Home Sport Champions League: restano le preoccupazioni difensive per il Bayern Monaco nonostante il...

Champions League: restano le preoccupazioni difensive per il Bayern Monaco nonostante il pareggio al 90′ in casa del Salisburgo

81
0

Il Bayern Monaco ha negato al Red Bull Salisburgo quella che sarebbe stata una vittoria storica nell’andata degli ottavi di UEFA Champions League mercoledì con un pareggio nel finale che copre a malapena le crepe mostrate dai giganti tedeschi al momento.

Kingsley Coman è stato preso di mira da Thomas Muller mentre il tempo stringeva alla Red Bull Arena e il nazionale francese ha pareggiato dopo che Chukwubuike Adamu aveva dato ai padroni di casa austriaci un inizio da sogno con un gol di apertura al 21′ su assist di Brenden Aaronson.

Alla fine, la squadra di Julian Nagelsmann ha negato agli uomini di Matthias Jaissle quella che sarebbe stata una vittoria impressionante, ma per molti versi questa sembra un’altra sconfitta per il Bayern dopo la sconfitta a sorpresa della Bundesliga contro il VfL Bochum nel fine settimana.

Per la quarta partita consecutiva, i bavaresi hanno subito gol almeno una volta e in quelle quattro partite principalmente nazionali hanno segnato un totale di otto che anche escludendo l’incredibile quadruplo di Bochum è ancora un gol a partita.

Il club gemello tedesco del Salisburgo, l’RB Leipzig, ha battuto due volte il Bayern all’Allianz Arena, mentre l’Hertha Berlin ha segnato anche contro i campioni e l’unica squadra a non riuscirci nel 2022 finora è l’1 FC Koln che è stato battuto 4-0 all’inizio di gennaio dopo un 2 -1 sconfitta contro il Borussia Mönchengladbach.

Molti indicheranno l’assenza di Manuel Neuer tra i pali per infortunio come motivo di questo improvviso tremore alla schiena, ma il marciume aveva già iniziato a prendere piede prima che il povero Sven Ulreich gli avesse superato cinque in due partite dato che Neuer è stato battuto tre volte in altrettante partite.

Vedi anche:  Risultato Juventus-Inter: l'Inter ottiene una vittoria decisiva in Serie A, mentre la Juve scivola fuori dalla corsa allo scudetto

Certo, Ulreich era in campo contro il Gladbach, ma sarebbe duro incolpare il 33enne per le carenze difensive collettive della squadra quando artisti del calibro di Benjamin Pavard, Niklas Sule, Lucas Hernandez e persino l’acquisto estivo Dayot Upamecano sono stati tutti regalo.

Due delle partite che hanno visto il Bayern permettere agli avversari di segnare si sono concluse con la vittoria di Nagelsmann e dei suoi giocatori grazie al loro attacco letale guidato da Robert Lewandowski che ha segnato 10 gol nelle ultime quattro partite subendo quegli otto gol. La superstar polacca era impotente in Austria, però, senza un solo colpo.

Indipendentemente dalla potenziale serata unica per l’affidabile Lewandowski, 10 gol subiti in sei partite in tutte le competizioni sono estremamente diversi dai detentori del titolo della Bundesliga che sono anche usciti dalla DFB Pokal dopo una clamorosa sconfitta per 5-0 in casa del Gladbach verso la fine del Ottobre.

In effetti, torna indietro alla fine del 2021 e SL Benfica, FC Augsburg e Borussia Dortmund hanno segnato più di una volta contro il Bayern, mentre SC Freiburg, Dynamo Kyiv e Mainz 05 hanno anche rovinato la porta inviolata per il colosso tedesco.

Qualcosa chiaramente non sta funzionando per i bavaresi in questo momento e anche se potrebbe non essere così semplice come l’assenza di Neuer, la situazione contrattuale di Sule e la partenza ora confermata, o la linea di fondo spesso completamente francese a tre, è una combinazione di queste cose e alcune di più.

Vedi anche:  Secondo quanto riferito, la famiglia Ricketts, proprietaria dei Chicago Cubs, sarebbe interessata all'acquisto del Chelsea FC

Nagelsmann avrebbe sempre avuto bisogno di tempo per imprimere il suo segno su questo Bayern, soprattutto perché supervisiona un cambio generazionale che molti volti più giovani entrano per espellere i restanti veterani, ma la gerarchia dell’Allianz Arena non si sarebbe aspettata che sarebbe costato loro di più di un pezzo di argenteria.

La squadra è relativamente a suo agio al momento con un vantaggio di sei punti sul Dortmund nella massima serie tedesca, ma ciò non scuserà un’uscita scioccante dall’UCL o la continua carità della difesa nei confronti di ogni avversario che affronta.

Il Salisburgo ha ottenuto questo tipo di risultato non dovrebbe sorprendere, dato il suo recente sviluppo continentale, ma il fatto che il Bayern possa ancora essere la sua prossima vittima dovrebbe essere un minimo shock anche dato il loro deterioramento in difesa in questa stagione.

Nagelsmann e la sua squadra devono lavorare per evitare di cadere in casa contro il Salisburgo, il che li lascerebbe solo con la Bundesliga come il più scarso titolo di consolazione e anche quello non può essere considerato vinto dato che il Bayern deve ancora affrontare il Dortmund ancora una volta questo termine.

Articolo precedenteChampions League: l’Inter afflitta da problemi familiari nella sconfitta all’andata contro il Liverpool
Articolo successivoL’Asia si è mescolata vicino, con gli investitori che tengono d’occhio l’Ucraina e l’altro sulla Fed