Home Economia Agenda della prossima settimana: raffica di risultati, CPI europeo, PIL USA…

Agenda della prossima settimana: raffica di risultati, CPI europeo, PIL USA…

228
0

L’agenda del mercato azionario della prossima settimana sarà caratterizzata molteplici referenze di interessecome seconda lettura del IPC dell’Eurozona del mese di gennaio, il Indagini IFO in Germania di febbraio, il PMI (servizi e manifatturiero) anche a febbraio in uscita su entrambe le sponde dell’Atlantico, e il PIL del quarto trimestre degli Stati Uniti.

Nella regione Asia-Pacifico, il focus sarà sul decisione della Banca centrale cinese in merito al tasso di prestito e nell’evoluzione dei prezzi delle case nel colosso asiatico.

In chiave business, la settimana sarà caratterizzata da una raffica di risultati importanti. Così, aziende della statura di Telefónica, IAG, Iberdrola, Ferrovial, ACS, Galp, Home Depot, eBay o Moderna riferiranno sull’evoluzione dei loro conti contabili.

Descriviamo, di seguito, tutti questi appuntamenti:

LUNEDI’ 21 FEBBRAIO:

– Festività negli Stati Uniti (Giorno dei Presidenti) e in Canada (Giorno della Famiglia).

– PMI preliminare del settore manifatturiero e dei servizi di febbraio per il Giappone.

Vedi anche:  L'Hang Seng di Hong Kong ha perso l'1% in una giornata mista per l'Asia

– Prezzi delle case in Cina su base annua.

– Tasso di prestito della Banca centrale cinese di febbraio.

– PMI manifatturiero e servizi dell’Eurozona di febbraio preliminare, Germania, Regno Unito.

– Risultati Almirall, Línea Directa Aseguradora, Galp Energía, Williams Cos.

MARTEDI’ 22 FEBBRAIO:

– Indagine IFO di febbraio Germania.

– Indice Case-Shiller Dicembre Stati Uniti.

– PMI preliminare del settore manifatturiero e dei servizi USA di febbraio.

– Fiducia dei consumatori di febbraio negli Stati Uniti.

– Risultati Endesa, Enagás, HSBC Holdings, Expeditors International, DISH Network, Home Depot, Medtronic.

MERCOLEDI’ 23 FEBBRAIO:

– Vacanze in Giappone. Il compleanno dell’imperatore.

– Decisione sui tassi della Reserve Bank of New Zealand.

– CPI dell’Eurozona per fine gennaio.

– Risultati Indra, Aena, Iberdrola, Acciona Energía, Rovi Laboratories, Mediaset, Danone, Puma, Barclays, Henkel, Stellantis, eBay, NetApp, Booling Holdings.

GIOVEDI’ 24 FEBBRAIO:

– Comparsa di Andrew Bailey, Governatore della Banca d’Inghilterra.

Vedi anche:  La minaccia di un imminente attacco russo all'Ucraina mette a dura prova i mercati azionari

– PIL annualizzato quarto trimestre Stati Uniti.

– Richieste settimanali di disoccupazione negli Stati Uniti.

– Vendite di nuove case gennaio Stati Uniti.

– Risultati Telefónica, ACS, Ferrovial, Red Eléctrica, Acciona, Merlin Properties, Soltec, Atresmedia, Catalana Occidente, NH Hotel Group, AXA, Mercedes-Benz, Lloyds Banking Group, Anglo American, Rolls-Royce, WPP, Moderna, American Tower , Petrolio occidentale, Autodesk.

VENERDI’ 25 FEBBRAIO:

– Quarto quarto di finale del PIL Germania.

– CPI preliminare per febbraio Francia.

– Quarto quarto del PIL Francia.

– Indice dei prezzi alla produzione per febbraio Spagna.

– Fiducia preliminare dei consumatori di febbraio nell’Eurozona.

– Ordini preliminari di beni durevoli di gennaio negli Stati Uniti.

– Stati Uniti gennaio in attesa di vendita di case.

– Fiducia dei consumatori Università del Michigan, febbraio preliminare negli Stati Uniti.

– Risultati IAG, Amadeus, Meliá Hotels, Talgo, Amper, Vocento, Sacyr, Cellnex, CAF, Holcim, Monster Beverage.

Articolo precedente“È improbabile che la Russia stronchi sul nascere le forniture energetiche dell’Europa”
Articolo successivoPronostico Roma vs Hellas Verona, quote, come guardarlo, live streaming: 19 febbraio 2022 Scelte degli esperti della Serie A italiana