Sotto il sole italiano brilla più vivo che mail il verde Tony Kart. Dal terzo round della WSK Euro Series , infatti, la compagine di Prevalle (Brescia) torna in Lombardia con uno splendido successo, ottenuto con Rick Dreezen nella classe più potente ed impegnativa, la KZ1. Categoria in cui il pilota olandese si trova saldamente in testa alla classifica assoluta. Netto successo anche in KF2, grazie al russo Orudzhev, del team partner Ward Racing, che ha preceduto l’altro Tony Kart di Rudakov (Team Komarov) ed il Kosmic Kart di Ippolito.

La gara italiana regala classifiche che indicano come i piloti alla guida dei Tony Kart siano sempre protagonisti ed in tre classi (KZ1, KF2 e KF3) chi ha scelto Racer EVRR si giocherà il titolo nella prova conclusiva di Zuera (Spagna). Il fine settimana in cui si è corso l’appuntamento WSK è stato caratterizzato da temperature particolarmente elevate (con punte di 36°) e da un tracciato molto gommato. Condizioni che hanno impegnato a fondo tutti: piloti, tecnici e meccanici, per ottimizzare la prestazione al massimo.

KZ1. Si parte con il piede giusto ed in qualifica Dreezen sigla la pole position con un favoloso 45”642, seguito dall’altro Tony Kart-Vortex di Ardigò. Settimo tempo a poca distanza per Catt. Le manche che conducono alla prima gara ci vedono ancora vincenti, prima con Dreezen e poi con Ardigò. Nella finale breve del sabato tutti i nostri piloti compiono un’ottima gara, anche se alcuni episodi contingenti non permettono di ottenere il successo. Ardigò recupera dopo uno start sfortunato e conquista punti per il campionato. Lotta per il podio sino all’ultimo Catt, che chiude in quarta posizione. Dreezen partito dalla quattordicesima posizione, dopo uno malaugurato stop nelle manche, risale posizione su posizione e conquista punti con l’ottavo posto. Per la finalissima della domenica, gara che rappresenta il clou della diretta tv di Rai Sport i nostri piloti, Ardigò e Dreezen, monopolizzano la prima fila, schierandosi in quest’ordine. Al semaforo verde, purtroppo, Ardigò compie una minima infrazione e viene penalizzato con 10” (da aggiungere al tempo finale). Dreezen intanto vola indisturbato verso il successo e chiude ampiamente al comando. Ardigò conclude in una platonica seconda posizione, infatti, a causa della penalizzazione è retrocesso in decima posizione.

KF2. E’ tutta Tony Kart la griglia della finale di KF2. Sono ben 13 i Racer EVRR che si schierano in finale e 21 i telai prodotti nella nostra factory. Numeri e qualità vanno in pieno accordo ed alla fine il podio rispecchia l’andamento di tutto il weekend, con due Tony Kart ed un Kosmic Kart. A vincere è il velocissimo russo del team Ward Racing Orudzhev, secondo chiude Rudakov, davanti all’italiano Ippolito. Particolarmente sfortunata è stata la prova dei nostri piloti, Philo, Sorensen e Fioravanti. Quest’ultimo si è dovuto fermare in finale, quando era saldamente secondo, per le conseguenze di un contatto avuto nelle primissime fasi di gara (supporto radiatore danneggiato). Sorensen ha compiuto una formidabile rimonta dalla trentunesima alla settima posizione. Posizione in cui il nostro pilota si è ritrovato solo a causa della rottura della catena, su un cordolo, in pre finale, quando si trovava nelle prime posizioni. Philo, al debutto con la nostra squadra, ha mostrato ottime doti velocistiche, conquistando agevolmente la settima fila in pre finale ed esprimendosi sempre su tempi di rilievo.

KF1. Tutti i nostri piloti entrano nella top ten per disputare la Super Pole. D’agosto si qualifica in prima fila per la gara breve del sabato e la conclude sul podio. Meno fortunata è la gara della domenica. D’Agosto è costretto a fermarsi quando si trova ancora in zona podio e Camponeschi non riesce ad agguantare il pilota che lo precede per la terza posizione.

KF3. Haruyuki Takahashi è entrato in finale senza problemi ed anche con una pista tanto pesante ed impegnativa sotto il profilo fisico ha fatto vedere il suo valore.

Giacomo Aliprandi – Team Manager Tony Kart Racing Team: “Siamo soddisfatti del successo in KZ1 di Rick, peccato perché potevamo fare una bella doppietta. Abbiamo fatto un lavoro molto accurato con i tecnici della Vortex per raggiungere questo livello di competitività ed ora vogliamo ancora spingere al massimo sullo sviluppo per raccogliere i frutti di quanto fatto. Non dimentichiamo che la stagione di KZ1 si decide nei prossimi tre mesi con la fine della WSK Euro Series e la Coppa del Mondo. In KF2 abbiamo un livello di competitività che è messo in evidenza dai numeri, gran parte dei piloti di vertice adotta materiale realizzato nella nostra azienda”.

Nella foto, Rick Dreezen sul podio di Muro Leccese con Antonio Piccioni e lady Visser


Stop&Go Communcation

Sotto il sole italiano brilla più vivo che mail il verde Tony Kart. Dal terzo round della WSK Euro Series […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/wsk62_1974.jpg Euro – Tony Kart esulta per la vittoria di Rick Dreezen sul circuito La Conca