Nel corso dei test di Marrakech la situazione è apparsa abbastanza chiara: le Seat, come ci si aspettava, sono velocissime, mentre le Cruze hanno fatto un balzo in avanti eccezionale dovuto ai 'favori' regolamentari concessi dalla Federazione. La BMW è apparsa attardatissima: i problemi di velocità di punta rispetto alle Seat ci sono, e sono anche evidenti. I dati mostrano una differenza di oltre 5 km/h tra la Seat più rapida in rettilineo, Tarquini (230.7), e la BMW più performante, quella di Priaulx (225.4) allo speed trap del primo intermedio. Non conteggiamo Alex Zanardi perchè di 30kg più leggero rispetto sia alle Seat che alle BMW. I dati mostrano che le Cruze hanno le stesse velocità di punta delle 320si, e sono favorite semplicemente dal minor peso, oltre ovviamente ad evidenti updates ed al 'manico' di Alain Menu.

Questa gara deciderà i correttivi di peso per Pau, e si può facilmente immaginare che, se le cose continuassero così, le BMW potrebbero essere più leggere in Francia e bilanciare le prestazioni delle Leon TDi. Nel frattempo, le Seat dovranno fare i conti con le Cruze. Di certo, lo spettacolo non mancherà, sia in pista che fuori!

Per la cronaca, segnaliamo che la bandiera rossa a 18 minuti dalla fine è stata causata da Kirill Ladygin, fermatosi alla prima chicane del rettilineo di ritorno a causa di problemi tecnici. Marin Colak non è sceso in pista a causa di problemi alla frizione, mentre Poulsen ha sbattuto alla prima curva per problemi ai freni.

Clicca qui per l'analisi dei tempi dei test di Marrakech

Nella foto, Alain Menu

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Nel corso dei test di Marrakech la situazione è apparsa abbastanza chiara: le Seat, come ci si aspettava, sono velocissime, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wtccalainmenu3.jpg Marrakech – Test, analisi e update: BMW lente in rettilineo, le Cruze sfruttano il peso ridotto