E’ mancata la vittoria a Davide Forè per poter essere pienamente soddisfatto al termine di un weekend vissuto sempre da protagonista nell’appuntamento della WSK Final Cup di Castelletto di Branduzzo. Al pilota italiano su CRG-Tm del team DTK è sfuggito dalle mani un successo già annunciato a una curva dal termine della Finale, dopo un bel duello con Hajek al quale era riuscito a soffiare la prima posizione fin dalle prime battute della gara.

L’epilogo della Finale è stato avvincente ma davvero poco felice per Davide Forè, quando ormai in vista del traguardo non è riuscito a contenere l’attacco di Hajek che è così andato a conquistare la vittoria, mentre Forè non ha potuto far altro che concludere sulla scia del pilota della repubblica Ceca.

A Castelletto, dopo aver sfiorato la pole position per soli due millesimi di secondo, Forè si era confermato protagonista anche nelle manches di qualificazione con il secondo posto assoluto e poi nella Prefinale dove anche qui aveva concluso al secondo posto. In Finale si è alternato più volte in testa alla gara con Hajek, con Forè che negli ultimi 7 giri ha condotto sempre in testa fino all’ultima curva. Ha comunque conquistato comunque un podio più che meritato, con la seconda posizione davanti a Mirko Torsellini.

Nella top ten dell’arrivo della WSK Final Cup i colori CRG comprendono anche l’austriaco Marcel Mueller, autore di una buona gara conclusa al decimo posto. Una bella finale comunque quella della KZ2 vista a Castelletto di Branduzzo, con il telaio CRG ancora una volta in grande evidenza in questo evento internazionale che ha chiuso la stagione delle serie WSK, dove la casa italiana ha ottenuto anche quest’anno grandi soddisfazioni con i titoli conquistati da Max Verstappen nell’Euro Series KZ1 e nella WSK Master Series KZ2, oltre alle vittorie di tappa di Felice Tiene nella WSK Euro Series a Zuera in KF e dello stesso Davide Forè a Genk in KZ1.

Questo il commento a caldo di Davide Forè: “Sono stato proprio un… pirla. Ho fatto una bellissima gara, è stata una Finale molto combattuta ma devo dire anche molto sportiva. Ho visto che avevo qualche metro di vantaggio proprio nell’ultimo giro dopo aver forzato molto nei giri precedenti, e nella frenata prima del tornante di destra sono arrivato troppo lungo e non sono stato stretto come dovevo. Qui Hajek mi si è avvicinato e nella doppia curva prima del traguardo sapevo che il mio rivale ci avrebbe provato ma non immaginavo che fosse così vicino, si è lanciato e gli è andata bene. Ma l’errore è stato mio, non tanto in quel punto finale ma nel tornate precedente. Una vittoria regalata…”

Nella KF Junior dove erano presenti i colori ufficiali CRG al debutto con i motori TM di Galiffa Kart, Marcu Dionisios e Kostantinos non sono purtroppo riusciti a qualificarsi per la Finale per gli incidenti di cui sono rimasti vittima in Prefinale. Dispiaciuto soprattutto Dionisios che nella sua Prefinale è arrivato 18.mo ed a una sola posizione dalla qualificazione per la Finale. Positiva comunque l’esperienza per il greco Kostantinos, proveniente dalla 60 Mini e al suo esordio in KFJ.

Nella combattutissima categoria dei più piccoli, il migliore fra i piloti Gamoto Racing impegnati su CRG/Hero della 60 Mini, si è rivelato Noah Watt, quarto, con Abdul Muizzuddin settimo e Fetisov Bogdan al nono posto, mentre Nazim Azman ha chiuso in 13.ma posizione. Ivan Grigorev di DR Racing si è piazzato 18.mo, Leandro Anderruti di Lindi Rancing 19.mo.


Stop&Go Communcation

E’ mancata la vittoria a Davide Forè per poter essere pienamente soddisfatto al termine di un weekend vissuto sempre da […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/11/kCB_2O08gfhfgh.jpg WSK Final – CRG sfiora la vittoria a Pavia con Davide Forè