Gabriele Tarquini sfodera i i suoi proverbiali artigli nelle qualifiche di Marrakech, e regala alla Honda la prima inaspettata pole-position nel WTCC. Il pilota abruzzese, con il tempo di 1:44.358 stampato in Q2, ha marcato il nuovo record della pista mettendosi alle spalle addirittura tutte le cinque Chevrolet.

“È una grossa sorpresa. Siamo migliorati un po’ in velocità di punta e ho sfruttato la scia di una Chevrolet. La macchina in frenata è fantastica”, ha commentato Tarquini. Nel finale nessuno è riuscito a battere il suo crono: stava per farcela Tom Chilton, in vantaggio di ben cinque decimi prima di compiere un errore nell’ultimo settore che non gli ha permesso di andare oltre la quinta piazza in griglia.

A occupare la prima fila sarà invece James Nash, con la Cruze schierata dal team Bamboo Engineering: il britannico si è arreso per soli 48 millesimi al “Cinghio”, ma ha la soddisfazione di aver battuto Yvan Muller (3°), che dopo la supremazia delle prove libere non si è ripetuto nel pomeriggio. Già in Q1 il francese era stato beffato da un Tarquini in forma davvero smagliante.

Quarto posto per il danese Michel Nykjaer, mentre Alex MacDowall ha chiuso sesto. A seguire un poker di Seat capeggiato dal campione in carica Rob Huff (7°), che precede Marc Basseng e i giovani spagnoli Pepe Oriola e Fernando Monje. L’alfiere del team Campos potrà quindi partire dalla pole in Gara 2.

Pur entrati nei primi 12, non hanno partecipato al secondo segmento di qualifica James Thompson e Tom Coronel. L’inglese, infatti, aveva urtato le barriere danneggiando la sua Lada; l’olandese ha combinato di peggio tamponando il compagno di scuderia di Darryl O’Young, mentre viaggiavano in tandem per limare i propri riferimenti cronometrici.

È andata male pure a Tiago Monteiro (14°), a muro dopo un salto troppo aggressivo su un cordolo, con successiva bandiera rossa. Per il portoghese, inevitabilmente, il rimpianto di un’occasione mancata di fronte al potenziale espresso dalla Civic nelle mani Tarquini. L’aria di casa non ha portato bene neppure a Mehdi Bennani (18°), autore di un testacoda spettacolare, e per uno Stefano D’Aste apparso piuttosto in difficoltà come del resto tutta la pattuglia BMW.

Alle 9:45 di domani (le 11:45 in Italia) il via al warm-up, poi le due manches.

Classifica

01. Gabriele Tarquini – Honda – 1:44.358
02. James Nash – Chevrolet – 1:44.406
03. Yvan Muller – Chevrolet – 1:44.504
04. Michel Nykjaer – Chevrolet – 1:44.745
05. Tom Chilton – Chevrolet – 1:44.869
06. Alex MacDowall – Chevrolet – 1:45.060
07. Rob Huff – Seat – 1:45.228
08. Marc Basseng – Seat – 1:45.552
09. Pepe Oriola – Seat – 1:46.341
10. Fernando Monje – Seat – 1:55.405
11. James Thompson – Lada
12. Tom Coronel – BMW

13. Darryl O’Young – BMW – 1:46.327
14. Tiago Monteiro – Honda – 1:46.396
15. Fredy Barth – BMW – 1:46.412
16. Franz Engstler – BMW – 1:46.494
17. Norbert Michelisz – Honda – 1:46.629
18. Mehdi Bennani – BMW – 1:46.660
19. Tom Boardman – Seat – 1:46.713
20. Charles Ng – BMW – 1:47.140
21. Stefano D’Aste – BMW – 1:47.390
22. Mikhail Kozlovskiy – Lada – 1:47.598
23. Rene Munnich – Seat – 1:49.222

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Colpo di Gabriele Tarquini nelle qualifiche del WTCC a Marrakech, dove batte le Chevrolet e regala alla Honda la prima pole-position nella serie iridata.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/wtcc-tarquini-060413-03.jpg Marrakech, Qualifiche: Super Tarquini, prima pole Honda!