Gabriele Tarquini ha trionfato sul tracciato di Zolder. L’italiano ha vinto davanti a Menu e Monteiro in una gara decisamente emozionante, durante la quale Yvan Muller si è ritirato e Rob Huff si è toccato con Tarquini, finendo la gara in sesta piazza. Riviviamo le emozioni di questa seconda manche sul tracciato di Zolder.

Bennani, Michelisz ed Engstler partiranno dai box. Barth è assente, quindi Tarquini partirà in prima posizione davanti ad Huff.

Allo start Villa rimane fermo in griglia, mentre Tarquini scatta bene e riesce a rimanere in testa, davanti a Huff, Menu e Muller. Bene Poulsen, in quinta posizione davanti a Monteiro e O’Young, autore di una grande partenza.

Nel corso del primo giro Monteiro tampona Poulsen e lo manda contro il muro. Il danese non riuscirà a riprendere la gara. Al secondo giro Dahlgren inizia un’intensa lotta con Nykjaer per mantenere l’ottava posizione, ma il danese ha la meglio verso la fine della tornata.
Frattanto la lotta per il primo posto si fa accesissima, con Tarquini che si difende da Huff e le due Chevrolet di Menu e Muller che pressano il loro compagno di squadra.

Al settimo passaggio Yvan Muller rallenta vistosamente per un problema tecnico e rientra ai box, lasciando la quarta posizione a Monteiro, il quale è sotto investigazione da parte dei commissari per l’incidente con Poulsen.

All’ottavo giro Tarquini commette un errore e Huff tenta un attacco, ma si tocca con Tarquini e si produce in uno spettacolare taglio di chicane. Il pilota inglese rientra in pista, ma la sua Cruze è danneggiata e procede lentamente, scivolando in settima posizione in un solo giro.

La situazione vede ora Tarquini in testa davanti a Menu, Monteiro, O’Young e Oriola. Sesta posizione per Nykjaer davanti ad Huff, la Volvo di Dahlgren, e Dudukalo. Michelisz chiude la top ten, nonostante sia partito dai box. Brivido per i piloti di testa al decimo giro, quando incontrano la Cruze di Taniguchi ferma lungo il tracciato dopo un testacoda, rischiando di centrare il pilota giapponese.

All’undicesimo passaggio Oriola si ritira, facendo rientrare Villa in zona punti. Nel frattempo Huff inizia ad attaccare Michael Nykjaer per la quinta posizione, nonostante la sua Cruze sia danneggiata. Nonostante gli attacchi di Menu a Tarquini e di Huff a Nykjaer, nulla cambia e Tarquini conquista una vittoria tanto sorprendente quanto meritata, dopo una gara tutta in difesa.

Tarquini, Menu e Monteiro completano dunque il podio, ma il portoghese è sotto investigazione per l’incidente con Poulsen. Ottima quarta posizione per O’Young, che vince la classe indipendenti, davanti a Nykjaer e Huff. Ottima la settima posizione di Dahlgren, davanti a Michelisz, Dudukalo e Javier Villa.

La classifica vede ora Huff in testa, ma con un solo punto di vantaggio su Alain Menu. Tarquini sale in terza posizione a 19 punti dal leader e gode di un vantaggio di tre lunghezze su Yvan Muller.

#3 – Gabriele Tarquini – SunRed Engineering – Seat Leòn TDi:

“Una vittoria inaspettata, ho colto l’occasione di essere primo sulla griglia di partenza. Volevo fortemente una vittoria in questa stagione, quindi non avevo nulla da perdere e potevo rischiare. Ho fatto una bella partenza ed ho lottato con le Chevrolet fino alla fine. Per quanto riguarda l’incidente con Huff, lui in accelerazione è stato più veloce di me, ho lasciato lo spazio ma sfortunatamente ci siamo toccati ruota contro ruota. Comunque credo avesse rotto la sospensione prima della frenata.”

#8 – Alain Menu – Chevrolet – Chevrolet Cruze 1.6T:

“Sono semplicemente partito bene e dopo le uscite di Yvan e Rob sono passato secondo. Ero un po’ più veloce di Tarquini ma non volevo rischiare, i 18 punti del secondo posto erano preziosissimi ed ho pensato a questo. Sono molto contento di essere secondo in campionato ad appena un punto da Rob.”

#18 – Tiago Monteiro – SunRed Engineering – Seat Leòn TDi: 

“E’ stata una gara eccitante, sono contento di questo risultato e vorrei complimentarmi con il team per questa splendida gara. Probabilmente avremo il nuovo motore a Monza, ma forse ce ne sarà solo uno disponibile. Ci aspettiamo di avere il nuovo motore in Ungheria.”

Clicca qui per i risultati completi di Gara 2 di Zolder

Nella foto, Gabriele Tarquini

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Gabriele Tarquini ha trionfato sul tracciato di Zolder. L’italiano ha vinto davanti a Menu e Monteiro in una gara decisamente […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/GDC19788.jpg Zolder – Gara 2: Tarquini trionfa, Muller si ritira e perde terreno