Il sole splende sul tracciato di Curitiba mentre le vetture del Wtcc si preparano alla prima partenza da fermo della stagione. In partenza Priaulx scatta benissimo, ma viene tamponato e subisce dei danni alla sospensione anteriore destra che lo mettono fuori gioco. Coronel ha un contatto con Huff e finisce fuori alla prima curva. Nel frattempo Genè prende la testa della gara davanti a Tarquini, Huff, Menu, Muller e Farfus, autore di uno start disastroso. Dietro di lui Michelisz, Monteiro, Nykjaer e un ottimo Hernàndez.

Al terzo giro Tarquini supera un arrendevole Genè, mentre Menu e Muller superano Huff e lasciano avvicinare Farfus. Michelisz viene superato da Monteiro, Nykjaer, Hernàndez ed Engstler, con i due della BMW che guadagnano ulteriori punti 'virtuali' nella classifica indipendenti.

Al quinto giro Monteiro inizia ad attaccare Farfus, il quale sta attardandosi dietro Huff. Il portoghese non riesce comunque a trovare la zampata vincente.

Al settimo giro Engstler si attacca ai tubi di scarico di Hernàndez nel tentativo di agguantare la leadership del trofeo indipendenti, mentre Farfus è riuscito a staccare le Leòn di Monteiro e Nykjaer e sta ora attaccando Huff in maniera intensa e costante.

Al nono giro Michelisz si produce in un'uscita fotocopia di quella compiuta durante la Q2. Nel frattempo d'Aste si attarda e scivola in sesta posizione, lasciando la terza piazza a Bennani.

Pochi brividi fino all'ultimo giro, quando Muller mette pressione su Menu ma non ottiene nulla e d'Aste supera O'Young proprio all'ultima curva.

Nulla cambia nelle posizioni di testa e Tarquini conquista una vittoria senza scossioni, con il buon Genè in seconda posizione e Menu a completare il podio.

Gara senza errori per Yvan Muller e un Huff in crisi in Gara 2. Un Farfus a dir poco opaco fin dalla partenza termina sesto davanti a Monteiro, Nykjaer, Michelisz e Hernàndez, il quale vince anche Gara 2 nello Yokohama Independents' Trophy, conquistando anche 3 punti extra per il punto assoluto ottenuto. Buon secondo posto per Engstler, con Bennani al terzo posto e Vaulkhard quarto. Come detto, d'Aste precede O'Young in quinta posizione.

La classifica generale vede ora Tarquini e Muller appaiati a 37 punti, con Menu che segue a quota 30 e Huff a 9 lunghezze di distanza dal leader. Genè è quinto con i suoi 24 punti, mentre Farfus e Priaulx, rispettivamente a quota 16 e 10, lasciano il circuito con un senso di insoddisfazione per aver mostrato di essere veloci senza però concretizzare.

Gabriele Tarquini – SR Sport – Seat Leòn 2.0 TDi:

"E' un risultato fantastico, ho vinto Gara 2 come avevo già fatto nei due anni precedenti. Ho avuto uno start fantastico, ho superato le due BMW e un compagno di squadra. Non abbiamo molto supporto dalla Seat ma la SunRed ha fatto un lavoro eccezionale: il campione è tornato!"

Jordi Genè – SR Sport – Seat Leòn 2.0 TDi:

"Sembra che sarà un anno di alti e bassi, fin dall'inverno quando sembrava che non saremmo nemmeno stati in pista e poi ci siamo ritrovati qui. Sono molto contento, tutti abbiamo lavorato al massimo. Essere un team privato e fare una doppietta nel Wcc è un grande risultato, il nostro team è fatto di ragazzi molto giovani."

Gabriele Tarquini – SR Sport – Seat Leòn 2.0 TDi:

"Ho fatto una buona partenza. Seguivo Priaulx, Farfus ha chiuso ma io sono comunque passato. Poi Huff ha tamponato Coronel e io ho dovuto rallentare. Per il resto della gara ho dovuto controllare Yvan. Nei 3 giri finali ho rallentato troppo, dopo aver allungato su Muller, lui ha chiuso il gap ma sono comunque riuscito a mantenere il terzo posto."

Clicca qui per la classifica completa di Gara 2 di Curitiba

Nella foto, Gabriele Tarquini

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Il sole splende sul tracciato di Curitiba mentre le vetture del Wtcc si preparano alla prima partenza da fermo della […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wtcctarcur2.jpg Curitiba – Gara 2: Tarquini spegne la prima candelina stagionale, leader del Mondiale con Muller