Home Sport Champions League: l’Inter afflitta da problemi familiari nella sconfitta all’andata contro il...

Champions League: l’Inter afflitta da problemi familiari nella sconfitta all’andata contro il Liverpool

88
0

Per coloro che si aspettavano un Liverpool dominante a San Siro nell’andata degli ottavi di finale di Champions League, probabilmente sono rimasti delusi. L’Inter ha dimostrato di essere giusta in questo momento della competizione anche se l’esperienza e la forza della squadra di Klopp hanno fatto la differenza nel secondo tempo della vittoria per 2-0 dei Reds nell’andata di mercoledì sera.

Il primo tempo è molto equilibrato, con Hakan Calhanoglu che colpisce il palo e sfiora il vantaggio iniziale dell’Inter. Pericoloso il Liverpool quando l’Inter lascia spazio ai contrattacchi. L’Inter ha dimostrato di poter contenere i pericolosi attaccanti della squadra di Klopp mentre la partita si è giocata sulle fasce, con Ivan Perisic impegnato principalmente in una marcia personale contro Alexander-Arnold in un primo tempo a reti inviolate.

Anche l’Inter è stata la squadra migliore per porzioni del secondo tempo, ma non è riuscita a coprire nessuna delle sue molteplici occasioni. Edin Dzeko e Lautaro Martinez, in particolare, non sono stati abbastanza clinici davanti alla rete.

Vedi anche:  Scelte d'angolo: migliori scommesse, quote, pronostici per Juventus-Inter, Atalanta-Napoli e altro ancora

Il Liverpool va a segno al 70′ con un colpo di testa di Roberto Firmino su calcio d’angolo, e da quel momento la squadra di Simone Inzaghi perde un po’ di fiducia. Hanno subito un altro gol a Mohamed Salah pochi istanti dopo.

Nella sconfitta dell’andata, l’Inter ha mostrato ancora una volta un andamento preoccupante. La squadra di Inzaghi – come aveva fatto nel derby di Milano all’inizio del mese – sembrava essere la squadra migliore per la maggior parte della partita. Tuttavia, dopo aver subito un gol, qualcosa è cambiato nella mentalità di questa squadra. Sembrano essere preoccupati, insicuri e hanno completamente cambiato atteggiamento.

Inzaghi ha espresso il suo rammarico nell’intervista post partita: “Ci auguriamo di non dover affrontare il Liverpool in ogni partita. Sono orgoglioso della squadra, abbiamo fatto una grande partita, ma non abbiamo ottenuto i premi che abbiamo voluto dai nostri momenti migliori”, ha detto. Poi la prima volta che abbiamo spento siamo stati puniti da un gol incredibile.

Vedi anche:  Taccuino: Il Cagliari esonera Walter Mazzarri, Thomas Muller allunga con il Bayern Monaco, più affari in Bundesliga

“Ho fatto i complimenti alla squadra per la prestazione, avremmo meritato di più ma quello che abbiamo mostrato stasera dovrebbe far ben sperare per quello che verrà in futuro. L’Inter ha tenuto testa a una delle due squadre più forti d’Europa, serate come questa devono darci noi stessi -credo perché abbiamo giocato una grande partita. Penso che questa partita debba essere un punto di partenza. Abbiamo giocato tante ottime partite durante la stagione, ma non abbiamo mai affrontato una squadra della qualità del Liverpool prima”.

L’Inter andrà ad Anfield il mese prossimo (streaming on Paramount+), che hanno bisogno di due gol per avere qualche possibilità di passare ai quarti di finale di Champions League. Inzaghi e Inter dovranno eliminare lo schema di cedimento dopo aver subito un gol. Il mercoledì deve essere una lezione per il futuro.

Articolo precedenteChampions League: Sadio Mané del Liverpool spiega i giochi mentali di Mo Salah dopo la finale dell’AFCON, parla dell’Inter
Articolo successivoChampions League: restano le preoccupazioni difensive per il Bayern Monaco nonostante il pareggio al 90′ in casa del Salisburgo