Home Salute Can Ruti cura malattie come il tremore essenziale e il morbo di...

Can Ruti cura malattie come il tremore essenziale e il morbo di Parkinson senza intervento chirurgico

192
0

Il Ospedale tedesco Trias i Pujol di Badalona (Barcellona) ha tecnologia ad ultrasuoni integrata Terapia focalizzata ad alta intensità (Hifu) da trattare in modo non invasivo a pazienti con malattie comeTremore essenziale e Parkinson di predominanza del tremore, ha spiegato il direttore dell’ospedale, Jordi Ara.

Lo ha fatto in conferenza stampa insieme al ministro della Salute della Generalitat, Josep Maria Argimon, che ha precisato che Can Ruti è il primo centro catalano e il terzo dello Stato avere questa tecnologia con un budget di cinque milioni di euro: “È un’attrezzatura da paese e tutti coloro che ne hanno bisogno, ovunque vivano, avranno accesso”.

Il capo della sezione disturbi del movimento, Ramiro Álvarez, ha precisato che il primo intervento è stato effettuato il 3 febbraio in un paziente con tremore essenziale e il risultato è stato “molto soddisfacente” perché la scomparsa del tremore potrebbe essere osservata nella stessa procedura.

Da allora il centro ha già curato cinque pazienti con risultati “molto favorevoli”. con un migliora significativo da a Tremore dal 70 al 90%. condizione invalidante che si presentava prima della procedura che, trattandosi di una tecnica non invasiva, non richiede il ricovero ospedaliero preventivo.

Vedi anche:  Gli esperti avvertono delle diete miracolose e del loro impatto sulla salute mentale

Il trattamento consiste nell’applicazione di ultrasuoni focalizzati ad alta intensità guidati da risonanza magnetica nel cervello: queste onde acustiche agiscono nel cervello convergendo sui neuroni che provocano il tremore e danneggiandoli attraverso l’ablazione termica.

Tutto questo attraverso un monitoraggio continuo in tempo reale, sia clinico che guidato dalla risonanza magnetica, con la possibilità di corroborare immediatamente sia l’efficacia che la comparsa di effetti avversi.

8.000 potenziali pazienti

Finora, pazienti con Parkinson tremore e tremore essenziale che non rispondono al trattamento farmacologico dovuto sottoporsi a interventi chirurgici per l’impianto di elettrodi nelle strutture cerebrali.

Inoltre, le condizioni in cui queste tecniche possono essere eseguite possono escludere un gruppo significativo di pazienti, insieme a coloro che potrebbero rifiutare questo intervento per il rischio di subire potenziali effetti collaterali.

D’altra parte il trattamento non invasivo coinvolto nell’Hifu ha dimostrato di avere “successo” in questi pazienti e, quindi, dal centro lo stimano in giro 8.000 persone potrebbero beneficiarne in Catalogna dell’attuazione del nuovo programma terapeutico.

Vedi anche:  Gli esperti non vedono "rigore scientifico" nell'uso delle mascherine all'aperto

Ara ha programmato che nel primo anno di avvio saranno in grado di curare circa 100 pazienti, mentre l’obiettivo dal secondo anno è quello di trattare circa 200 persone all’anno; Da parte sua, Argimon ha spiegato che ogni trattamento costa circa 13.000 euro.

Il manager ha dichiarato che cercheranno di distribuire questo servizio equamente tra tutti i catalani e applicheranno criteri di priorità nell’elenco dei pazienti che richiedono questo servizio.

Integrazione nel portafoglio dei servizi

Il presidente del consiglio di amministrazione dell’Istituto catalano di salute (ICS), Xavier Trias, ha sostenuto che il Servei Català de la Salut (CatSalut) incorporare questa tecnologia come un altro beneficio per la salute all’interno del portafoglio di servizi: “Non è una questione estetica, cambia la vita delle persone”, ha affermato.

L’amministratore delegato dell’Istituto catalano della salute (ICS), Yolanda Lejardi, ha rivendicato il “rigore” con cui hanno incorporato questa tecnologia e ha assicurato che l’ICS vuole continuare a incorporare più innovazioni migliorare.

Articolo precedenteIl comitato consultivo tecnico Ibex mantiene invariata la selezione spagnola
Articolo successivoQuali sono le prospettive di PSG e Pochettino dopo l’eliminazione dalla Champions League? Ecco una ripartizione posizione per posizione