Questo weekend al Circuito Internazionale di Napoli andrà in scena il secondo dei quattro round della WSK Super Master Series.

A Castelletto ad averla fatta da protagonista era stato il clima che senz’altro ha stravolto le carte in mano ai meccanici e ai piloti, i quali si sono trovati a disputare la fase finale in base ai risultati del venerdì. Ne sono usciti vincitori Francesco Pizzi (Enrgy/Iame), Sami Taoufik (FA/Vortex), Nicklas Nielsen (Tony Kart/Vortex) e Anthony Abbasse (Sodi/TM).

60 Mini – Pizzi parte con i favori del pronostico, anche se il pilota del Giuliano Kart dovrà fare i conti con il veloce avversario Leonardo Caglioni (Evo Kart/TM), con Adam Putera (CRG/TM) e il team mate Roman Stanek. Atteso anche il ritorno di Michael Paparo (IPK/TM), nella speranza che quello di Adria non sia stato un fuoco di paglia. Occhi puntati infine sui due fratelli di Evo Kart Anthony e Alessandro Famularo, i quali promettono spettacolo.

OKJ – A Castelletto è stato Ricky Flynn Motorsport contro Ward Racing, Taoufik contro Isac Blomqvist (Tony Kart/Vortex), con David Vidales (Energy/TM) e Fin Kenneally (FA/Vortex) pronti a sfruttare il minimo errore dei due. Sarà così anche a Sarno? La logica dice di sì, ma bisognerà fare i conti anche con Kiern Jewiss (Ricciardo/Parilla) e con il francese Timothy Peissellon (FA/Vortex), oltre agli attesissimi Ulysse De Pauw (BirelART/Parilla) e Rasmus Lindh (Ricciardo/Parilla) finora mai risparmiati dalla cattiva sorte.

OK – La vittoria di Nielsen in Finale figlia della più napoleonica delle strategie non è bastata al danese per agguantare la testa della classifica, guidata al momento da Pedro Hiltbrand (CRG/Parilla). Lo spagnolo, poleman in Finale, ha chiuso il weekend pavese in seconda piazza dimostrando una condotta di gara molto saggia e a Sarno vorrà senza dubbio fare en plein. Attenzione però ai due “esordienti” Christian Lundgaard (Energy/TM) e Logan Sargeant (FA/Vortex), soprattutto a quest’ultimo in cerca di riscatto dopo i problemi del 7 laghi. Stesso obiettivo per Karol Basz (Kosmic/Vortex), Martijn van Leeuwen (BirelART/Parilla) e Lorenzo Travisanutto (Tony Kart/Vortex), che due domeniche fa non hanno visto nemmeno la bandiera a scacchi. “Jolly” Tom Joyner (Zanardi/Parilla), rallentato a Pavia da un problema di pressioni agli pneumatici, il quale dal punto di vista velocistico ha lasciato intendere di poter dire la propria e di poter dunque scombinare i piani del duo Nielsen-Hiltbrand.

KZ/KZ2 – La doppietta di Anthony Abbasse e Bas Lammers, che ha rischiato di essere addirittura un tris con Jeremy Iglesias 4°, ha confermato quanto il 7 Laghi Kart si adatti in particolar modo al binomio Sodi-TM. A Sarno però potrebbe essere un’altra storia con Paolo De Conto (CRG/Maxter) e Marco Ardigò (Tony Kart/Vortex) che partiranno con un solo obiettivo: vincere. Lo stesso vale per Flavio Camponeschi il quale, proprio dove due anni fa aveva sfiorato il titolo mondiale in KZ, vorrà portare a casa il primo successo dell’avventura in CRG. Equilibrio in KZ2, dove Stan Pex (CRG/Vortex), Alex (Energy/TM) e Giacomo Pollini (CRG/TM), vincitore lo scorso weekend del Margutti, sono i tre candidati al successo di classe; con loro anche la coppia Tony Kart formata da Luca Corberi e Alessio Piccini.


Stop&Go Communcation

Questo weekend al Circuito Internazionale di Napoli andrà in scena il secondo dei quattro round della WSK Super Master Series […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/03/SuperMaster_Series_jpg.jpg WSK Super Master – Sarno, Preview: Ai piedi del Vesuvio per il secondo round!