Home Economia BBVA si ferma dopo aver parzialmente colmato il divario al ribasso alla...

BBVA si ferma dopo aver parzialmente colmato il divario al ribasso alla fine di febbraio

83
0

Le azioni BBVA hanno fatto ciò che era più probabile, ovvero prendere una pausa dopo un rimbalzo del 26% dai minimi di marzo e dopo aver parzialmente riempito l’enorme divario ribassista della sessione del 24 febbraio.

Analisi tecnica
GAP ribassista
GAP ribassista

Breve termine

Medio termine

Lungo termine

Un “gap” ribassista è uno spazio lasciato dal prezzo (un gap) che si verifica quando l’offerta è molto più alta della domanda e, quindi, quando il sottostante in questione inizia a negoziare, lo fa ben al di sotto del prezzo di chiusura della sessione precedente. I gap possono essere sia rialzisti che ribassisti. Un gap ribassista ha connotazioni di debolezza e questo ‘gap’ diventa automaticamente lo ‘stop loss’ per qualsiasi posizione corta (o ribassista) sul sottostante in questione.

Vedi anche:  Sopra i 139 dollari Alibaba confermerebbe un piccolo double bottom

Ed è quello che abbiamo in BBVA, un gap ribassista a livello di 5.654 euro (sessione del 24 febbraio) che è stata riempita al 50%. Comportamento totalmente previsto d’altra parte. Affinché dopo aver riempito parzialmente il prezzo ha iniziato a correggere. Pertanto, oggi si può affermare che i significativi rialzi delle ultime settimane si inseriscono perfettamente in quello che è un proporzionale rimbalzo/aggiustamento dei significativi ribassi precedenti. Solo quando il valore riuscirà a chiudere, o quello che è lo stesso, a cancellare il gap, inizieremo a guardare il titolo con occhi diversi (in meglio). Sotto, dalla parte dei supporti, il più immediato si trova a 5,05 euro.

bbva010422
Grafico giornaliero BBVA
Articolo precedenteCredit Suisse scommette sull’attività bancaria spagnola: questi i suoi due valori preferiti
Articolo successivoNel breve, Santander è più forte di BBVA: perché?