Home Economia Bitcoin rimane al minimo di una settimana: 62.000 trader liquidati sul mercato

Bitcoin rimane al minimo di una settimana: 62.000 trader liquidati sul mercato

38
0

Nuovo giorno in rosso per il mercato delle criptovalute, con bitcoin ai minimi di una settimana, vicino alla zona di $ 19.000 e l’ethereum a toccare i 1.000 dollari. La capitalizzazione totale è scesa di circa 100.000 milioni di dollari, a 870.000 milioni, dai 970.000 di pochi giorni fa, quando le principali valute di mercato hanno vissuto una serie di giornate rialziste che hanno portato le valute digitali a salire guidate da bitcoin fino a quota 22.000 dollari.

Tuttavia, il mercato si è invertito e il breakout di $ 19.500 per bitcoin potrebbe segnalare ulteriore dolore in arrivo in valuta digitale, afferma Craig Erlam, analista di Oanda. Gli esperti indicano i minimi di giugno, quando bitcoin è sceso sotto i 18.000$, poiché il livello da tenere d’occhio per possibili cali.

In mezzo a un’azione ribassista sui prezzi, più di 62.000 trader sono stati liquidati nel mercato delle criptovalute, suggeriscono i dati di CoinGlass. Nello stesso periodo sono stati liquidati oltre 180 milioni di dollari. Ethereum guida le liquidazioni con quasi 62 milioni di dollari liquidati nelle ultime 24 ore, seguito da bitcoin con 59,95 milioni di dollari e solana con 3,42 milioni di dollari nello stesso periodo.

Vedi anche:  Abengoa calcola contratti per un valore di 968 milioni nel suo nuovo piano di fattibilità

Il Il volume totale degli scambi di criptovaluta è sceso a poco più di $ 50 miliardi, in calo dell’86% dal suo massimo storico di quasi $ 367,6 miliardi registrato il 20 maggio 2021, secondo i dati di analisi di CoinMarketCap. Il movimento ribassista a lungo termine del prezzo del bitcoin ha anche costretto molti miner a scaricare le proprie partecipazioni per coprire i costi operativi.

I principali fattori trainanti dell’azione ribassista sono il crollo dei volumi di scambio di criptovaluta, la pressione di vendita dei minatori e il Alta aspettativa di un altro rialzo dei tassi da parte della Federal Reservel. Gli investitori otterranno maggiore chiarezza su questo punto dopo il rilascio dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti mercoledì. Una lettura debole su questo indicatore potrebbe dare al bitcoin un po’ di spinta insieme alle azioni, almeno temporaneamente. La linea nella sabbia è probabilmente appena al di sotto dei minimi di giugno intorno a $ 18.500afferma Jeffrey Halley, analista di Oanda.

Vedi anche:  Analisi video CaixaBank: 'buttare indietro' manuale già ai massimi storici

È probabile che il rapporto mostri un’accelerazione dell’inflazione al consumo all’8,8% su base annua, il ritmo più veloce dal 1981 o quasi 41 anni. Tuttavia, la lettura dell’inflazione core potrebbe rallentare al 5,7%.

“L’aspetto più importante di questi dati sarà come la percepirà la Fed questa lettura e, in secondo luogo, come gli agenti di mercato tradurranno questa cifra. Per quanto riguarda la Fed, è molto probabile che continuino con la loro politica monetaria aggressiva e che una cifra forte aumenterà solo le possibilità di un aumento dei tassi di 75 punti base”, commenta Naeem Aslam, responsabile della ricerca di Avatrade.

Articolo precedenteSuggerimenti per preparare la borsa da viaggio perfetta
Articolo successivoLa Catalogna riceverà 1.600 vaccini contro il vaiolo delle scimmie per i gruppi a rischio