Home Salute Cerebrino Mandri, pubblicità e medicinali, di Xavier Carmaniu Mainadé

Cerebrino Mandri, pubblicità e medicinali, di Xavier Carmaniu Mainadé

96
0

A questo punto della pandemia non ci sarà quasi nessuno che a un certo punto non l’abbia fatto un test dell’antigene per vedere se era stato infettato. Ed è che tra le tante cose che abbiamo imparato dopo due anni di lotta al coronavirus, nell’elenco possiamo includere la conoscenza che la nostra saliva fornisce molte informazioni di quanto siamo sani.

Bene, il gruppo Mal di testa e dolore neurologico all’ospedale Vall d’Hebron di Barcellona ha reso pubblico che attraverso un test della saliva possono sapere qual è la migliore terapia che possono somministrare a ciascun paziente quando ha un attacco di emicrania. I progressi scientifici degli ultimi anni stanno permettendo che diventi una realtà un grande cambiamento nei trattamenti medici e farmacologici, e invece di dispensare la stessa medicina a tutti, a ciascuno viene fornito ciò di cui ha veramente bisogno, perché gli operatori sanitari sanno da tempo che Non tutti lavorano le stesse cose. I nostri lettori che soffrono di emicrania lo sanno molto bene.

Quando due emicranici si incontrano, prima o poi la conversazione finisce per arrivare al punto in cui i rimedi vengono scambiati e vengono fatte raccomandazioni che affermano di essere infallibili. Fino a non troppi anni fa, una di queste soluzioni era quella di ricorrere un particolare antidolorifico di nome Cerebrino Mandri. Infatti, se finì per essere commercializzato, fu proprio per il passaparola tra i pazienti e per la visione del figlio del suo inventore, che in realtà si chiamava Mandri. Ramon Mandri Campanar. Era un farmacista che ha lavorato a Figueres nel XIX secolo. Quindi, questi professionisti della salute non solo hanno dispensato medicinali, ma hanno anche creato le proprie formule. Ha creato un prodotto che è stato utilizzato per combattere il mal di testa, ma a fargli avere successo fu suo figlio, Francesc Mandri Vila.

Vedi anche:  La salute chiude la Sauna Paraíso, ground zero dell'epidemia di vaiolo delle scimmie a Madrid

Nato nel capoluogo dell’Empordà nel 1883, studiò prima medicina e conseguì il dottorato. A differenza di suo padre, si stabilì a Barcellona e, parallelamente al suo lavoro, iniziò anche a lavorare per migliorare la formula paterna. Visto che non aveva abbastanza conoscenze di formulazione, Quando era più grande ha studiato Farmacia e si laureò nel 1922, a 39 anni.

Il risultato della sua audacia commerciale fu la nascita di uno dei marchi più famosi dell’industria farmaceutica catalana: Cerebrino Mandri. Se ha raggiunto tale popolarità, è stato sia per la sua efficacia che per le intense campagne pubblicitarie. Gli annunci, apparsi sui grandi giornali e riviste, erano sempre in primo piano un uomo dal portamento severo, vestito con una spalla mancante e una camicia bianca il quale, con gesto autorevole, indicò il nome del prodotto con l’indice della mano destra. Quel personaggio iconico della pubblicità è nato dall’ingegno e dal talento del leggendario fumettista Gaietà Cornet. Quell’artista faceva parte della geniale generazione di illustratori che ci riuscì grazie alla buona salute della stampa catalana. Tra gli autori più noti Erano Junceda, Elias-Apa, Llaverias, Opisso… Le sue opere sono apparse sulle pagine di intestazioni come ‘Cu-Cut’, ‘L’Esquella de la Torratxa’, ‘El Patufet’, ‘La Veu de Catalunya’… Un mondo scomparso con la dittatura franchista.

Vedi anche:  Salut prevede di revocare l'obbligo del certificato covid

Per quanto riguarda la fabbricazione del medicinale, iniziò a produrre in una farmacia in Ample Street. Man mano che l’attività cresceva, si trasferì in strutture più grandi, fino a quando non aprì la sua sede definitiva in via Provença. Francesco Mandri non si trasferì più dal Barcellona, ​​dove morì nel 1971. Nonostante la sua scomparsa, quel rimedio contro il dolore nato a Figueres ha continuato ad essere venduto fino al 2008, quando l’Agenzia spagnola per i medicinali ha ordinato di ritirarlo dal mercato. Quel preparato uscito da una farmacia dell’Empordà non ha superato i controlli del XXI secolo, ma la sua immagine iconica è rimasta scolpita nella memoria di molte generazioni che si sono rivolte a Cerebrino Mandri come unica speranza per combattere l’emicrania. I prossimi farmaci saranno sicuramente molto più efficaci nel porre fine a questo terribile mal di testa, ma è più che possibile che non abbiano un nome così particolare come questo.


Storia di Via Mandri

Sebbene a Barcellona ci sia una via Mandri, non è dedicato ai farmacisti Ramon e Francesc, riconoscere il suo lavoro nel creare la famosa medicina, ma ad un altro ramo della famiglia che aveva in quella stessa zona la masseria Can Mandri; quando Sant Gervasi de Cassoles non era ancora un quartiere della città, ma un piccolo paese alla periferia della capitale.

Articolo precedenteSerie A Star Power Index: Vlahović spinge in alto la Juventus; La stagione della carriera di Simeone; Il talento del Sassuolo Traorè
Articolo successivoA due anni dal primo contagio del covid in Catalogna: “Sapevamo che sarebbe arrivato”