Tony Kart apre in bellezza la WSK Euro Series L’Euro Series WSK, la manifestazione europea più importante del karting, si apre sul Circuito Internazionale La Conca con le affermazioni del binomio Tony Kart-Vortex nella classe regina, la Super KF, e nella KF2. A riportare le splendide affermazioni sono stati Marco Ardigò ed Ignazio D’Agosto.

Molte le interessanti novità tecniche portate dalla squadra bresciana al debutto, soluzioni che hanno contribuito a dare forza a vittorie che sono nettamente convincenti. Infatti in SKF a completare il podio, con il terzo posto, è salito il Kosmic-Vortex di Armand Convers ed in KF2 a seguire D’Agosto sul podio è stato il pilota del Tony Kart Junior Racing Team, il brasiliano Guilharme Silva.

Il Circuito La Conca è un tracciato tecnico che richiede una sintonia tecnica tra telaio e motore particolari, numerosi sono i curvoni veloci in successione che esigono un equilibrio perfetto del telaio.  Il tracciato impone ai piloti di sfruttare completamente alcuni cordoli, condizione che ha imposto ai tecnici di montare sui telai impiegati nelle categorie KF l’apposita protezione OTK Kart Parts per la corona. Questo preziosa componente ha contribuito a salvaguardare il pacchetto catena-corona dalle dannose “scordolate”.

Tra le novità che hanno caratterizzato i Racer EVR, particolare interesse la rivestono le componenti in fibra di carbonio impiegate sul telaio vittorioso in Super KF con Marco Ardigò. Le componenti in fibra di carbonio (pianale, poggia piedi, para catena, supporti marmitta, supporti carenatura anteriore)  portate in gara da Ardigò hanno consentito un risparmio di peso. Ogni parte in carbonio è stata calcolata per avere la stessa resistenza meccanica del pezzo che è andata a sostituire, che fosse questo in alluminio, magnesio o ergal. L’uso di fibre composite per parti non strutturali del telaio è consentita dal regolamento e non è nuova al team. Già in occasione del campionato del Mondo del 2002 su alcuni dei Tony Kart erano state impiegate componenti in fibra di carbonio con successo.

SKF – Il week end sin dalle qualifiche ha mostrato come il materiale tecnico Tony Kart e Vortex garantisse la massima competitività permettendo a Gary Catt di conquistare la Super Pole con 47”059. Ardigò e Camponeschi, entrambi nella top ten hanno siglato, rispettivamente, il 3° e 4° crono. Nelle manche Catt si è conquistato la prima fila e soltanto due inconvenienti nell’ultima manche hanno relegato Ardigò in 5° fila e Camponeschi in 7°. Al via della pre finale Catt è stato urtato nel posteriore e spedito fuori pista, stessa sorte è toccata a Camponeschi. Ardigò ha condotto una gara in rimonta ed ha chiuso agevolmente in 3° posizione, conquistando 10 punti per la classifica e gettando le basi per la vittoria finale. In finalissima il portacolori ha guidato la gara alternandosi al comando con il Kosmic-Vortex di Convers sino al 6° giro.  Passato a condurre Ardigò ha sfruttato al massimo la possibilità di forzare ed ha guadagnato un margine tale da chiudere la lunga finale (25 chilometri) senza particolari preoccupazioni. Il Racer EVR di Ardigò ha concluso con gomme ancora in ottimo stato, segno dello splendido lavoro di messa a punto svolto dal team. Catt ha compiuto una rimonta formidabile che gli ha fatto guadagnare i 12 punti del 5° posto. La vittoria proietta Ardigò in testa alla classifica con 56 punti ed il Tony Kart Racing Team guida la Euro Cup con 71 lunghezze sul Kosmic Kart Racing Departement, a 70 punti.

KF2 – Quanto il materiale tecnico Tony Kart e Vortex fosse ben a punto lo si è visto anche nella classe KF2, con ben 6 Tony Kart nella top ten. Nelle concitate (causa pioggia) sessioni di qualifica, ad avere la pole è stato Ignazio D’Agosto con 47”146. Le manche hanno parlato chiaro con D’Agosto sempre primo ed i Tony Kart-Vortex guidati da Silva e Varley sempre nelle prime posizioni. Anche nella pre finale ed in finale la pressione non ha tradito il pilota, D’Agosto ha condotto un mezzo perfetto alla vittoria, lasciandosi alle spalle Silva alla guida del Tony Kart dello Junior Team. Yu Kanamaru è stato artefice di una bella rimonta in pre finale, con tanto di best lap. Il giapponese ha, purtroppo, chiuso la gara con un duro cappottamento. In finale Kanamaru ha ripagato il lavoro che il team ha fatto per farlo ripartire con un mezzo all’altezza dei compagni ed ha conquistato punti, chiudendo 7°. Olmedo è stato costretto a gare di rimonta, dopo essere sempre rimasto coinvolto in incidenti nelle prime fasi di gara. D’Agosto guida la classifica a punteggio pieno, seguito da Silva, altro pilota che dispone di materiale Tony Kart-Vortex.

KZ1 – Il nuovo propulsore Vortex RVXX è stato battezzato dalla pole del nuovo pilota Rick Dreezen. Positivo anche il debutto dell’altro pilota, Riccardo Piccoli, che ha concluso la finalissima ai piedi del podio, con il 4° posto.


Stop&Go Communcation

Tony Kart apre in bellezza la WSK Euro Series L’Euro Series WSK, la manifestazione europea più importante del karting, si […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Tony-Kart-WSK-EURO-SERIES-Podio-SKF.jpg WSK Euro Series – Round 1 – Muro Leccese – Tony Kart report: I ‘verdi’ aprono in bellezza l’annata