Carlos Huertas ha superato se stesso in Gara 2 della Formula Renault 3.5 ad Alcaniz, conquistando la sua prima vittoria in questa categoria. Il pilota colombiano, solitamente abbonate alle retrovie, è stato formidabile in una corsa disputata sotto un intenso diluvio, con condizioni di aderenza e visibilità davvero al minimo.

Dopo la seconda posizione ottenuta in qualifica, Huertas è balzato praticamente subito in testa, approfittando dell’errore del poleman Norman Nato, arrivato lungo alla prima curva appena dopo il rientro della safety-car.

Per motivi di sicurezza, infatti, i commissari avevano preferito dare il via in regime di neutralizzazione. Con la distanza della corsa già accorciata a 29 minuti più un giro (senza pit-stop), per i potenziali problemi di affidabilità riscontrati sui motori Zytek, abbiamo di fatto assistito a una manche sprint, dato che la bandiera verde è arrivata con soli 20 minuti da disputare.

20 minuti comunque tutt’altro che semplici, in cui il portacolori del team Carlin ha tenuto un ritmo fuori portata per chiunque. Sergey Sirotkin, splendido 2° ad appena 17 anni, ha chiuso infatti con un ritardo che sfiorava i 12″. Sul terzo gradino del podio un altro esordiente, quel Stoffel Vandoorne che ormai non è certamente una sorpresa.

La lotta per il quarto posto ha premiato Will Stevens, che ha prevalso nel duello con Nico Muller. Spesso sorprendente sul bagnato in GP2 lo scorso anno, Nigel Melker ha colto la sesta piazza scavalcando di forza nel finale Antonio Felix da Costa (7°), dal quale forse ci si aspettava una prova più incisiva.

Lo è stata certamente quella di Kevin Magnussen, costretto a schierarsi in ultima fila per lo stop nella Q2. Il danese ha guidato con il coltello tra i denti giungendo 9° davanti al connazionale Marco Sorensen, e conservando così la vetta della classifica generale.

Tutto da dimenticare, come detto, per Nato: il francese è stato pure sanzionato con un drive-through per il rientro avventato in pista dopo la sua uscita, concludendo mestamente 20°. Problemi tecnici hanno fermato Arthur Pic addirittura quando il plotone era incolonnato dietro alla safety-car.

Classifica

01. Carlos Huertas – Carlin – 14 giri
02. Sergey Sirotkin – ISR – +11.921
03. Stoffel Vandoorne – Fortec Motorsports – +16.429
04. Will Stevens – P1 by Strakka Racing – +24.691
05. Nico Muller – Draco Racing – +26.826
06. Nigel Melker – Tech 1 Racing – +36.735
07. Antonio Felix da Costa – Arden Caterham – +42.074
08. Andre Negrao – Draco Racing – +44.125
09. Kevin Magnussen – DAMS – +44.988
10. Marco Sorensen – Lotus – +55.215
11. Mikhail Aleshin – Tech 1 Racing – +1:00.192
12. Jazeman Jaafar – Carlin – +1:00.787
13. Yann Cunha – AV Formula – +1:17.038
14. Matias Laine – P1 by Strakka Racing – +1:22.401
15. Daniil Move – SMP Racing by Comtec – +1:34.292
16. Lucas Foresti – SMP Racing by Comtec – +1:36.191
17. Oliver Webb – Fortec Motorsports – +1:44.026
18. Pietro Fantin – Arden Caterham – +1:45.955
19. Zoel Amberg – Pons Racing – +1:48.671
20. Norman Nato – DAMS – +1:55.868
21. Nikolay Martsenko – Pons Racing – +2:10.822
22. Matheo Tuscher – Zeta Corse – a 1 giro

Ritirati

23. Christopher Zanella – ISR – 9 giri
24. Mihai Marinescu – Zeta Corse – 5 giri
25. Arthur Pic – AV Formula – 1 giro
26. Marlon Stockinger – Lotus – 0 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Carlos Huertas ha superato se stesso in Gara 2 della Formula Renault 3.5 ad Alcaniz, conquistando sotto il diluvio la sua prima vittoria in questa categoria.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/fr35-huertas-carlin-280413-02.jpg Alcaniz, Gara 2: Huertas si scopre mago della pioggia