Norbert Michelisz ha trionfato nella seconda gara di Macao, ottenendo il primo successo iridato nella stagione del suo debutto e alla prima visita su uno dei tracciati più difficili al mondo. L’ungherese ha preceduto Tarquini, vice-Campione del Mondo, e un generoso Huff che ha sfiorato il colpaccio, ma non è riuscito a superare l’italiano. Riviviamo insieme le grandi emozioni dell’ultimo atto di questo World Touring Car Championship 2010.

Alla partenza Menu rimane completamente fermo, lasciando campo libero a Michelisz e Tarquini, che passano serenamente Poulsen, presto imitati da Farfus. Tarquini rischia di andare contro il muro ma riesce a tenere la macchina in pista.

Dopo la partenza la classifica vede quindi Michelisz in testa davanti a Tarquini, Farfus, Poulsen, Muller, Huff, Monteiro e Engstler. Coronel precede Hernàndez, Bennani, Campaniço e Priaulx, protagonista di una grande partenza.

Clamoroso incidente tra Romanov e Nobuteru Taniguchi, che centra la vettura del russo causando un tamponamento a catena che coinvolge l’intero parco partenti a partire dalla 14esima posizione in poi. Romanov potrebbe essersi girato a causa di un errore
La bandiera rossa è quindi inevitabile, visto che il tracciato è totalmente bloccato. Tra le vetture incidentate, quelle di Barth, Yukinori Taniguchi e O’Young.

La ripartenza avviene sotto Safety Car. Buono lo start di Michelisz, ma Tarquini rimane attaccato ai tubi di scarico dell’ungherese, pur non riuscendo a passare. Alla prima staccata Poulsen viene superato da Muller, Huff e Monteiro. Nella parte mista del tracciato Muller lascia passare Huff per lanciare il pilota inglese all’inseguimento di Farfus.

Al quarto giro Huff è già nei tubi di scarico del brasiliano, arrivando a toccarlo prima alla corda della Lisboa e poi all’uscita della stessa curva, nel tentativo di incrociare le traiettorie. La BMW eimane comunque in terza posizione.

Farfus tenta di resistere stoicamente ad un Huff molto aggressivo, decisamente più veloce del brasiliano nel misto ma non in grado di superare il pilota del BMW Team RBM. Huff prende rischi sempre più consistenti, rischiando spesso di tamponare la vettura che lo precede.
Frattanto Michelisz e Tarquini hanno preso un vantaggio di oltre cinque secondi. Siamo al sesto giro quando Huff riesce a superare Farfus e si porta in quarta posizione, mentre il brasiliano conquina a tenere dietro i diretti avversari. Nel frattempo Poulsen commette un errore e perde la prima piazza insieme ad ogni speranza di vincere il Mondiale Indipendenti. Ora il leader è Engstler, davanti ad Hernàndez e Bennani.

Al settimo giro Muller attacca con decisione Farfus, ma il brasiliano riesce ad impedire alla Chevrolet di passare. Priaulx, ora in ottava posizione, fa segnare il giro più veloce e si porta a ridosso del gruppo composto da Farfus, Muller, Monteiro e Coronel.
All’ottavo giro il paraurti posteriore di Farfus cede, a differenza del brasiliano che continua a dare spettacolo. Nel frattempo Huff spinge nel tentativo di raggiungere Tarquini, ma a tre giri dalla fine ha oltre 3 secondi di svantaggio nei confronti dell’italiano. Il pilota della Chevrolet deve finire davanti a Tarquini per poter conquistare il secondo posto in campionato.

Al nono giro Muller passa Farfus, aiutato dall’attrito provocato dal paraurti posteriore ormai in procinto di staccarsi dalla vettura del brasiliano, cosa che avviene (parzialmente) a metà del giro.

Ultimo giro al cardiopalma, con Coronel e Priaulx che superano Monteiro e Huff attaccato ai tubi di scarico della Leòn di Tarquini. Nulla può il britannico per superare l’italiano, che conquista il secondo posto in campionato.

Bellissima la vittoria di Michelisz, che finalmente conquista il trionfo inseguito per tutta la stagione. Seconda piazza, dunque, per Tarquini, davanti ad Huff, Muller e Farfus. Sesto Coronel, davanti a Priaulx, Monteiro ed Hernàndez, che si aggiudica gara e campionato. Decima posizione per Engstler. Il Proteam si aggiudica la classifica riservata ai team dello Yokohama Independents’ Trophy.

Norbert Michelisz – Seat Leòn TDi – Zengo Dension Team:

“Non so cosa dire. So solo ringraziare il team, solo noi sappiamo quanto impegno e quanti sforzi ci hanno portato fin qui. Non ci sarebbe potuto essere momento migliore per ottenere questa vittoria. “

Clicca qui per la classifica completa di Gara 2 di Macao

Nella foto, Norbert Michelisz

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Norbert Michelisz ha trionfato nella seconda gara di Macao, ottenendo il primo successo iridato nella stagione del suo debutto e […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wtcc7T7Q76751.jpg Macao – Gara 2: Michelisz spegne la prima candelina, Huff-spettacolo non passa Tarquini. Hernàndez e Proteam ancora campioni!