Home Economia Bitcoin resta concentrato sui 40.000, supportato da MicroStrategy, Bukele e India

Bitcoin resta concentrato sui 40.000, supportato da MicroStrategy, Bukele e India

167
0

Bitcoin ha lasciato a alto questo martedì sopra $ 39.000, incoraggiato da una serie di eventi positivi che hanno continuato a supportarne il consolidamento dalle cadute dello scorso 24 gennaio. Il prezzo della criptovaluta più grande del mondo continua a restringere il suo trading range e, soprattutto, è riuscito a chiudere sopra i 38.500$ per il secondo giorno consecutivo, sostenuto da una serie di eventi favorevoli per il mercato delle criptovalute.

Il l’analisi tecnica punta decisamente all’obiettivo di $ 40.000, il cui attacco sembra imminente. “Inoltre, in questo momento i 40.000 dollari coincidono anche con la parte superiore del canale ribassista attraverso il quale si è mosso il sottostante dai massimi storici di novembre”, commenta José María Rodríguez, analista di Bolsamanía. “La verità è che nonostante il calo del 53% dai massimi storici ad oggi, i minimi e i massimi crescenti di medio-lungo periodo rimangono intatti. E in questo modo non cade”, conclude.

“Sì rompe $ 40.000, questo sorprenderebbe molti trader e ho potuto vedere uno slancio rialzista”, afferma Edward Moya, analista di Oanda. “Bitcoin continuerà a essere scambiato come un asset rischioso e probabilmente trarrà vantaggio se le banche centrali continueranno a mostrare una certa riluttanza a inasprire la politica monetaria”, aggiunge. In questo senso, l’esperto ritiene che le decisioni sui tassi di interesse della Banca d’Inghilterra e della Banca Centrale Europea di giovedì potrebbero avere un impatto maggiore del normale sulle criptovalute, “poiché Wall Street è alla ricerca di un segnale sulla direzione in cui la propensione al rischio è diretta”.

Ma prima di questi importanti appuntamenti, il mercato è stato animato da una serie di eventi. Questo martedì, in una dichiarazione davanti alla United States Securities Commission MicroStrategy ha dichiarato di aver acquistato 660 BTC tra il 30 dicembre e il 31 gennaio per circa 25 milioni di dollari. La compagnia di Michael Saylor ha approfittato delle cadute per espandere le sue posizioni in bitcoin e dimostrare con i fatti le sue dichiarazioni che non venderanno le loro partecipazioni nella criptovaluta.

Vedi anche:  Acquisti leggeri a Wall Street: rendimenti obbligazionari vicini al 2%

D’altra parte, anche questo martedì, L’India ha accantonato le speculazioni su un possibile divieto delle criptovalute In stile cinese, lanciando un quadro giuridico normativo per le criptovalute. Tra le principali novità c’è una tassa del 30% sui redditi da criptovalute e altri asset digitali, ha annunciato il ministro delle Finanze Nirmala Sitharaman. Oltre a collocare i proventi di criptovalute e token non fungibili (NFT) nella fascia fiscale più alta dell’India, Sitharaman ha anche evidenziato che le perdite derivanti dalla loro vendita non potrebbero essere compensate da altre entrate, il che sarebbe un altro disincentivo per il trading e gli investimenti nelle risorse digitali.

Ma il mercato ha deciso di ignorare questo fatto e concentrarsi sulla buona notizia che la terza potenza asiatica non vieterà le valute digitali. Inoltre, è emerso che la Reserve Bank of India lancerà la rupia digitale nell’anno fiscale 2022 – 2023.

Infine, è stata anche la notizia che il vice primo ministro ucraino, Mukhailo Fedorov, ha indicato che il L’estrazione di bitcoin trasformerà l’Ucraina in uno stato high-tech dopo che il governo ha legalizzato la criptovaluta lo scorso settembre. Era fiducioso che lo sviluppo del settore delle criptovalute potesse attrarre investitori trasparenti e rafforzare l’identità del paese in questo settore.

Vedi anche:  La guerra ostacola la transizione energetica: "Il consumo di carbone aumenterà"

ETHEREUM, ANDANDO PER I 3.000?

Questi sviluppi hanno incoraggiato gli investitori, che sono anche entrati nelle altcoin, con Ethereum che guida un rally questo martedì che, tuttavia, sembra aver esaurito le energie mercoledì. La seconda moneta per capitalizzazione di mercato ha lasciato un massimo sopra $ 2.800, per cedere moderatamente alla chiusura, appena sotto questo livello. Tuttavia, l’analisi tecnica indica che se verrà confermato il superamento dei 2.800 dollari, l’unità ether -unità della rete ethereum- metterà a portata di mano i 3.000 dollari.

Il prezzo è ora superiore a $ 2.700 e superiore alla media mobile oraria semplice di 100. E c’è una linea di tendenza rialzista chiave che si forma con il supporto vicino a 2640 sul grafico orario. Il prezzo ha bisogno di una piccola spinta per raggiungere i 3.000$, tuttavia il ritracciamento di Fibonacci indica un possibile pullback verso la zona di prezzo di 2.600$. Ma se lo slancio è mantenuto, la barriera dei 3.000 sembra realizzabile nel breve termine.

In altri token, cardano mantiene il suo slancio rialzista, come il sole. ADA, il token nativo del network Cardano, ha il potenziale per salire a 1,26$, dopo essere salito del 20% dai suoi minimi recenti. Quanto a LUNA, token del network Terra, la sua ripresa ha subito un rallentamento dopo la battuta d’arresto di inizio settimana a causa dello scandalo del progetto di finanza decentralizzata Wonderland. La capitalizzazione di mercato totale è di 1,76 trilioni di dollari.

Articolo precedenteFacebook continuerà a guardarti nel metaverso
Articolo successivoNikkei guida i guadagni in Asia e la banca centrale australiana torna sotto i riflettori