Home Economia Barclays si bagna e scommette sulle borse: “Il rapporto rischio-rendimento convince”

Barclays si bagna e scommette sulle borse: “Il rapporto rischio-rendimento convince”

223
0

Chiaramente scommettere sulle borse in un momento come il presente è giocare. Ciononostante, Barclays lo fa e nel suo ultimo rapporto sulla strategia europea afferma di continuare a essere convinta dalle azioni del Vecchio Continente e anticipa moderati aumenti nei prossimi mesi.

“Sebbene le azioni possano scendere ulteriormente, riteniamo interessante il rapporto rischio-rendimento a medio termine. Il nostro obiettivo aggiornato di 465 punti per lo Stoxx Europe 600 implica un potenziale di rialzo dell’11%.“, commenta.

Barclays riconosce che le cose possono peggiorare prima di migliorare. Detto questo, consiglia agli investitori di agire in modo razionale, bilanciando i rischi al ribasso a breve termine con le opportunità a lungo termine.

“Sebbene la fine della crisi sia imprevedibile e le proiezioni macroeconomiche debbano essere ‘prese con le pinzette’, una recessione mondiale non è lo scenario di base dei nostri economisti”, sottolineano dalla società finanziaria. “Ciò significa che gli utili possono ancora crescere e dato che le azioni sono ipervendute, il P/E al di sotto della media storica e i tassi reali sono di nuovo negativi, vediamo un moderato potenziale di rialzo (in indici) su un orizzonte di dodici mesi“, preciso.

Vedi anche:  "È improbabile che aumenti di rito compensino il rischio di asset in rubli"

ATTENZIONE AL RIMBORSO DELLE BANCHE

In questa fase, Energia, Salute e Industria rimangono i settori ‘chiave’, con il consiglio di ‘sovrappeso’.

Per quanto riguarda le banche, Barclays ritiene che appaiano ipervendute e abbiano rendimenti obbligazionari divaricati e potrebbero rimbalzare. “Tuttavia, rimaniamo neutrali per ora dato l’alto rischio dei detentori e preferiamo le Auto come copertura del rischio“, Spiegare.

Per quanto riguarda la sua preferenza per le regioni, rimane “neutrale” in Europa rispetto agli Stati Uniti e “sovrappeso” nel Regno Unito e nei mercati emergenti.

I CONSIGLI DI CREDIT SUISSE

Credit Suisse approfondisce gli aspetti negativi nel suo ultimo rapporto sulla strategia azionaria globale, e avverte che ci sono molti fattori legati all’attuale crisi geopolitica che non vengono valutati nella giusta misura. “Il mercato sottovaluta l’impatto della guerra, sii più difensivo”consiglia.

Vedi anche:  In che modo gli analisti valutano i risultati di BBVA nel primo trimestre?

Detto questo, consigliare ridurre ulteriormente i pesi nei titoli ciclici non finanziari (soprattutto tutte le aree a contatto con i consumatori). “I ciclici non finanziari stanno ancora scontando un PMI 55 a livello globale”, quindi “non sono ancora economici e avrebbero dovuto sottoperformare data la curva dei rendimenti più piatta”.

In via eccezionale, menzionano le società associate all’estrazione mineraria. Inoltre, lo considerano le società elettriche (“utilities”) hanno migliorato la loro attrattiva per il mercatoper le buone prospettive per le energie rinnovabili e “il cammino dell’Unione Europea verso l’indipendenza energetica” a causa della guerra, motivo per cui aziende come RWE, ENEL, E.On, National Grid e la società spagnola Acciona Energía.

D’altra parte, insistono sul loro scommesse sull’industria farmaceutica a grande capitalizzazione, grazie alla sua capacità di generare profitti anche quando la crescita rallenta, una valutazione neutra e il suo profilo immune all’aumento dei prezzi delle materie prime. Infine, lo considerano olio grosso non stanno scontando l’aumento del greggio e “sono molto economici”.

Articolo precedenteFinché il Nasdaq rispetterà i minimi di febbraio, c’è spazio per la speranza
Articolo successivoPerché bitcoin sta frenando il suo rally nonostante il celebre ordine di Biden su criptovalute e dollaro digitale?