Home Economia Calano i registri Ibex 35 mentre persiste la pressione sulle banche

Calano i registri Ibex 35 mentre persiste la pressione sulle banche

142
0

L’Ibex 35 e il resto dei mercati azionari europei commerciano con cadute questo mercoledì (Ibex: -0,74%, 7.955 punti; Cac: -0,6%; Dax: -0,9%; Ftse 100: -0,7). Lo spagnolo selettivo gli 8.000 punti vengono rigiocati pressato da Indra, Grifols, Iberdrola, Telefónica (dopo un taglio Barclays) o Inditex. Le istituzioni finanziarie restano sotto pressione e non riescono a riprendersi dopo l’urto dello scorso giorno prima della tassa a sorpresa del governo. Sul lato ascendente, gli aumenti in Amedeo.

“Per adesso, Non vediamo nemmeno il minimo segno di forza nello stambecco questo ci fa pensare a un rimbalzo”, riconosce César Nuez, analista di Bolsamanía e responsabile di Trader Watch. “L’inizio di una ripresa sarebbe confermato solo con una chiusura sopra gli 8.374 punti, anche se prima dovremmo iniziare con il superamento del primo livello di resistenza che presenta negli 8.137 punti“, Aggiungere.

Le banche rimangono stressate dopo l’urto contro lo scorso giorno quella tassa biennale che l’Esecutivo vuole stabilire e con il quale presenta raccogliere 1.500 milioni all’anno. La misura è essere molto criticato dal settore e dagli esperti. “Le tasse sulle banche e sull’energia renderanno difficile il finanziamento dell’economia”, ha spiegato a ‘Bolsamanía’ Emilio González, professore alla Comillas ICADE.

Vedi anche:  Grifols stanzia 18,9 milioni per i trasferimenti di valore in Europa, il 41% in più

Accanto a questo, il focus è sull’euro, dopo aver toccato questo martedì la parità con il dollaro. Al momento è scambiato a 1,0052 dollari (+0,16%). Allo stesso modo, ovviamente, gli investitori non perderanno di vista la pubblicazione del CPI USA per giugnoche è balzato al 9,1%, il più grande aumento su base annua dal dicembre 1981. È stato anche pubblicato l’IPC per la Spagna (L’INE conferma che l’inflazione è balzata al 10,2% a giugno) e quello della Germania (moderatamente leggermente al 7,6%). Dall’altra parte dell’Atlantico uscirà anche il Beige Book della Fed.

PIÙ AUMENTI DI TASSO

Questo mercoledì è una novità anche quello che hanno fatto la Reserve Bank of New Zealand e la Bank of South KoreaQuello i tassi di interesse sono aumentati dello 0,50%con un tono aggressivo nelle sue dichiarazioni.

La banca centrale della Corea del Sud ha alzato i tassi al 2,25%, come previsto dal consenso, dopo cinque precedenti aumenti di metà di questo importo. Da parte sua, la Reserve Bank of New Zealand li ha portati al 2,5%, un livello che non si vedeva da marzo 2016e ha affermato che è opportuno continuare ad accelerare il ritmo per mantenere la stabilità dei prezzi e sostenere l’occupazione.

Vedi anche:  Aedas Homes pagherà un dividendo di 1,34 euro per azione l'8 luglio

Questo pomeriggio sarà la volta del Banca del Canadae i mercati si aspettano un forte aumento del tasso dello 0,75%.

CRASH DEL GREZZO

L’attenzione ora è puntata anche sul petrolio, dopo ieri sera è sceso dell’8% dopo la pubblicazione delle scorte di petrolio greggio API negli Stati Uniti. Il greggio rende circa l’1%. Il Brent è ora a $ 99,86 e il West Texas a $ 96,29.

“Con tutti in allerta per la recessione, Brent e WTI sono scesi drasticamente, con il greggio Brent che ha chiuso sotto i 100 dollari al barile. Tuttavia, Rimango scettico sul fatto che i prezzi del petrolio scendano sostanzialmente d’ora in poi“, afferma Jeffrey Halley, analista di Oanda.

Anche l’OPEC prevede durante la notte a disavanzo della domanda e dell’offerta dei suoi membri che durerà fino al 2023.

ALTRI MERCATI

L’oro è piatto a $ 1.726 e l’argento è leggermente sceso a $ 18,89.

Bitcoin è in rialzo dell’1,6% ($ 19.718) ed Ethereum è in rialzo del 2,65% ($ 1.069).

Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è del 2,956%.

Articolo precedenteLa Bank of Canada alza i tassi di interesse più del previsto: 100 punti base
Articolo successivoIl gruppo Louis Delhaize apre un concetto innovativo di supermercato