Home Economia Cellnex negozia con Brookfield un’offerta congiunta per le torri di Deutsche Telekom

Cellnex negozia con Brookfield un’offerta congiunta per le torri di Deutsche Telekom

95
0

Cellnex sta negoziando con Gestione patrimoniale Brookfield un accordo per presentare un’offerta congiunta per la filiale di torri di telecomunicazioni di Deutsche Telecom. È un pacchetto di 40.600 torri in Germania e Austriaper un valore vicino a 20 miliardi di euro. L’iter per la presentazione delle offerte è già stato aperto, e sarà esteso nelle prossime settimane.

“L’acquisizione potrebbe essere strutturata attraverso a veicolo di investimento a cui partecipa un altro partner investitore“, ha confermato la società in un comunicato inviato alla National Securities Market Commission (CNMV).

“La società ha già confermato che avrebbe partecipato al processo e che stava pensando di allearsi con un partner finanziario. Stimiamo che Cellnex ha una capacità di investimento di circa 10 miliardi di euroquindi se vai con un partner finanziario, potresti ottenere una quota di maggioranza senza la necessità di aumentare il capitale.

Vedi anche:  "C'è più rischio di recessione negli Stati Uniti che nell'economia globale"

Sarebbe operazione di trasformazione per Cellnexpoiché aumenterebbe del 23% il suo portafoglio di torri e le consentirebbe di consolidarsi come leader indiscusso in Europa e prende le distanze da concorrenti come American Tower, Vantage o Totem”, spiegano gli esperti di Bankinter.

“Anche se il prezzo di acquisto è apparentemente ragionevole (490.000 euro/torre)è ancora presto per determinare l’impatto sulla valutazione”, aggiungono.

Questi analisti ribadiscono il loro consiglio ‘comprare’ valore, con un prezzo obiettivo di 52,67 €come “ha solidi fondamentali“perché è un “leader europeo nelle torri di telecomunicazioni”, ha “un’elevata visibilità nei flussi di cassa, con una crescita vicina al 20% fino al 2025; e un interessante rendimento futuro (superiore al 7% annuo)”.

Evidenziano inoltre la sua “forte capacità di investimento e la sua solida posizione finanziaria, con una scadenza media superiore a 6 anni e per lo più a costo fisso. Inoltre, offre protezione contro l’inflazionecon buona parte dei contratti legati all’IPC”.

Vedi anche:  Credit Suisse, su CaixaBank: "Il business plan è una via diretta verso la redditività"

Articolo precedenteIl tribunale nazionale persegue Iberdrola per aver alterato i prezzi dell’elettricità nel 2013
Articolo successivoL’Ibex 35 si ferma dopo aver segnato i massimi annuali e aver toccato i 9.000 punti psicologici