Home Economia Bitcoin “vulnerabile” in mezzo alla svendita di asset rischiosi

Bitcoin “vulnerabile” in mezzo alla svendita di asset rischiosi

88
0

Bitcoin si unisce ai cali globali dei mercati finanziari, particolarmente forti nelle attività di rischio e trading al di sotto del livello di $ 42.000, dopo due giorni consecutivi in ​​cui ha chiuso intorno ai 41.500 dollari. La più grande criptovaluta del mondo è scesa di quasi il 10% dall’inizio del nuovo anno, come investitori i fondi di criptovaluta concatenano cinque settimane consecutive di deflussi.

Nonostante il mercato delle criptovalute stia subendo delle turbolenze, il prezzo rimane in fondo al canale in cui la moneta digitale per eccellenza si è mossa nelle ultime settimane, con un chiaro supporto a $ 40.000. Tuttavia, “sta ancora lottando per aumentare lo slancio”, commenta l’analista di Oanda Craig Erlam. “Sembra vulnerabile, soprattutto in un momento in cui le risorse a rischio sono così colpite”, avverte.

Le notizie che escono dal settore delle criptovalute sono contrastanti. Da un lato, i fondi di criptovaluta hanno assistito alla quinta settimana consecutiva di deflussi, secondo il rapporto del gestore patrimoniale digitale CoinShares, come investitori i prodotti di investimento in asset digitali hanno registrato deflussi netti per 73 milioni di dollari nella settimana terminata il 14 gennaio.

Vedi anche:  Sotto i 27.000 punti il ​​Nikkei attiverebbe un ampio double top

Nel frattempo, El Salvador, il primo paese ad adottare bitcoin come valuta, ha incorporato quasi il 70% della sua popolazione non bancaria nel suo portafoglio ufficiale di bitcoin chiamato Chivo, che si traduce in circa 44 milioni di persone. D’altro canto, Moody’s, l’agenzia di rating del credito, ha emesso un avviso Sul rischio di declassamento del rating del Paese centroamericano dovuto all’adozione della valuta lo scorso settembre, il presidente Nayib Bukele ha dichiarato a lettere maiuscole, tramite il suo account Twitter, che “al Salvador non importa”.

Per quanto riguarda il resto del mercato, l’etere, la valuta legata alla blockchain di Ethereum e la seconda criptovaluta più grande, è crollata di oltre il 2% a 3.104 dollari. Il prezzo del dogecoin è invece sceso di un centesimo a 0,16$, mentre lo Shiba Inu ha perso oltre il 3% a 0,000028$. Nello stesso modo, Binance Coin è scesa dell’1,5% a $463.

Vedi anche:  L'Ucraina accetta Dogecoin e altri "Cryptos" per finanziare la guerra contro la Russia

“Il La tendenza giornaliera di ETH sta cavalcando un modello di canale ascendente. Tuttavia, una rottura al ribasso di questo pattern potrebbe vedere un ciclo ribassista per Ethereum con il prossimo supporto immediato a 2.730$. Nel frattempo, Opensea, il mercato NFT più popolare, ha acquisito Dharma Labs, produttore di portafogli Ethereum, una mossa strategica per far crescere ulteriormente il mercato NFT”, ha affermato Siddharth Menon, COO di WazirX.

La performance di altre criptovalute è stata mista, poiché cardano, ripple, polkadot, tether e litecoin sono crollati al ribasso nelle ultime 24 ore, mentre i prezzi di solana, LUNA (Terra) e Stellar sono stati scambiati con profitto. Nel frattempo, la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute scende a 1,97 trilioni di dollari.

Articolo precedenteForte rimbalzo di Inditex che non ti porta da nessuna parte, non cambia davvero nulla
Articolo successivoL’incertezza dell’offerta porta il petrolio ai massimi del 2014