Home Economia Chiusura ribassista per lo Ibex, che perde 8.800 punti e si allontana...

Chiusura ribassista per lo Ibex, che perde 8.800 punti e si allontana dalla resistenza

95
0

chiusura ribassista per il Stambecco (-0,65%; 8.781,60 punti) dopo questo lunedì i numeri verdi hanno prevalso nel Vecchio Continente. sessione di oggi ha avuto il riferimento ribassista di Wall Street dopo la vacanza dello scorso giorno, che ha allontanato lo spagnolo selettivo dalla resistenza di 8.840 punti.

Il mercato americano registra notevoli ribassi, soprattutto nel settore tecnologico, a causa di un ulteriore rialzo dei rendimenti obbligazionari. Il Il rendimento dell’obbligazione americana a 10 anni è salito all’1,83% (massimo due anni), per le previsioni di a ulteriore stretta monetaria da parte della Federal Reserve (Fed) contenere l’inflazione.

Anche negli Stati Uniti è stata una notizia microsoft, che ha sorpreso il mercato annunciando il acquisto della società di videogiochi Activision Blizzard per quasi 69.000 milioni di dollari e un premio vicino al 40%. Senza dubbio, le notizie aziendali più importanti fino ad ora quest’anno.

Tutto questo in un’altra sessione carica di riferimenti chiave. Da un lato, continua Forum di Davos, di cui ieri è stato protagonista il presidente cinese, Xi Jinping, che ha avvertito del rischio di un aumento troppo rapido dei tassi. Al riguardo, va ricordato che oggi il Banca del Giappone, che ha mantenuto i tassi invariati a -0,1%.

Vedi anche:  L'Ibex 35 sorge fortemente sostenuto da banche, turismo e Telefónica

I responsabili della politica economica giapponese hanno alzato le loro previsioni di inflazione media, fino a 1,1% da 0,9%, in risposta al recente aumento dei prezzi dell’energia, mentre la previsione del PIL è passata dal 2,9% al 3,8%.

Inoltre, oggi il Tasso di disoccupazione ILO nel Regno Unito (sceso al 4,1% a novembre), ed è stato conosciuto il tedesco ZEW, che è stato molto meglio del previsto.

Sono stati inoltre pubblicati una serie di risultati rilevanti, tra cui quelli di Goldman Sachs, le cui azioni affondano perché la banca non riesce a soddisfare le previsioni di consenso. Nonostante abbia guadagnato quasi 4.000 milioni di dollari nel trimestre, le sue cifre sono stati inferiori al previsto.

Tutto questo in una settimana in cui i conti aziendali stabiliranno il ritmo. Giovedì inizia la stagione dei conti in Spagna con banchiere, mentre dall’altra parte dell’Atlantico le cifre per Netflix. Parimenti, quello stesso giovedì sarà noto il macro riferimento più rilevante della settimana, il IPC dell’Eurozona.

IL PETROLIO E’ CIRCA 87 DOLLARI

Intanto il petrolio continua a salire posizioni e barile Il Brent è già intorno agli 87 dollari, mentre il Wti è vicino agli 85 dollari. Sebbene l ‘”oro nero” abbia ridotto la sua avanzata con l’avanzare della giornata.

Vedi anche:  Elon Musk accetta di acquistare Twitter per 44 miliardi di dollari

“Questa mattina abbiamo visto come il prezzo del greggio Brent si sia spostato sopra gli 87 dollari. Questo è il livello più alto dal 2014“, indicano gli esperti di Danske Bank nel loro rapporto quotidiano.

“Il vincolo dell’offerta mondiale, il rinnovato ottimismo sulla fluidità di Omicron e le recenti tensioni geopolitiche sono stati i principali motori del movimento al rialzo del petrolio nelle ultime settimane. La nostra base rimane quella il prezzo del petrolio si stabilizzerà e alla fine scenderà entro la fine dell’anno a causa di un dollaro più forte, della normalizzazione dell’offerta da parte dell’OPEC+ e dell’inasprimento della politica economica globale che pesa sulla domanda”, aggiungono questi analisti.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,1340 dollari (-0,6%). L’oro viene scambiato leggermente in rialzo ($ 1.819) e l’argento è in rialzo di quasi il 3% ($ 23,56).

Il bitcoin rende l’1,2% ($ 41.625) e l’ethereum lascia il 2,9% ($ 3.121).

Il rendimento dell’obbligazione spagnola a 10 anni sale allo 0,668%.

Articolo precedenteMetti l’intelligenza al servizio della tranquillità
Articolo successivoPronostico Chelsea vs Brighton, quote, linea: l’esperto di calcio rivela le scelte della Premier League inglese per il 18 gennaio