Il sabato mattina di Budapest, teatro del sesto round della Formula Renault 3.5, si è aperto subito con un colpo di scena: solo 22 le vetture al via delle qualifiche. Già ieri sera, infatti, le due monoposto del team ISR erano state riscontrante non conformi alle norme di sicurezza previste, con i telai affidati trovati danneggiati e impossibili da riparare sul circuito in tempo utile. La scuderia ceca è stata così costretta a dare forfait e ad avviarsi verso casa. Una brutta notizia per Esteban Guerrieri, uno dei tre contendenti al titolo che non potrà proseguire in questo week-end la sfida con gli antagonisti Mikhail Aleshin e Daniel Ricciardo.

Caso vuole inoltre che l’esito del primo turno di prove ufficiali abbia decretato la pole-position (la quinta per lui) dell’australiano, proprio davanti al russo che comanda la classifica generale. Ricciardo ha ottenuto il crono di 1:33.168 dopo aver montato da prassi un set di pneumatici nuovi nelle fasi conclusive, infliggendo oltre mezzo secondo al rivale russo. La sessione si è rivelata abbastanza movimentata sin dall’inizio, a causa della bandiera rossa esposta per il crash di Nathanael Berthon alla Curva 1. Il francese della Draco, che aveva percorso appena 3 passaggi, non è riuscito a marcare alcun riferimento prestazionale, e nel pomeriggio in Gara 1 si troverà a partire dall’ultima posizione.

Terza posizione per Brendon Hartley, con l’altra vettura preparata dalla Tech 1. Il neozelandese è stato scavalcato in extremis da Aleshin. Dietro i distacchi sono già consistenti, ma per la Fortec il 4° posto di Sten Pentus e il 5° di Jon Lancaster rappresentano comunque un ottimo risultato, specialmente considerando che ieri l’estone era rimasto nelle retrovie. Bene anche Nelson Panciatici (6°) e Walter Grubmuller (7°), mentre è 11° il romano Daniel Zampieri.

L’alfiere della Pons Racing avrebbe potuto collocarsi più avanti in griglia, ma il suo miglior giro gli è stato cancellato da parte dei commissari per aver valicato la linea che demarca l’uscita dalla corsia box. Un vero peccato, anche se le alte temperature qui all’Hungaroring sembrano aiutare il rookie della Ferrari Driver Academy nello sfruttare con più facilità gli pneumatici. Alle spalle di Zampieri troviamo Stefano Coletti e il compagno di squadra Federico Leo. Ancora poco competitivo lo spagnolo Albert Costa, soltanto in ottava fila.

Classifica

01. Daniel Ricciardo – Tech 1 Racing – 1:33.168
02. Mikhail Aleshin – Carlin – +0.560
03. Brendon Hartley – Tech 1 Racing – +0.734
04. Sten Pentus – Fortec Motorsport – +0.820
05. Jon Lancaster – Fortec Motorsport – +0.831
06. Nelson Panciatici – Junior Lotus Racing – +1.093
07. Walter Grubmuller – P1 Motorsport – +1.117
08. Anton Nebylitskiy – KMP Racing – +1.178
09. Jan Charouz – P1 Motorsport – +1.215
10. Victor Garcia – KMP Racing – +1.236
11. Daniel Zampieri – Pons Racing – +1.246
12. Stefano Coletti – Comtec Racing – +1.256
13. Federico Leo – Pons Racing – +1.282
14. Keisuke Kunimoto – Epsilon Euskadi – +1.518
15. Jake Rosenzweig – Carlin – +1.644
16. Albert Costa – Epsilon Euskadi – +1.687
17. Julian Leal – Draco – +1.703
18. Daniil Move – Junior Lotus Racing – +1.794
19. Greg Mansell – Comtec Racign – +1.857
20. Sergio Canamasas – FHV Interwetten – +1.902
21. Bruno Mendez – FHV Interwetten – +2.599
22. Nathanael Berthon – Draco

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Il sabato mattina di Budapest, teatro del sesto round della Formula Renault 3.5, si è aperto subito con un colpo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wsr-030710-011.jpg Budapest – Qualifiche 1: Altra pole per Daniel Ricciardo, Aleshin lo insegue ed è 2°. Forfait del team ISR