Lascia sempre più di stucco l’egemonia Chevrolet nel WTCC. Più che un Mondiale siamo di fronte a un monomarca: con Gara 2 a Marrakech la casa americana festeggia il sesto successo su sei manches disputate quest’anno, addirittura il decimo consecutivo se consideriamo il finale del 2011. Una supremazia che non è stata nemmeno intaccata dall’aumento di peso alla vigilia di questo weekend.

Nel pomeriggio marocchino a trionfare è stato Yvan Muller, che fa poker. Il francese in cinque giri è balzato al comando dopo essere partito ottavo per l’inversione di griglia, infilando uno ad uno gli avversari (spettacolare la “spallata” rifilata ad Engstler in ingresso di chicane), e imitato dai compagni di squadra Rob Huff e Alain Menu alle sue spalle.

Ancora una volta quindi il podio è tutto colorato di azzurro Chevy, mentre il primo degli altri resta il combattivo Tom Coronel, capace di conquistare un bel 4° posto davanti a Stefano D’Aste, primo fra gli Indipendenti.

James Nash scattava dalla pole e ha resistito al comando fino quasi a metà corsa. Poi l’inglese ha dovuto cedere terreno, ma porta a casa un 6° posto molto prezioso con cui arricchisce il bottino di punti della Ford, confermando i progressi della nuova Focus S2000. Notevole il lavoro prima dello start compiuto dal Team Arena, che è riuscito a sistemare dai danni rimediati in Gara 1. L’inglese ha tenuto dietro Pepe Oriola (migliore fra i piloti Seat), Franz Engstler e Tiago Monteiro, con Darryl O’Young un poco più staccato a completare la top ten.

Purtroppo è invece mancato all’appello Gabriele Tarquini, rientrato ai box già dopo il giro di ricognizione per prolemi tecnici. Un vero peccato, perché l’abruzzese è forse l’unico in grado, per il momento, di minacciare le quasi imbattibili Cruze.

Tra due settimane il WTCC sarà di scena sul circuito ungherese di Budapest.

Classifica

01. Yvan Muller – Chevrolet – 11 giri
02. Robert Huff – Chevrolet – +0.381
03. Alain Menu – Chevrolet – +0.970
04. Tom Coronel – BMW – +2.153
05. Stefano D’Aste – BMW – +2.641
06. James Nash – Ford  – +5.052
07. Pepe Oriola – Seat – +5.589
08. Franz Engstler – BMW – +5.610
09. Tiago Monteiro – Sunred – +7.374
10. Darryl O’Young – Seat – +12.861
11. Aleksei Dudukalo – Seat – +13.587
12. Pasquale Di Sabatino – Chevrolet – +14.273
13. Mehdi Bennani – BMW – +18.629
14. Charles Ng – BMW – +29.173
15. Andrea Barlesi – Sunred – +31.619
16. Tom Chilton – Ford  – a 3 giri

Ritirati

17. Norbert Michelisz – BMW – 5 giri
18. Alberto Cerqui – BMW – 2 giri
19. Alex MacDowall – Chevrolet – 0 giri
20. Gabriele Tarquini – Seat – 0 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Lascia sempre più di stucco l’egemonia Chevrolet nel WTCC. Più che un Mondiale siamo di fronte a un monomarca: con […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/wtcc-150412-04.jpg Marrakech, Gara 2: Chevrolet micidiali. Vince di forza Muller, altra tripletta