La “pista” marocchina continua a mietere “vittime”! Se dopo il botto nelle prove libere era stato il “Cinghio” Tarquini a dover dare forfait nelle due gare d’apertura, nel prossimo weekend sarà il turno di Tom Coronel.

Dopo aver distrutto la sua Cruze nel violento impatto contro le barriere, si era subito avuta la sensazione che difficilmente i bravissimi ragazzi del team ROAL sarebbero riusciti a riparare la macchina, ma purtroppo ora ne abbiamo la conferma. Tom Coronel salterà il secondo round sulla pista francese del Paul Ricard.

Non se la passano molto meglio i due campioni del mondo Muller e Tarquini; l’alsaziano molto probabilmente sarà costretto a correre con la Citroen Test Car, mentre in casa Honda si lavora alacremente per riuscire a terminare in tempo le riparazioni sulla Civic dell’abruzzese.

Alla luce di quanto accaduto, chi vi scrive non può fare a meno di chiedersi quale sia il senso e la logica nel voler insistere a gareggiare su circuiti cittadini che oltre ad essere pericolosi per la salute dei piloti, si dimostrano estremamente onerosi per quei team costretti a riparare (quando va bene) o ricostruire per intero (quando va male) le proprie auto.

L’augurio è che gli organizzatori del WTCC così come la FIA rivedano quanto meno il calendario per le stagioni seguenti, evitando di mettere una sola settimana di distanza tra il weekend sul circuito cittadino di Marrakech e il round successivo.

Federico Quaranta


Stop&Go Communcation

La “pista” marocchina continua a mietere “vittime”! Se dopo il botto nelle prove libere era stato il “Cinghio” Tarquini a […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/04/Chevrolet-wtcc-distrutta.jpg Coronel assente a Le Castellet