Muro Leccese neanche l’ultima delle Finali in programma ha deluso le aspettative, quella dedicata ai piloti della KF, per il primo round della WSK Euro Series 2013. Ad aggiudicarsi una fantastica e combattutissima vittoria è stato un grande Ben Barnicoat (ART-TM).

L’alfiere della ART Grand Prix, partito secondo, dopo aver guadagnato la prima posizione ha subito un sorpasso da parte di Dorian Boccolacci (Energy-TM), al comando dopo essere scattato nono. Il francese, diretto verso una veloce fuga, è stato però braccato dal britannico per tutto il resto della corsa, fino a quando, a tre tonate dal termine, i due rompono gli indugi cominciando un gran duello e scambiandosi due volte la leadership.

All’ultima curva Barnicoat riesce a compiere un grandioso sorpasso su Boccolacci che, sorpreso dall’attacco, viene infilato in volata anche da un ottimo Karol Basz (Tony Kart-Vortex), secondo sotto la bandiera a scacchi. Podio pazzesco, racchiuso in soli 70 millesimi! A due decimi di gap il quarto classificato Nicklas Nielsen (Kosmic-Vortex), braccato dal russo Vasily Romanov (Energy-TM).

Solo sesto il poleman George Russell (Birel-TM), letteralmente risucchiato dalla bagarre dopo le prime tornate. Dietro l’inglese è giunto incollato il canadese Lance Stroll (Zanardi-Parilla). Dalton Sargeant (Tony Kart-Vortex), ottavo, ha preceduto Sam Snell (Energy-Parilla) e Sebastien Bailly (Birel-TM), ultimo della top ten.

Dietro i primi dieci spazio in ordine per Martin Kodric (FA-Vortex), Alex Palou (CRG-Parilla) e Pedro Hiltbrand (LH-Parilla). Ventotto driver all’arrivo, sei ritirati.

Il giro più veloce è stato fatto registrare da Armand Convers (Kosmic-Vortex) in 46.131.

Classifica completa Finale KF – WSK Euro Series Muro Leccese

Antonio Mancini


Stop&Go Communcation

A Muro Leccese neanche l’ultima delle Finali in programma ha deluso le aspettative, quella dedicata ai piloti della KF, per il primo round […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/barnicoat.fdgdfgdfgdfg.jpg WSK Euro – Lecce, Finale KF: Barnicoat e Basz all’ultima curva su Boccolacci