Dominio Honda nelle qualifiche del WTCC allo Slovakia Ring: oltre ogni aspettativa, le tre vetture giapponesi occuperanno le prime tre posizioni sulla griglia di Gara 1. Autore della pole-position, la seconda consecutiva dopo quella ottenuta a Marrakech, è stato Gabriele Tarquini, già al comando delle due sessioni di prove libere di questa mattina. Alle sue spalle il compagno di squadra Tiago Monteiro e Norbert Michelisz, con la Civic schierata dal team clienti Zengo Motorsport.

Contro Tarquini non c’è stata quasi storia: in Q2 è stato il primo a tuffarsi in pista, marcando quindi il tempo decisivo di 2:10.773 (nell’unico giro lanciato) senza l’ausilio della scia. E in Q1 l’abruzzese era stato ancora più forte, siglando un 2:10.308 che gli aveva permesso di stare davanti di ben sei decimi a Monteiro.

“Non avremmo mai pensato di poter fare tre su tre”, ha commentato raggiante il “Cinghio” in pit-lane. “È davvero incredibile, è la dimostrazione del grandissimo lavoro compiuto. Ogni giorno la macchina ha qualche novità, è una bellissima sensazione”.

Se una “doppietta” Tarquini-Monteiro poteva essere in fondo pronosticabile dopo il verdetto delle libere, la vera sorpresa è la terza piazza di Michelisz, fino a questo momento colpito da diversi inconvenienti tecnici.

Questa volta le Chevrolet devono arrendersi, su una pista che già lo scorso anno le vide in affanno, quantomeno al sabato. Yvan Muller ha comunque ottenuto la quarta posizione a 168 millesimi dalla pole, precedendo Tom Chilton e Alex MacDowall.

Settimo posto per il campione in carica Rob Huff, seguito da James Nash, Pepe Oriola e Tom Coronel, che potrà partire dalla pole in Gara 2 grazie all’inversione dello schieramento. L’olandese è il migliore della pattuglia BMW, che ha visto anche Mehdi Bennani centrare l’ingresso in Q2. Il marocchino del Proteam (11°) ha preceduto Michel Nyjaer, che ha sprecato il proprio tentativo con un’escursione nella ghiaia.

La Q1 è stata caratterizzata dalla lunga interruzione per il violentissimo incidente che ha visto protagonista Darryl O’Young. “Ho sofferto di sovrasterzo, sono andato sull’erba e non sono riuscito a fermare la macchina. La curva era da quinta marcia”, ha poi spiegato il portacolori della ROAL Motorsport, fortunatamente illeso. Nel duro impatto la fiancata destra della sua 320 TC (dotata delle nuove portiere in fibra di carbonio…) è andata praticamente distrutta. “Spero che i ragazzi riescano a sistemare tutto per domani”, ha aggiunto il corridore di Hong Kong.

La bandiera rossa, rimasta esposta per diversi minuti, è stata resa necessaria per la complicata rimozione della macchina dalla via di fuga e per ripristinare le barriere protettive.

Stop anche per Tom Boardman, che ha parcheggiato quasi subito la sua Leon con il motore ko. Problemi di assetto per la Lada: James Thompson 15°, di poco davanti a Stefano D’Aste.

Classifica

01. Gabriele Tarquini – Honda – 2:10.773
02. Tiago Monteiro – Honda – 2:10.877
03. Norbert Michelisz – Honda – 2:10.889
04. Yvan Muller – Chevrolet – 2:10.941
05. Tom Chilton – Chevrolet – 2:11.162
06. Alex MacDowall – Chevrolet – 2:11.422
07. Rob Huff – Seat – 2:11.624
08. James Nash – Chevrolet – 2:11.714
09. Pepe Oriola – Seat – 2:11.882
10. Tom Coronel – BMW – 2:12.048
11. Mehdi Bennani – BMW – 2:12.857
12. Michel Nykjaer – Chevrolet – 2:17.614

13. Marc Basseng – Seat – 2:12.603
14. Fredy Barth – BMW – 2:12.610
15. James Thompson – Lada – 2:12.641
16. Stefano D’Aste – BMW – 2:12.665
17. Charles Ng – BMW – 2:12.891
18. Fernando Monje – Seat – 2:12.921
19. Rene Munnich – Seat – 2:13.223
20. Franz Engstler – BMW – 2:13.582
21. Mikhail Kozlovskiy – Lada – 2:14.900
22. Darryl O’Young – BMW
23. Tom Boardman – Seat

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Tripletta Honda nelle qualifiche del WTCC allo Slovakia Ring: Tarquini in pole davanti a Monteiro e Michelisz.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/wtcc-tarquini-honda-270413-03.jpg Slovakia Ring, Qualifiche: Pole di Tarquini, tris Honda!