Home Sport Christian Eriksen: il nazionale danese torna in rosa per la prima volta...

Christian Eriksen: il nazionale danese torna in rosa per la prima volta dall’arresto cardiaco agli Europei

53
0

La nazionale danese ha richiamato per la prima volta il centrocampista del Brentford Christian Eriksen dopo l’incidente dello scorso anno durante Euro 2020, quando è crollato in campo e ha subito un arresto cardiaco. L’allenatore Kasper Hjulmand ha deciso di includere Eriksen tra i ventitré giocatori selezionati per giocare le amichevoli contro Olanda e Serbia a fine mese. L’ex centrocampista dell’Inter è arrivato al Brentford lo scorso gennaio con un contratto semestrale fino alla fine della stagione in corso.

Eriksen non ha potuto continuare a giocare in Serie A a causa delle regole del campionato italiano sui dispositivi medici. La necessità di Eriksen di un pacemaker significava che non sarebbe stato in grado di scendere in campo per la sua squadra di club, l’Inter, poiché i dispositivi non sono consentiti. A dicembre Inter ed Eriksen si separano ufficialmente, sei mesi dopo l’incidente subito durante la partita contro la Finlandia del 12 giugno. Il centrocampista danese ha quindi deciso di tornare in Premier League, dove non ci sono tali restrizioni. Eriksen ha giocato l’ultima volta in Premier League con il Tottenham Hotspur durante la stagione 2019-20 prima di partire, ponendo fine a un periodo di otto anni che lo ha visto apparire 226 volte per il club del nord di Londra.

Vedi anche:  Pronostici Champions League, quote Liverpool-Villarreal: gli uomini di Jurgen Klopp travolgono i favoriti

Trasferitosi all’Inter, è stato titolare, anche se non sempre da titolare, di Antonio Conte, 43 presenze in una stagione e mezzo. A Brentford Eriksen ha giocato tre partite da quando è entrato a far parte del club, fornendo un assist nella vittoria della squadra nell’ultima partita contro il Burnley. Il suo obiettivo è quello di entrare a far parte della lista della Nazionale per la Coppa del Mondo del Qatar entro la fine dell’anno e questa prima chiamata è sicuramente un altro passo verso il raggiungimento di qualcosa che solo poche settimane fa sembrava essere un sogno impossibile.

Articolo precedenteManchester United vs Atletico Madrid: streaming live della Champions League, canale TV, come guardare online, ora
Articolo successivoIntel flirta pericolosamente con la base di lato degli ultimi quattro anni