Home Economia Chiusura leggermente ribassista sull’Ibex dopo una giornata molto volatile

Chiusura leggermente ribassista sull’Ibex dopo una giornata molto volatile

83
0

L’Ibex 35 ha vissuto questo mercoledì un giorno di andirivieni e barcolla dopo il crollo di oltre il 2% nell’ultima seduta, che lo ha portato a farlo perdere gli 8.000 punti. Il selettivo ha iniziato la giornata con un forte rimbalzo, poi è andato in posizione piatta e infine ha chiuso con a caduta 0,14%, fino a 7.948,6 punti. L’indice spagnolo ha cercato di mantenersi a quota 8.000, anche se gli analisti di Bolsamanía non sono affatto ottimisti e parlano di un possibile attacco a 7.783 puntiil tuo prossimo supporto, nei prossimi giorni.

All’interno dell’indice, il rialzo Indra (+4,20%), Inditex (+3,90%) e Rovi (+3,88%) e cade nelle banche. CaixaBank (-6,60%), Sabadell (-6,67%) e Bankinter (-7,84%) Sono i peggiori. Anche Telefónica ha ceduto in modo notevole, che ha perso il 4%, in una giornata in cui Credit Suisse ha pubblicato un rapporto piuttosto tiepido sull’operatore.

Martedì i mercati azionari del Vecchio Continente sono scesi tra il 2% e il 3%. Wall Street ha chiuso la giornata con un segnale misto. In Asia i numeri rossi si sono imposti questa mattina, con tagli dell’1,2% al Nikkei e dell’1,9% all’Hang Seng.

Vedi anche:  L'Hang Seng crolla del 3,6% e guida il declino in Asia quando Putin invade l'Ucraina

La situazione a volte è complicata. all’aumento dell’inflazione e la paura di una recessione già data per scontatasi aggiungono altri elementi che contribuiscono a destabilizzare il mercato, come ad es la caduta dell’euro al minimo da 20 anni rispetto al dollarodi cui si parla da ieri, oppure, in ambito politico, la crisi nel Regno Unitocon il dimissioni dei ministri delle Finanze, della Salute e dell’Infanzia. Ancora una volta si dice che Boris Johnson sia sul filo del rasoio.

LA PAURA DELLA RECESSIONE DISTRUGGE TUTTO

Il timore di una recessione in atto la scorsa sessione ha portato a questo crollo dell’euro e anche che l’olio cada bruscamente.

“Le azioni europee sono crollate, e giustamente, poiché il tallone d’Achille dell’energia europea, proveniente dalla Russia, è stato crudelmente esposto. Anche l’euro ha capitolato e la coppia euro/dollaro ha perso 1,0350 in viaggio verso una perdita dell’1,50%, fino a 1,0260. Anche le azioni della sterlina e del Regno Unito sono state colpite da venti contrari di instabilità politica”, ha affermato l’analista di Oanda Jeffrey Halley nel suo rapporto quotidiano sui mercati.

Vedi anche:  Meliá Hotels polverizza la resistenza e attacca il gap ribassista settimanale di 2 anni fa

Per la sua parte, anche il mercato obbligazionario americano ha emesso un avviso che l’economia statunitense potrebbe essere sull’orlo della recessione con inversione dello spread della curva dei rendimenti del Tesorocioè tra i rendimenti del Tesoro di maggiore e minore durata.

In genere, i rendimenti a più lunga scadenza, come l’obbligazione a 10 anni, sono superiori ai rendimenti a più breve termine, come l’obbligazione a 2 anni. Ma nelle ultime ore il rendimento a 2 anni ha sovraperformato il rendimento a 10 anni.

Il il greggio scende del 2% ora dopo essere sceso del 9% ieri. Il Brent si attesta a $ 100,27 e il Texas occidentale a $ 96,82. Per quanto riguarda l’euro, continua a scendere e viene scambiato a 1,0168$ (-0,95%).

L’agenda di questo mercoledì include i dati più importanti il verbale dell’ultima riunione della Fed.

ALTRI MERCATI

L’oro rimane al di sotto di $ 1.800 (-1,45%, $ 1.738). L’argento è sceso leggermente a 19,1 dollari l’oncia.

Bitcoin ha perso l’1,3% a $ 20.066 e Ethereum è sceso dell’1,08% a $ 1.128.

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni si attesta ora al 2,88%.

Articolo precedenteCosa dobbiamo fare se siamo in mare e troviamo delle meduse?
Articolo successivoLa Francia lavora alla completa nazionalizzazione del colosso elettrico EDF