Home Economia Apple resisterà a Google presentando il proprio motore di ricerca collegato a...

Apple resisterà a Google presentando il proprio motore di ricerca collegato a Siri

181
0

Apple sta lavorando al sviluppo del proprio motore di ricerca, come ha assicurato il blogger Robert Scoble attraverso il suo profilo Twitter basato su fonti anonime del settore. Il motore di ricerca di Apple lavorerà connesso all’assistente digitale dell’azienda, Siri, che attualmente consente l’accesso alle informazioni tramite comandi vocali ma non funziona come motore di ricerca.

All’interno dell’ampio catalogo di prodotti e servizi Apple, c’è una categoria in cui non ha ancora provato a competere, che corrisponde ai motori di ricerca, dominato per più di 2 decenni da Google.

Si prevede che questo la novità viene presentata durante l’Apple World Developers Conference 2022 (WWDC per il suo acronimo in inglese) che inizierà lunedì prossimo, 6 giugno, secondo Scoble.

Attualmente, Google tha un accordo con Apple in cui paga circa 15.000 milioni di dollari al produttore per aver incluso Google come motore di ricerca predefinito del browser Safari, che a sua volta è l’applicazione nativa dei dispositivi nel suo ecosistema.

Vedi anche:  Chiusura ribassista per i titoli asiatici dopo le pesanti perdite a Wall Street

D’altra parte, alcune delle novità che si possono vedere al WWDC 2022 sono le annuncio di un nuovo ambiente di sviluppo della realtà aumentata e virtuale per creare scenari tridimensionali fotorealistici, basati su una tecnologia nota come campi di radiazione neurale (NeRF, per il suo acronimo in inglese).

Per quanto riguarda il visore per realtà mista su cui si dice stia lavorando Apple, Scoble spera che no essere presentato al WWDC 2022, ma in un evento successivo che potrebbe festeggiare intorno a gennaio 2023, mentre il dispositivo potrebbe essere lanciato sul mercato a giugno 2023.

Articolo precedenteTelefónica riduce le sue emissioni di carbonio del 70% attraverso l’uso di energie rinnovabili
Articolo successivoIl mercato del lavoro statunitense resta forte dopo aver creato 390.000 posti di lavoro a maggio