A ha da offrire per tutta la stagione su Paramount+.

contendenti al titolo di serie A

Le squadre che quest’anno sono in corsa per vincere lo scudetto.

1. Milan (-)

Marzo è stato un mese cruciale per i rossoneri che sono ora i principali candidati a vincere lo scudetto di quest’anno. La squadra di Stefano Pioli ora ha la pressione di essere la leader del gruppo con altri rivali che cercano di inseguirli. Ma il Milan ora può contare su Zlatan Ibrahimovic, che finalmente è tornato e può contribuire a riportare il titolo al club undici anni dopo l’ultima volta. E i margini vanno bene per i rossoneri che in questa stagione hanno vinto più partite con un gol di scarto nei big-5 campionati europei (11), comprese ognuna delle ultime cinque vittorie in Serie A.

Otto partite rimaste: Bologna (H), Torino (A), Genoa (H), Lazio (A), Fiorentina (H), Hellas Verona (A), Atalanta (H), Sassuolo (A).

2. Inter (-)

Sono stati l’opposto del Milan negli ultimi due mesi. Dopo aver perso il Derby della Madonnina, la squadra di Simone Inzaghi sta attraversando un momento molto difficile e questa pausa per le Nazionali si spera sia stata una buona ripartenza per i nerazzurri che hanno bisogno di ottenere risultati veloci in tabellone nelle ultime nove partite. L’Inter può giocare una partita in più rispetto ai rivali, contro il Bologna il 27 aprile. Tuttavia, se gioca come ha fatto di recente, anche quella partita potrebbe non essere sufficiente per portarla in testa alla classifica per un back-to- indietro Scudetto vinto.

Nove partite rimaste: Juventus (A), Hellas Verona (H), Spezia (A), Roma (H), Bologna (A), Udinese (A), Empoli (H), Cagliari (A), Samp (H),

3. Juventus (-)

La squadra di Massimiliano Allegri, nonostante la brutta sconfitta contro il Villarreal negli ottavi di finale di Champions League, è in ottima forma e ha recuperato la corsa al titolo di Serie A. La Juventus è indietro in classifica, ma la sfida di questo fine settimana contro l’Inter dà loro una vera possibilità di balzare in scena in testa alla classifica. Soprattutto considerando che il loro calendario si fa abbastanza facile dopo l’Inter. Dusan Vlahović e Alvaro Morata si stanno comportando bene, e mentre Paulo Dybala lascerà alla fine della stagione, avrà la possibilità di diventare un eroe se riusciranno a farlo.

Otto partite rimaste: Inter (H), Cagliari (A), Bologna (H), Sassuolo (A), Venezia (H), Genoa (A), Lazio (H), Fiorentina (A)

4. Napoli (-)

Il Napoli è ancora lì, nonostante sia considerato meno propenso a vincere il titolo rispetto ai rivali. È principalmente una questione di forza del programma. La squadra di Luciano Spalletti ha davanti ancora squadre come Atalanta, Roma e Fiorentina. Sarà un mese difficile per il Napoli, ma se riuscirà a uscire dalle prossime tre partite ancora in gara, potrà avere occasioni per lottare fino alla fine. Victor Osimhen sarà la chiave. Il Napoli ha vinto il 70% delle partite di Serie A in questa stagione con Osimhen (14/20), mentre la percentuale di vittorie scende al 50% senza di lui (5/10), il che porta la percentuale di punti a partita in calo senza il nigeriano (2,3). a 1.7).

Otto partite rimaste: Atalanta (A), Fiorentina (A), Roma (A), Empoli (A), Sassuolo (A), Torino (A), Genoa (A), Spezia (A).

Macchie europee

Club che lottano per giocare in Europa la prossima stagione.

5. Atalanta (-)

È una testimonianza di quanto lontano sia arrivata l’Atalanta negli ultimi cinque anni che questa stagione è piuttosto deludente. Ora hanno bisogno di una buona parte finale della stagione per assicurarsi il quinto posto. La squadra di Gasperini è stata una delle più forti delle ultime stagioni, ma quest’anno ha avuto alti e bassi soprattutto in Serie A. Uno dei fattori è stato che i loro attaccanti chiave hanno sottoperformato rispetto alla scorsa stagione. Luis Muriel ha segnato solo quattro gol in campionato in questa stagione, l’ultima volta che ne ha realizzati solo quattro in una stagione di Serie A risale al lontano 2014/15 (per Samp e Udinese).

Vedi anche:  Punteggio Atletico Madrid-Manchester City: la squadra di Guardiola sopravvive allo spavento in rotta verso le semifinali di Champions League

6. Rom (+1)

La migliore partita della stagione di Jose Mourinho è stata l’ultima contro la Lazio, la partita più importante della stagione per la maggior parte dei tifosi giallorossi. La vittoria per 3-0 ha portato la Roma al sesto posto in classifica con gli stessi punti dell’Atalanta (anche se i bergamaschi hanno una partita in mano). L’ambizione di Mourinho è quella di ottenere quel quinto posto e prepararsi per la prossima stagione dopo una buona conclusione di quella attuale. Tammy Abraham (15 gol in campionato in questa stagione) potrebbe eguagliare Gerald “Gerry” Hitchens come miglior marcatore inglese in una sola stagione di Serie A (16 gol con l’Inter nel 1961/62). Abraham, grazie ai suoi 23 gol in tutte le competizioni, è l’inglese ad aver segnato più gol in questa stagione tra i giocatori attualmente nelle Big-5 European Leagues.

7. Lazio (-1)

Dopo una brutta sconfitta nel Derby della Capitale, la squadra di Sarri ha perso un posto in classifica e continua a soffrire degli stessi problemi degli ultimi mesi. Il segnale più preoccupante è che questa squadra non sembra una squadra di Sarri, e questo potrebbe far sorgere qualche dubbio sul futuro dell’allenatore. Potrebbe andarsene a fine stagione, secondo alcune indiscrezioni. Sergej Milinkovic-Savic è il centrocampista direttamente coinvolto nel maggior numero di gol in questa stagione di campionato, mentre i suoi 17 gol (otto gol, nove assist) rappresentano per lui un record in una sola stagione di Serie A (17 anche nel 2020 /21 Massima serie italiana).

8. Fiorentina (-)

Uno dei lati più impressionanti della stagione in corso, il lavoro di Vincenzo Italiano è stato davvero solido e può ancora puntare più in alto visto che ha una partita in mano. Dopo aver perso Dusan Vlahovic lo scorso gennaio, questa squadra ha mantenuto le sue ambizioni e ora è pienamente in corsa per i posti in Europa League. Con alcuni miglioramenti sul mercato, questo è un elenco che può fare ancora meglio negli anni a venire.

Al centro del branco

Queste squadre rimarranno sicuramente in campionato ma non avranno alcuna possibilità di giocare nelle competizioni europee la prossima stagione.

9. Sassuolo (-)

La squadra di Dionisi è in ottima forma ultimamente e ha vinto quattro delle ultime cinque partite. Questa squadra ha avuto bisogno di un po’ di tempo per ritrovare l’equilibrio dopo aver cambiato allenatore la scorsa estate, ma ora è tornata e l’anno prossimo potrà lottare di nuovo per un posto in Europa. Il Sassuolo, grazie a Domenico Berardi e Gianluca Scamacca è una delle sole tre squadre, insieme a Real Madrid e Liverpool, ad avere due giocatori con più di 13 gol segnati nei cinque grandi campionati europei nel 2021/22.

10. Hellas Verona (+1)

Dopo aver raggiunto i quaranta punti necessari per assicurarsi la sopravvivenza in Serie A per la prossima stagione, l’Hellas Verona ha avuto un piccolo calo in termini di risultati nelle ultime settimane. Non è inaspettato e non cambia il giudizio complessivo sulle prestazioni della loro stagione. Sotto Igor Tudor (dal 14 settembre 2021 in poi), il Verona è il secondo miglior attacco della Serie A (52 gol realizzati, solo meno dell’Inter, 53).

11. Torino (-1)

L’allenatore Ivan Juric non è particolarmente felice di recente dopo che la sua squadra è stata una delle migliori nella prima parte della stagione e ora ha sottoperformato nelle ultime settimane. Il Torino ha un PPDA (Passato consentito Per Azione Difensiva, una misura di quanto aggressivamente una squadra preme) di 9,2 in Serie A in questa stagione (il 2° valore più basso). Nei big-5 campionati europei, solo il Barcellona (8,8) pressa più in alto di loro questa squadra.

12. Empoli (-)

L’Empoli ha avuto una stagione solida e per la prima volta dopo tanto tempo non lotterà fino alle finali solo per evitare la retrocessione. Molti i giocatori che hanno giocato un ruolo importante in questo passo in avanti, tra cui l’attaccante Andrea Pinamonti che quest’estate sarà uno dei nomi più interessanti del mercato. Poi c’è Nedim Bajrami che guida l’Empoli con 282 passaggi fatti nel terzo offensivo, 48 occasioni create, 4,4 assist attesi e co-leader con tre assist.

Vedi anche:  Manchester United vs Tottenham Hotspur: come guardare online, informazioni in diretta streaming, tempo di gioco, canale TV

13. Udinese (-)

Nonostante i casi di Covid-19 e gli infortuni che hanno condizionato le prestazioni di questa squadra negli ultimi mesi, Gabriele Cioffi ha lavorato molto bene per tenere l’Udinese fuori dalla battaglia per la retrocessione quest’anno. Da febbraio Roberto Pereyra è uno dei tre giocatori ad aver assistito almeno tre gol in Serie A (al pari di Freuler e Candreva): è però l’unico tra questi tre giocatori ad aver giocato meno di 400 minuti (329 ).

14. Bologna (-)

Un momento difficile per il Bologna e soprattutto per l’allenatore Sinisa Mihajlovic che sabato scorso ha annunciato che tornerà in ospedale per un altro ciclo di cure contro lo stesso tumore che dall’estate 2019 gli ha cambiato la vita. Il tecnico serbo manterrà il suo lavoro a distanza mentre la squadra ha bisogno di fare punti importanti in campo.

Zona retrocessione

Queste squadre stanno lottando e stanno lottando per mantenere il loro posto in Serie A per la prossima stagione.

15. Spezia (-)

Poche settimane fa sembrava molto probabile la retrocessione dello Spezia. Thiago Motta è però riuscito a migliorare molto le prestazioni della sua squadra e lo Spezia ora è in una posizione migliore. Non sono ancora sicuro di farcela, ma con molte più speranze considerando quante squadre saranno coinvolte fino alla fine della stagione.

16. Sampdoria (+1)

Vincere in trasferta contro il Venezia è stato molto importante per quello di Marco Giampaolo che da quando è arrivato è migliorato molto. La Samp ha guadagnato 1,13 punti a partita con Marco Giampaolo, mentre con Roberto D’Aversa ne aveva 0,91 nella prima parte della stagione. Da quando Giampaolo è rientrato nel club, ha guadagnato nove punti in otto giornate (a pari merito con Atalanta e Cagliari), con sei squadre che hanno guadagnato meno punti di loro.

17. Cagliari (-1)

Insieme alla Juventus è stata la migliore squadra del campionato nei primi due mesi del 2022. Nelle ultime settimane qualcosa è cambiato e i risultati sono abbastanza preoccupanti. Joao Pedro rappresenta il 36% dei gol del Cagliari (4° punteggio più alto in Serie A), il 32% dei gol attesi dal Cagliari (3° punteggio più alto in Serie A) e il 21% dei tiri del Cagliari (3° punteggio più alto in Serie A). . Così come va Pedro, così va il Cagliari.

18. Genova (+1)

Il Genoa è tornato. La vittoria contro il Torino ha dato una sferzata di speranze ai tifosi che ora possono spingere la propria squadra nell’ultima parte della stagione. Da quando Alexander Blessin è diventato allenatore del Genoa (19 gennaio 2022), i rossoblù hanno mantenuto la porta inviolata sei in otto partite di Serie A; in questo periodo solo la Real Sociedad (sette in nove partite) ha fatto meglio nelle cinque grandi leghe europee. In questo stesso periodo, infatti, nessuna squadra ha subito meno tiri in porta del Grifone in Serie A (22, alla pari del Milan).

19. Venezia (-1)

Questa squadra è crollata nelle ultime settimane nonostante una forte finestra di mercato di gennaio e ora si trova in una posizione molto pericolosa in classifica. L’americano Gianluca Busio ha tentato il terzo maggior numero di passaggi sul Venezia in questa stagione con 766, il suo tasso di completamento dei passaggi dell’85% è il più alto della squadra tra i giocatori con oltre 900 minuti giocati. Potrebbe avere un futuro radioso, ma se il Venezia retrocesse, gli sarà più difficile formare una squadra USMNT per il Qatar a novembre?

20. Salernitana (-)

Nuova settimana delle nostre classifiche di potenza, stessa situazione per la Salernitana. Solo un miracolo può salvarli dalla retrocessione. La Salernitana è la più lunga striscia di vittorie casalinghe in Serie A: 10 (insieme al Venezia) – dopo sei sconfitte consecutive, ne ha pareggiate le ultime quattro in casa – l’ultima squadra campana che ha segnato più pareggi consecutivi in ​​casa è stata il Napoli (sei tra febbraio e maggio 1972).

Articolo precedenteL’IEA rilascerà più titoli petroliferi in risposta alle turbolenze del mercato
Articolo successivoBruno Fernandes firma il nuovo contratto con il Manchester United: il regista portoghese promette di portare il successo all’Old Trafford