Home Economia 400 litri di benzina in meno: fare rifornimento è complicato per uno...

400 litri di benzina in meno: fare rifornimento è complicato per uno spagnolo con uno stipendio medio

86
0

Il prezzi del carburante e dell’energia sono saliti alle stelle a causa della guerra in Ucraina. Nella prima metà del 2022, la maggior parte di I paesi europei hanno aumentato i prezzi del carburante impostazione di record storici. Nel caso della Spagna, il rifornimento ha superato i 2 euro al litro, il che lo rende uno di quelli con i carburanti più costosi e che colpisce direttamente le tasche dei cittadini.

Nello specifico, nel Spagna il prezzo medio della benzina in giugno è stato 2,10 euro, che Aumento del 40,8%. da gennaio, quando il prezzo era di 1,50 euro al litro. Con lo stipendio medio, un cittadino può ora acquistare un totale di 626 litri, il che significa 400 litri in meno rispetto all’anno precedente. Si tratta di cifre calcolate da Analisti di Picodi.com.

Come spiegano, il paese che guida la crescita dei prezzi più alta è Turchia con un aumento del 100%. del costo della benzina. Altri paesi che sono lontani da questo importo, ma registrano anche aumenti dei prezzi lo sono Portogallo con un 23,6%, Francia con un 23,2%, Andorra con un 35%e Italia con un 16,1%. Tuttavia, alcuni paesi sono stati in grado di rimanere stabili durante la prima metà dell’anno, come nel caso di malto. Al contrario, straordinariamente il prezzo del carburante è diventato leggermente più basso (0,7%) in Kazakistan.

Vedi anche:  L'Ibex e l'Europa apriranno al ribasso e attenderanno il CPI statunitense

D’altra parte, nel Russia il prezzo nominale in rubli non è cambiato molto, ma c’è stato un “aumento artificiale del valore del rublo” dal governo russo. Vale a dire, il rublo è salito del 6% rispetto all’euro il 21 giugno, toccando il massimo degli ultimi sette anni, rendendola apparentemente la valuta più forte al momento. Tuttavia, secondo fonti di Newsweek: “Per le famiglie il vero valore del rublo contro altre valute è inferiore alle tariffe ufficiali a causa delle restrizioni delle banche locali sulla raccolta di valuta estera e degli elevati costi di transazione dell’utilizzo dei rubli all’estero”. Pertanto, in termini di prezzo in euro per litro di benzina aumentato del 41,5% in Russia.

INDICE BENZINA 2022

Attualmente, il il rifornimento più costoso é situato in Norvegia (2,56 euro al litro), Finlandia (2,53 euro al litro), e Danimarca (2,48 euro al litro). In caso di Spagnaquando si confrontano i prezzi in euro, è uno dei più cari in Europa, occupando il dodicesimo posto nella classifica dei 43 paesi con un prezzo di 2,10€ al litro.

Vedi anche:  L'offerta pubblica di acquisto parziale di FCC su Metrovacesa raggiunge meno del 50% di accettazione

Dal punto di vista opposto, sono i luoghi che godono del carburante più economico Russiacon 0,84 euro al litro e Bielorussia, con 0,68 euro al litro.

Al di fuori del contesto europeo, ci sono paesi che, disponendo di grandi risorse di materie prime sono stati salvati dall’aumento dei prezzi della benzina. La situazione economica mondiale non influisco in nessun modo a paesi come Arabia Saudita, Kuwait o Qatar. A loro volta, i governi di paesi come Colombia, Ecuador e Kazakistan hanno deciso di congelare o impostare a limite massimo prezzi del carburante nel paese.

LO STIPENDIO MEDIO SPAGNOLO

Secondo i dati di INElo stipendio medio in Spagna è 2.006,61 euro lordi (1.317,34 euro netti). Queste cifre si traducono nella capacità dello spagnolo medio di acquistare 626 litri di benzina guadagnano lo stipendio medio nazionale.

Il potere d’acquisto dello stipendio medio spagnolo è diminuito sensibilmente, con l’indice benzina che ha variato negli ultimi anni con un forte calo, potendo acquisire: 1.126 litri nel 2019; 1.127 litri nel 2020; 1.026 litri nel 2021; e i già citati 626 litri nel 2022. Ciò significa che in Spagna con lo stipendio medio è acquistabile 400 litri di benzina meno di un anno fa.

Articolo precedenteSoffre il mercato azionario italiano dopo che Draghi è rimasto senza supporti: “Situazione sempre più incerta”
Articolo successivo2 famiglie su 3 hanno cambiato le abitudini di utilizzo degli elettrodomestici