Jorg Muller, giunto ottavo in Gara 1, partirà al palo, con Menu e Larini che cercheranno fin da subito di attaccare il tedesco per la prima posizione.

Prima della partenza Jordi Genè si ferma lungo il rettilineo principale. Ottimo start per Jorg Muller, con Menu e Larini che riescono a mantenere le posizoni. Dietro di loro Huff parte benissimo, riuscendo a guadagnare alcune posizioni. Ladygin arriva lungo alla prima curva e si ferma nella via di fuga, mentre le immagini mostrano la Lada di Jaap van Lagen danneggiata sull'anteriore. In un tentativo di sorpasso Menu arriva lunghissimo e nel rientrare in pista viene superato dal compagno di squadra Nicola Larini. Quarta piazza per Yvan Muller, seguito da Tarquini, Huff, Farfus e Priaulx, con Bennani e Porteiro alle calcagna.

Hernandez e Tanev sbattono e si fermano sulla pista, motivo per cui la Safety Car deve rientrare in pista. van Lagen torna ai box, intanto, mentre anche Poulsen si ferma lungo il tracciato. L'olandese rientra in pista con due giri di ritardo.

Ottima ripartenza per Larini che rimane attaccatissimo a Jorg Muller, ma non riesce a superarlo. Nessuno scambio di posizioni al restart, dunque, ma le tre Chevrolet sembrano in grado quantomeno di tenere il passo delle altre vetture. All'inizio del giro successivo Menu attacca Larini alla prima curva ma non riesce a passare. Dopo poche curve Larini e Jorg Muller arrivano lunghi nel tentativo l'uno di attaccare e l'altro di difendersi, e l'italiano finisce anche contro le gomme che delimitano la chicane; Menu ne approfitta ma subito dopo deve fermarsi per una foratura. Dietro di loro, Monteiro supera Bennani ed attacca Andy Priaulx per la settima posizione.

Al sesto giro Huff supera Tarquini con una manovra eccezionale, passando in quarta posizione, mentre Postiglione tampona d'Aste, mandandolo in testacoda. Lo stesso rookie del Proteam sbatte poche curve dopo. La lotta per la prima posizione continua, con Jorg Muller che si difende benissimo da Larini, ormai in procinto di superare il pilota della BMW. Prova un attacco all'esterno dell'ultima chicane, ma non riesce a passare e, anzi, concede un piccolo margine a Muller.

Dietro di loro, all'ottavo giro Huff pressa da vicinissimo Yvan Muller, mentre Priaulx fatica sempre di più a difendersi dagli attacchi di Monteiro. All'ultima curva Larini tampona leggermente Jorg Muller e passa: ne approfittano Yvan Muller ed Huff, che superano il tedesco.

Al nono giro Huff usa i fari per tentare di innervosire il Campione del Mondo in carica Yvan Muller, ma per ora il francese non cede. Nel frattempo Jorg sembra in difficoltà dopo aver baciato il muretto esterno dell'ultima curva, a causa della 'bussata' di Larini. Monteiro continua ad attaccare Priaulx, senza però riuscire a passare finchè il tre volte Campione del Mondo non perde aderenza in frenata, scivolando sul filler e perdendo la posizione sul portoghese, Engstler e Coronel. Bennani ha lo stesso problema alla stessa curva e perde la leadership degli indipendenti in favore del tedesco della BMW.

All'ultimo giro Priaulx rientra ai box, mentre la lotta in pista è furiosa, con Huff attaccato ai tubi di scarico di Yvan Muller e pressato da vicinissimo da Jorg Muller. Nulla tuttavia cambia, e la gara finisce con la prima vittoria di Nicola Larini nel Wtcc dopo quattro lunghi anni. Seconda piazza per Yvan Muller, con Huff che completa il podio. Seguono Jorg Muller, Tarquini, Farfus, Monteiro ed Engstler che completa la zona punti. Il tedesco si aggiudica anche il trofeo indipendenti, davanti a Coronel e Bennani, che ha sfiorato la doppia vittoria a causa di quell'errore che lo ha relegato in terza posizione.

Nella foto, Nicola Larini

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Jorg Muller, giunto ottavo in Gara 1, partirà al palo, con Menu e Larini che cercheranno fin da subito di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wtcclarini1.jpg Marrakech – Gara 2: Prima vittoria iridata per Larini, Yvan Muller(2°) perfetto davanti ad Huff