In un appuntamento finale entusiasmante, che si è svolto oggi sul Circuito Internazionale South Garda di Lonato (BS), si sono aggiudicati il "trono" nella WSK International Series di karting il belga Yannik De Brabander (Maranello-Parilla-Bridgestone), riuscito a restare in testa ala KF2, e il bergamasco Matteo Viganò (Birel-XTR-Dunlop). Insieme a loro, già "laureato" in KZ2 era il belga Jonathan Thonon (CRG-Maxter-Vega), che fin dal precedente appuntamento a Salbris (F) si era aggiudicato matematicamente la vittoria.

Presentatosi da leader di classifica, De Brabander ha risposto ai propositi di vittoria del suo più diretto avversario, lo spagnolo Javier Tarancon (FA Kart-Vortex-Bridgestone). In gara, Tarancon non è però riuscito a

contrastare il napoletano Felice Tiene (CRG-Parilla-Bridgestone), che ha dominato le due finali. Lo spagnolo, secondo in entrambi i casi, è riuscito a ridurre il distacco che lo separava dalla testa della classifica, scendendo da 17 a soli 3 punti. De Brabander ha invece aministrato, tenendosi stretto un 3. e un 5. posto, sufficienti a conservare il comando della categoria. Con il napoletano Aniello Smarrazzo (FA Kart-Vortex-Bridgestone) terzo nella seconda finale, il terzo posto in classifica è rimasto nelle mani dello spagnolo Miki Monras (Maranello-Parilla-Bridgestone), che insieme a De Brabander e Tarancon entra nella rosa di piloti sulla quale cadrà il superpremio finale: WSK Promotion, in collaborazione con il Red Bull Junior Team, individuerà tra i tre il designato per un test su una vettura F. BMW, fornita dalla stessa squadra. Il test, che vale da incentivo per il pilota che in WSK ha saputo sfoggiare grinta e risultati, sarà programmato in novembre.

Il bergamasco Matteo Viganò (Birel-XTR-Dunlop) è riuscito a rimediare a una situazione davero difficile, che lo vedeva solo terzo in classifica, a ben 19 punti dal britannico Jack Harvey (Maranello-XTR-Dunlop). Insieme a lui, il bolognese Alessandro Kouzkin (Tony-Vortex-Dunlop) ha compiuto un’altra splendida rimonta, dovendo recuperare ben 26 punti. La vittoria di Kouzkin in 1. finale, davanti a Simone Favaro (Parolin-XTR-Dunlop) e a Viganò, ha inizialmente avvicinato i due inseguitori al leader, che ha concluso solo nono. Dominando la seconda gara, davanti a Kouzkin e Favaro, Viganò ha infine vinto la sfida di classifica, mentre il bolognese è salito al secondo posto davanti allo stesso Harvey.

Il fiorentino Alessandro Piccini (Maranello-TM-Vega) ha vinto le due finali della KZ2, mentre Thonon, già sicuro vincitore della serie, è rimasto attardato dai contatti in una accesa prima finale. Il lituano Kazimieras Vasiliauskas (CRG-Maxter-Vega), due volte secondo in gara, ha confermato lo stesso piazzamento in classifica, davanti all’eccellente spagnolo Peto Nieves (Intrepid-TM-Vega). Terzi, nelle due finali, si sono classificati Devid De Luchi (PCR-TM-Vega) e il francese Arnaud Kozlinski (CRG-TM-Vega). Infine, nella gara riservata agli affascinanti kart della 125 TTI Carbonio, la vittoria è stata di Andrea Tonoli, davanti a Samuel Rubino e al francese Christophe Vernet. Finali così appassionanti, presentate oggi su RaiDue nella trasmissione Numero Uno, saranno visibili in modo più dettagliato su RaiSport (satellite e digitale terrestre) nello special TV di 40’, in onda venerdì 6 luglio alle 17:30. Poi la palla passerà a Stop&Go, programmata come al solito sul canale 862 di Sky il venerdì alle 21:30 e in replica la domenica alle 12:30. E in modo permanente sulla web tv del portale all'indirizzo www.stopandgo.tv . Classifiche e news sono pubblicate sul sito ufficiale www.wsk.it

, De LuchiNella foto, Matteo Viganò (Birel-XTR-Dunlop)


Stop&Go Communcation

In un appuntamento finale entusiasmante, che si è svolto oggi sul Circuito Internazionale South Garda di Lonato (BS), si sono […]

Wsk: Lonato – Gare, De Brabander e Vigan