Fa incetta di successi Enaam Ahmed nel 2014 targato CIK FIA, alzando la coppa del vincitore sia nell’europeo, che nel mondiale.

Il talento del Ricky Flynn Motorsport non ha avuto rivali, soprattutto ad Essay, dove ha mantenuto la testa dalla prima manche alla bandiera a scacchi della finale, lasciando poco spazio agli inseguitori.

Dopo le critiche piovute su di lui per il crash con David Beckmann a Brandon, Mick Junior ha messo a tacere i detrattori con un’eccitante seconda piazza, onorando in parte la pesante eredità lasciata dal padre Michael Schumacher.

Stupiscono gli outsider: Jules Boullier e Benjamin Lessennes, che mette in dubbio la vittoria di Ahmed, salvo poi rimanere a piedi per una rottura meccanica.

Si eclissano Max Fewtrell e Logan Sargeant, protagonisti sia al PF International, che nella penultima tappa del DKM a Kerpen.

UP

Enaam Ahmed – Perfetto. Se nel corso della competizione continentale aveva mostrato qualche segno di debolezza, nella tappa unica del mondiale é stato spietato. Cede il passo solo nelle prime battute della finale e, quando va ko Lessennes, invece di amministrare, inscena una serie di giri da qualifica; ennesima dimostrazione della sua superiorità. Chapeu a lui e al team.

Benjamin Lessennes – Arrivava ad Essay con poche probabilità di vittoria, eppure bracca Ahmed nelle manches e in prefinale. Con l’acqua si esalta, dando l’impressione di poter arrivare ad un successo clamoroso, tuttavia il kart si ammutolisce improvvisamente per cui addio sogni di gloria.

Mick Junior – Se non nell’aspetto o nella livrea del casco, Schumi Jr assomiglia a suo padre almeno nella guida sull’acqua. L’asfalto semi-scivoloso dà particolare risalto alle sue doti, permettendogli di recuperare dopo uno start difficile.

DOWN

Max Fewtrell – Lo avevamo indicato come uno dei maggiori pretendenti al titolo, vuoi perchè schierato da Ricky Flynn Motorsport stesso, vuoi perchè nell’europeo aveva ben figurato. Ad Essay si eclissa, facendo tanta difficoltà sin dalle libere. Riesce a ritirare su le sorti del proprio mondiale durante le manches, chiuse col 4° posto nel ranking, ma le sue speranze vengono definitivamente spazzate dal 18° posto in prefinale 2; non prende parte alla finale e può solo guardare Ahmed tagliare il traguardo di traverso, accompagnato dai fuochi pirotecnici.

Logan Sargeant – Weekend fatto di alti, pochi, e bassi, molti, per l’americano terza punta di diamante del RFM. 11° nelle prove qualificazione e nelle manches, naufraga anch’egli col diluvio domenicale, rimanendo nel tendone a fare compagnia a Fewtrell.

Devlin Defrancesco – Preoccupa il calo di prestazioni del talento americano in forza al team Morsicani. La parabola discendente è iniziata durante il penultimo round dell’italiano, da lì Devlin si è fatto sfuggire entrambi i titoli CIK FIA e, salvo miracoli, il titolo italiano, dove ha saltato il penultimo round in quanto impegnato nei test per il mondiale. Sempre lontano dalla top10, fallisce l’ingresso in finale. Adesso è atteso al grande riscatto a Precenicco.

Andrea Giustini


Stop&Go Communcation

Quali sono i pareri di Stop&Go sull’appena terminato campionato del mondo CIK FIA per la categoria KFJ? Scopritelo sulla rubrica Up&Down […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/08/bes-upanddown-010814-01.jpg CIK World – KFJ