Dopo le quasi imprendibili Chevrolet ufficiali, c’è ancora lui: Tom Coronel si trova al 4° posto nella classifica del WTCC dopo l’appuntamento di apertura a Monza, esattamente dove aveva concluso l’anno scorso. Il driver olandese si è dimostrato come sempre veloce e combattivo sui rettifili dell’autodromo brianzolo, e guarda ad una annata di consolidamento insieme alla BMW del team ROAL Motorsport.

Intervistato da Stop&Go, Coronel ha tracciato un quadro delle proprie aspettative, ammettendo che non sarà facile tenere testa agli agguerriti avversari del Mondiale, ma senza per questo ritoccare al ribasso i propri obiettivi.

Tom, quali sono le tue sensazioni alla vigilia di questa stagione iridata?
“Non sarà facile, ma abbiamo le possibilità per rimanere vicini ai primissimi. Con questa vettura possiamo stare sempre tra il settimo e il decimo posto: non è la migliore della griglia, ma è ancora una buona vettura. A Monza abbiamo dimostrato che c’è un discreto potenziale su cui lavorare. Sono per il secondo anno nello stesso team e credo che pure questo sia un aspetto importante: nel 2011 ho dovuto conoscere un nuovo ingegnere, un nuovo responsabile della squadra, mentre adesso ho una migliore comprensione di tutti questi aspetti, più fiducia. Ritengo che per noi sia possibile andare un po’ oltre rispetto alla passata stagione, anche se, certamente, la competizione è più serrata”.

Quale potrebbe essere quindi il tuo obiettivo?
“L’anno scorso siamo stati i migliori “degli altri”, chiudendo al 4° posto in classifica generale e mi sono pure aggiudicato una gara (a Suzuka, ndr). Questa volta voglio vincere due, ma non penso di poter essere ancora il migliore nel resto del gruppo, perché si vede già che Gabriele Tarquini e la Seat stanno spingendo forte con tanti investimenti e un forte sviluppo. Realisticamente potremmo mirare alla 5° o 6° posizione nel Mondiale, ce la metterò tutta. Nel 2011 ero contento di qualsiasi buon risultato, ora invece lo sarò soltanto se, come detto, sarò in grado a fine campionato di aggiudicarmi almeno due manches”.

Tutto questo considerando che la BMW ha ridotto il proprio coinvolgimento nel WTCC?
“Sì, questa è la principale difficoltà al momento. Dalla fine del 2011 non ci sono stati aggiornamenti per la nostra macchina, perché come prevedibile la BMW si è concentrata sullo sviluppo della M3 per il DTM, che adesso si è però fermato come da regolamento. Spero quindi che ora possa esserci qualche attenzione in più per il WTCC, ma purtroppo è una domanda a cui non posso rispondere: andrebbe chiesto a loro. Sono soltanto un pilota della ROAL Motorsport, che ha un ottimo feeling con il boss Roberto Ravaglia. Non dipende da me”.

Come vedi oggi la 320 rispetto alle auto rivali?
“A Monza è andata meglio di come mi aspettassi”.

Un parere sul tuo nuovo compagno di box, Alberto Cerqui?
“È un buon pilota, giovane e in gamba. Ha bisogno di fare un po’ di esperienza, ma non vedo per lui alcun problema nel poter ben figurare e ottenere risultati positivi”.

Ti vedremo anche in qualche gara al di fuori del Mondiale Turismo? Per esempio lo scorso anno ti sei cimentato con le potenti monoposto della BOSS GP.
“Probabilmente sì, potrebbe arrivare qualche altra occasione per correre. Mi piacerebbe magari disputare eventi come le 24 Ore di Spa o Barcellona, ma è chiaro che il WTCC rimanga la mia priorità assoluta. Ad esempio ho dovuto rinunciare alla 24 Ore del Nurburgring, perché è concomitante con il week-end di Salisburgo. Avevo già trovato l’accordo con una squadra, era tutto sistemato, ma poi abbiamo controllato il calendario…!”.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Dopo le quasi imprendibili Chevrolet ufficiali, c’è ancora lui: Tom Coronel si trova al 4° posto nella classifica del WTCC […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/wtcc-140312-01.jpg Stop&Go intervista Tom Coronel: “Punto a vincere due manches”