Home Economia Bruxelles propone di ridurre il consumo di gas del 15% per far...

Bruxelles propone di ridurre il consumo di gas del 15% per far fronte a un taglio russo

77
0

Il razionamento del gas potrebbe essere una realtà. Il Commissione Europea ha proposto questo mercoledì che i paesi dell’Unione tagliare del 15% e volontariamente il consumo di gas fino alla prossima primavera. Inoltre, l’Esecutivo della Comunità ha proposto che questa misura sia obbligatoria nel caso in cui la sicurezza dell’approvvigionamento sia compromessa.

“Proponiamo che ciascuno Stato membro riduca i propri consumi del 15%, l’equivalente di 45.000 milioni di metri cubi di gas, e con questo supereremo l’inverno senza troppi problemi in caso di cut-off totale del gas russo”, ha affermato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, che ha sottolineato che “La Russia ci ricatta, usando l’energia come arma”. “L’Europa ha bisogno di essere preparata”, ha condannato.

Il testo propone una riduzione del consumo di gas del 15% dal 1 agosto al 31 marzo 2023. Tuttavia, nel caso in cui l’approvvigionamento sia messo a repentaglio, come potrebbe accadere se la Russia decidesse alla fine di non aprire il gasdotto Nord Stream 1, quella volontarietà iniziale si trasformerà in un obbligo. Allo stesso modo, il testo indica che, a fine settembre, “gli Stati membri devono aggiornare i loro piani nazionali di emergenza con le misure previste per ridurre la domanda per raggiungere questo obiettivo”.

Vedi anche:  Walmart avverte che i consumatori stanno spendendo meno

Secondo “Reuters”, l’obiettivo dell’Esecutivo comunitario è di approvare questo regolamento il 26 luglio, in una riunione d’urgenza dei ministri dell’Energia dei Ventisette. Anche questa propostaa avrebbe incontrato resistenza tra alcuni paesi membri come la Polonia, il cui deposito di gas è praticamente pieno e non ritiene che i suoi piani di emergenza necessitino del sostegno della comunità. D’altra parte, ad altri piace Ungheria, più estranea alle sanzioni contro la Russiasembrano vedere questa misura con occhi migliori poiché la loro conservazione non raggiunge al momento il 50%.

Allo stesso modo, la Commissione sottolinea che il passaggio a energie più inquinanti come Carbone o l’olio “potrebbe essere necessario come misura temporanea”. Tuttavia, l’Esecutivo comunitario sottolinea che «prima di considerare le riduzioni, Gli Stati membri dovrebbero esaurire tutte le possibilità di sostituzione del carburante, piani di risparmio non obbligatori e fonti energetiche alternative”. “Quando possibile, la priorità dovrebbe essere data al passaggio alle energie rinnovabili o alle opzioni più pulitemeno inquinanti o con meno emissioni di carbonio”, aggiungono dalla Commissione.

Vedi anche:  Tesla doppio supporto (ritorno) ai massimi storici precedenti?

Recentemente, ‘Reuters’ lo ha appreso La Russia ripristinerà l’approvvigionamento attraverso il gasdotto Nord Stream 1 questo giovedì, anche se non funzionerà a pieno regime. Da parte loro, alcuni alti funzionari dell’Unione Europea non credono che Gazprom manterrà la sua promessa e hanno annunciato che lavorano con questo in mente. In effetti, proprio questo mercoledì Gazprom ha annunciato di non avere la turbina necessaria per far funzionare il gasdotto.

Articolo precedenteL’epidemia di salmonella lascia Barry Callebaut con una sbornia finanziaria
Articolo successivoL’epidemia di salmonella lascia Barry Callebaut con una sbornia finanziaria