Dodici mesi fa Kevin Korjus, un po’ a sorpresa, si imponeva ad Alcaniz nella F.Renault 2.0 Eurocup, di cui ha poi conquistato il titolo a fine stagione. Oggi il giovanissimo estone (appena 18enne) ha ribadito l’ottimo feeling con il circuito spagnolo, vincendo al debutto in Gara 2 della Formula Renault 3.5.

Una grande prestazione per il pilota della Tech 1, passato immediatamente in testa approfittando della brutta partenza del poleman Cesar Ramos. Da quel momento Korjus ha ceduto la leadership soltanto in occasione del cambio gomme, e ha sempre controllato la situazione con estrema autorevolezza. Anche nelle fasi conclusive, quando sembrava che Alexander Rossi potesse avvicinarsi, Korjus non ha mai ridotto il proprio margine di vantaggio, marcando addirittura il best lap nel finale.

Come detto, Rossi ha concluso al 2° posto. Un risultato davvero notevole, visto che partiva ottavo in griglia, e maturato grazie ad un ritmo davvero superiore a quello degli avversari. L’americano vola quindi in cima alla classifica generale con ben 43 lunghezze, contro le 25 di Robert Wickens (5°).

A completare il podio c’è il driver di casa Albert Costa, assieme alla neonata Epic Racing. L’iberico ha preceduto Ramos, il quale ha compromesso buona parte delle sue chance con l’eccessivo pattinamento allo spegnersi dei semafori.

È invece 6° il russo Anton Nebylitskiy, seguito da Jean-Eric Vergne, risalito dalla settima fila in griglia. Nei giri conclusivi è stata intensissima la bagarre a metà gruppo, con Nathanael Berthon (8°) che ha resisistito agli attacchi di uno scatenato trenino composto fra gli altri da Andre Negrao e Sergio Canamasas, i quali completano la top-ten.

L’iberico regala quindi un altro punticino alla BVM Target, quando il compagno Daniel Zampieri ha vissuto una domenica alquanto sfortunata. Dopo aver “perso” il giro buono nelle qualifiche, il romano si è visto comminare un drive-through per eccessiva velocità in corsia box, perdendo l’opportunità di un sicuro arrivo in zona punti. La stessa penalità è stata comminata anche a Daniil Move.

Lewis Williamson è stato invece punito di 20″ per aver effettuato il pit-stop dopo la “finestra” prevista dal regolamento, mossa grazie a cui era stato anche provvisoriamente in testa. Fra i ritirati, Nelson Panciatici è stato fermato da un guasto al cambio, mentre l’imbuto della prima curva si è rivelato fatale per Stephane Richelmi e Brendon Hartley, costretti al ritiro per un contatto.

Prossimo appuntamento tra due settimane, sulla mitica pista di Spa-Francorchamps: vedremo in azione anche il favorito Daniel Ricciardo, ma per adesso è Alexander Rossi a fare la lepre.

Classifica

01. Kevin Korjus – Tech 1 Racing – 26 giri
02. Alexander Rossi – Fortec Motorsports – +1.735
03. Albert Costa – Epic Racing – +8.154
04. Cesar Ramos – Fortec Motorsports – +8.777
05. Robert Wickens – Carlin – +9.679
06. Anton Nebylitskiy – KMP Racing – +20.359
07. Jean-Eric Vergne – Carlin – +26.401
08. Nathanael Berthon – ISR – +34.925
09. Andre Negrao – Draco Racing – +35.099
10. Sergio Canamasas – BVM Target – +35.684
11. Sten Pentus – Epic Racing – +36.118
12. Jake Rosenzweig – Mofaz Racing -+36.807
13. Chris van der Drift – Mofaz Racing – +37.171
14. Arthur Pic –  Tech 1 Racing – +37.758
15. Daniel De Jong – Comtec Racing – +41.463
16. Walter Grubmuller – P1 Motorsport – +47.091
17. Oliver Webb – Pons Racing – +49.593
18. Daniil Move – P1 Motorsport – +49.915
19. Dominic Storey – Pons Racing – +58.306
20. Lewis Williamson – ISR – +38.660
21. Daniel Zampieri – BVM Target – +1:07.484
22. Jan Charouz – Gravity Charouz Racing – +1:22.900
23. Daniel McKenzie – Comtec Racing – +1:35.151

Ritirati

24. Nelson Panciatici – KMP Racing – 8 giri
25. Brendon Hartley – Charouz Gravity Racing – 1 giro
26. Stephane Richelmi – Draco Racing – 0 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Dodici mesi fa Kevin Korjus, un po’ a sorpresa, si imponeva ad Alcaniz nella F.Renault 2.0 Eurocup, di cui ha […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wsr-170411-02.jpg Alcaniz, Gara 2: Kevin Korjus fa centro all’esordio, Rossi secondo