Home Economia Berenberg ribadisce l”acquisto’ di Grifols e migliora il prezzo delle sue azioni...

Berenberg ribadisce l”acquisto’ di Grifols e migliora il prezzo delle sue azioni di classe A e B

61
0

il retro di Berenberg un Grifols. La ditta anseatica mantiene la raccomandazione di comprare’ sui titoli della multinazionale spagnola e aumenta il prezzo obiettivo di entrambe le azioni di classe Ache va da 26,90 euro a 27,05 €nonché i diritti di classe Bche salgono di altri 15 centesimi da 20,15 euro a 20,30€.

la compagnia tedesca mette in evidenza le prospettive “brillanti” per Grifols, evidenziando i risultati preliminari del biofarmaceutico catalano, in particolare la crescita dei ricavi anno su anno e dei margini EBITDA. “Le raccolte plasma continuano a recuperare, che annuncia una significativa ripresa degli utili nei mesi di giugno 2022 e 2023”, indicano. Inoltre, ci credono detto recupero che non è “rappresentato nel prezzo delle azioni Grifols A e Bin gran parte a causa di preoccupazioni esagerate sulla leva finanziaria e sulle minacce competitive”.

Vedi anche:  Powell (Fed): "Le misure aiuteranno l'inflazione a raggiungere il 2% nei prossimi 3 anni"

“Riteniamo che le azioni Grifols siano molto convenienti”, affermano da Berenberg, sottolineando che le azioni di classe A vengono scambiate a 13,8 volte la loro stima dell’utile per azione rettificato. La ragione? “A nostro avviso, la risposta sta nei timori sul debito e nelle minacce competitive”, osservano, “La leva finanziaria è davvero elevata (il debito netto/EBITDA era 6,2 volte a fine 2021 se rettificato per il finanziamento azionario recentemente riclassificato), ma la società è fortemente impegnata a ridurlo il prima possibile”.

Per quanto riguarda le minacce alla concorrenza, la banca tedesca ne riconosce l’esistenza, ma lo sottolinea i rischi sono “troppo cari” e che “sono più che compensati dalle opportunità sia dei prodotti esistenti che di quelli nel portafoglio di prodotti in crescita di Grifols”.

Infine Bergenberg ha aumentato del 3% e del 2% le stime dell’utile per azione rettificato per il 2022 e il 2023, rispettivamente. Il motivo di questo aumento è “principalmente dovuto al mercato dei cambi”, anche se “le nostre stime cambiano poco dopo”. “I nostri obiettivi di prezzo derivati ​​dal flusso di cassa scontato (DCF) per le azioni di classe A e B aumentano di 15 centesimi, offrendo un potenziale di rialzo rispettivamente del 75% e del 106%.”, condannano.

Vedi anche:  La banca centrale norvegese Norges Bank acquisisce una quota del 3% in Santander

Articolo precedenteBitcoin consolida a 20.000 ma protagonista è MATIC (Polygon) per impulso della Disney
Articolo successivoQuesti sono gli hotel più originali della Catalogna