Home Economia Chiusura leggermente ribassista per lo Ibex dopo aver perso forza nel tratto...

Chiusura leggermente ribassista per lo Ibex dopo aver perso forza nel tratto finale

236
0

Il IBEX 35 ha perso vigore nel tratto finale della giornata ed è leggermente calato (-0,15%, 8.713,2 punti) dopo cosa Stati Uniti d’America lo ha confermato invierà 3.000 soldati nell’Europa orientale per contrastare l’aumento delle truppe russe al confine con l’Ucraina. I valori associati al turismo e ai viaggi, come Amadeus, Aena, IAG e Meliasono stati i più ribassisti, insieme a Inditex.

In Spagna il protagonista della giornata è stato Santander, che si è ripreso dai tagli iniziali e si è leggermente rialzato dopo aver annunciato risultati storici nel 2021, con un utile di pertinenza di 8.124 milioni di euro e un utile ordinario ante imposte record di 15.260 milioni.

La banca ha affermato di essere sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi a medio termine fissati per il 2019 e che quest’anno pagherà il 40% degli utili come dividendo. Sebbene l’interesse del mercato sia stato centrato sul possibile acquisto di Banamex, l’attività di Citigroup in Messico.

Al riguardo, l’Amministratore Delegato, José Antonio Alvarezlo ha commentato “Parteciperemo al processo, anche se non abbiamo bisogno di acquistare per continuare a crescere a buon ritmo in Messico”. Per la sua parte, Ana Botin ha specificato che “In nessun caso consideriamo un aumento di capitale” per affrontare questa operazione o “qualsiasi altra”, che il mercato ha apprezzato.

Vedi anche:  Il gigante russo Gazprom minaccia di interrompere le forniture di gas all'Europa

Ha inoltre evidenziato il buon andamento di Cellnex, Rovi e BBVAche sarà protagonista domani perché presenterà i risultati del quarto trimestre.

Oltre ai conti Santander, quelli del alfabeto gigante della tecnologiache vola nella borsa dopo aver battuto le previsioni di profitti e ricavi e annunciare una divisione 20×1. La società ha evidenziato “la continua forte crescita della nostra attività pubblicitaria” nel quarto trimestre.

Altri titoli leader a Wall Street sono il produttore di chip, emm, che avanza anche con gioia; Y PayPalche affonda quando si anticipano previsioni deboli per i prossimi trimestri.

L’agenda di questo mercoledì ha incluso altri risultati rilevanti (come quelli di Obbiettivo dopo la chiusura del mercato negli USA), oltre a macro riferimenti di interesse, come il Eurozona CPI (avanzato del 5,1% a gennaio e stabilito un nuovo record) o il rapporto ADP sull’occupazione negli USA (molto peggio del previsto, anticipando la perdita di 301.000 posti di lavoro a gennaio).

In Spagna è noto Disoccupazione di gennaio, che è aumentata di 17.173 persone. Tutto questo, prima che la BCE e la Banca d’Inghilterra si incontrino domani.

In Asia, i numeri verdi hanno nettamente prevalso in quei luoghi che non hanno chiuso a causa dei festeggiamenti del capodanno cinese. Il Nikkei si è apprezzato dell’1,68%.

COPERTURA DEL GAP BEARISH DEL 21 GENNAIO

Lo Ibex è riuscito questo martedì a chiudere sopra i massimi delle ultime due sessioni. Gli esperti di Bolsamanía indicano che, a breve termine, potremmo finire per vedere Come copre il gap ribassista che è stato lasciato il 21 gennaio negli 8.814 punti.

Vedi anche:  ACS è incorporato in un lato che è durato 11 mesi

“Per vedere un miglioramento tecnico dovremmo aspettare fino a quando una chiusura sopra 8.866 puntiprezzi dove converge la media di 200 sessioni”, sottolineano.

Finora quest’anno, banche e titoli turistici sono chiaramente i migliori risultati all’interno dell’indice, con Sabadell, CaixaBank, Bankinter, Meliá o IAG a capo del selettivo. Sul versante opposto, Cellnex, Fluidra e Siemens Gamesa sono i titoli che sono rimasti di più nell’accumulato del 2022.

ALTRI MERCATI

L’euro viene scambiato a 1,1294 dollari (+0,22%). Il Petrolio in calo moderatamente, con il Brent a $ 88,68 e il WTI a $ 87,50. Il OPEC+ ha deciso questo mercoledì non aumentare la produzione di greggio oltre i 400.000 barili al giorno previsti. Il cartello ha deciso di continuare a monitorare il mercato e si incontrerà di nuovo a febbraio.

L’oro è in rialzo dello 0,5% ($ 1.809) e l’argento dello 0,4% ($ 22,70).

Bitcoin è in calo del 3,8% ($ 37.165) ed ethereum del 4,5% ($ 2.650).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni si allenta all’1,766% e il rendimento dell’obbligazione spagnola a 10 anni rimane allo 0,783%.

Articolo precedenteCosì puoi pulire la toilette con l’aceto in meno di un minuto
Articolo successivoGiorno di scadenza del trasferimento: il Barcellona si assicura l’accordo di Pierre-Emerick Aubameyang con l’Arsenal dopo una drammatica inversione di tendenza