La BMW non ha ancora deciso la serie sulla quale puntare nei prossimi anni. Il costruttore tedesco ha criticato il Wtcc per oltre due anni e i tentativi del management del Dtm di attrarre nuove Case potrebbe dare i suoi frutti. Klaus Drager, membro del CdA della BMW, ha dichiarato che i vertici della casa bavarese hanno "deliberatamente parlato di un coinvolgimento nelle vetture turismo in senso ampio", il che ha "ingannato" moltissimi addetti ai lavori ed appassionati.

Mario Theissen, il gran capo della BMW Motorsport, ha aggiunto:"Il Wtcc è una parte dell'offerta ad oggi presente nelle turismo. Non è un segreto che non siamo contenti degli sviluppi visti nel 2008 e quest'anno, ma non abbiamo ancora preso alcuna decisione.

In ogni caso, saremo presenti nel touring, sia con macchine ufficiali che con i clienti. Potremmo immaginare altri progetti futuri, ma non siamo ancora pronti a parlarne."

Gary Paffett, attualmente leader del campionato tedesco, ha dichiarato che sarebbe molto contento di avere la BMW nel campionato, accanto a Mercedes ed Audi:"Avere i tre maggiori costruttori tedeschi nel Dtm sarebbe fantastico. Tutti sono d'accordo nel dire che la serie ha bisogno di un terzo costruttore e sarebbe bellissimo per il campionato se ciò accadesse."

Ma quale sarebbe il destino del Wtcc senza la BMW? All'epoca in cui si costituì il primo Etcc, padre del World Touring Car Championship, la casa bavarese fu tra le grandi promotrici della serie. Perdere un costruttore così importante sarebbe una catastrofe per il Mondiale. La stessa esistenza del più importante campionato turismo del mondo sarebbe in pericolo, anche perchè le voci di un possibile ritiro della Chevrolet si fanno sempre più insistenti nel paddock. Con la sola Seat e la Lada, il campionato del mondo perderebbe tantissimo in prestigio.

Ad ogni modo, sembra che la BMW stia già studiando il nuovo motore 1.6 turbo da utilizzare nel Wtcc a partire dal 2011. Nonostante non sia una garanzia di una presenza ufficiale nel Mondiale, le voci che danno il nuovo propulsore come già in corso di sviluppo sembrano incoraggianti per il futuro del Wtcc.

Nel frattempo il team indipendente più vincente nel Wtcc con la BMW, il Proteam, ha espresso il proprio desiderio di vedere le BMW ufficiali al via del Mondiale 2010. Valmiro Presenzini, il team owner della squadra aretina, ha commentato:"Siamo contenti del fatto che la BMW sembri intenzionata a continuare a puntare sul touring. La grande storia sportiva della Casa bavarese, con la quale collaboriamo ormai da anni, affonda le proprie radici nelle turismo, benchè abbia raggiunto tantissimi successi in altre discipline. Speriamo che dalle intenzioni si passi a delle conferme ufficiali, per il bene del Wtcc e dell'intero motorsport, che ha bisogno di un grande costruttore come la BMW."

Insomma, il futuro del Wtcc resta incerto, e gli appassionati rimangono con il fiato sospeso in attesa di conoscere le intenzioni dei grandi costruttori del Wtcc.

Nella foto, la BMW 320si E90

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

La BMW non ha ancora deciso la serie sulla quale puntare nei prossimi anni. Il costruttore tedesco ha criticato il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wtccpriaulxval.jpg La BMW torna in forse, voci di ritiro per la Chevrolet: Mondiale in pericolo?