Le bandiere a scacchi delle Finali di Kristianstad hanno decretato la fine dell’Europeo CIK FIA per le classi a presa diretta.

Una competizione sviluppatasi sull’arco di tre gare, che ha regalato un finale per nulla scontato, soprattutto in KFJ, dove il pianto di gioia del campione Christian Lundgaard (Tony Kart/Vortex) si è contrapposto ad altre lacrime, ma questa volta di dolore, di Kenny Roosens (Kosmic/Parilla), dominatore nei primi due round ma fuori dalla finalissima sul tracciato svedese. Insomma, un vero incubo perdere una battaglia senza nemmeno poter combattere.

Spettacolo ed incertezza anche in KF, dove il risultato finale ha davvero del clamoroso. Dopo lo sfogo iniziale di Ben Hanley (Croc/TM), Nicklas Nielsen (Tony Kart/Vortex) aveva preso il comando della gara, mettendo una seria ipoteca sul successo di tappa grazie al cospicuo vantaggio creato nell’arco della corsa. A 3 giri dalla fine però il mezzo del danese si è ammutolito, costringendolo a consegnare il successo al team mate Marcus Armstrong. Insomma, tra i due “litiganti” a goderne è sempre il gruppo OTK, che ha messo a segno l’ennesima doppietta di una stagione sin qui strepitosa.

Weekend nero, e non solo per il colore della livrea CRG, per Felice Tiene, escluso addirittura dalla classifica per una mossa scorretta ai danni di Karol Basz.

UP

Marcus Armstrong (Tony Kart/Vortex) – Partiamo col dire che dall’ufficiale Tony Kart, dopo un buon inizio di 2015, ci si aspettava di più nella competizione continentale. La delusione però lascia spazio prima di tutto alla stima per come si è evoluto il suo weekend. Capottatosi in una delle heats sabato, Armstrong non ha mollato. Anzi. Prima, dolorante, è risalito sul kart, poi, alla domenica, ha compiuto il capolavoro che l’ha portato sul gradino più alto del podio. Con Nielsen in gara magari sarebbe finita diversamente, ma nello sport come nella vita la fortuna aiuta gli audaci.

Marta Garcìa (FA/TM) – Continua in maniera sensazionale il 2015 della spagnola, sorpresa prima, conferma poi, di una KFJ molto competitiva. A suon di vittorie e piazzamenti, la Garcìa è sempre più portavoce di una scuola femminile che in lei (non ce ne voglia Susie Wolff) ha forse trovato una degna erede di quella Maria Grazia “Lella” Lombardi di cui ci restano soltanto delle immagini in bianco e nero. Il paragone con Carmen Jorda già stride.

Richard Verschoor (Exprit/Vortex) – Che siano i trofei WSK, le gare del DKM o le competizioni CIK FIA, Verschoor c’è. Anche a Kristianstad, dove è giunto 2°, l’alfiere di casa RB si è dimostrato all’altezza dei migliori durante tutto l’evento, facendo anche dimenticare che si tratta del suo primo anno in KF. Chissà come sarebbe andata senza la sfortuna di inizio campionato. Per il Mondiale parte tra i favoriti.

DOWN

Clement Novalak (Tony Kart/Vortex) – In Svezia ha perso l’occasione dell’anno. Con Roosens fuori gioco per la Finale probabilmente già pregustava il successo. Una Prefinale difficile e una Finale tribolata, però, gli hanno impedito di trasformare il sogno in realtà e tra i due litiganti… il terzo (Lundgaard) alza la coppa.

Ivan Shvetsov (Tony Kart/Vortex) – Il russo del Ward Racing si dimostra veloce nell’arco di tutto l’evento, eclissandosi però il cervello in Finale, dove commette un errore ingenuo, violando la procedura di partenza. I commissari se ne accorgono e lo penalizzano, vanificando gli sforzi suoi e del team.

Ben Barnicoat (BirelART/Parilla) – Dopo l’incoraggiante alla Winter Cup, la stagione dell’inglese è stata una parabola decrescente, culminata con la penalità in Svezia. Lo avevamo lasciato alle formula due stagioni fa, allora era ancora driver ART GP, pensando di vederlo solo alla kermesse di Lonato. Con grande stupore lo abbiamo poi ri-accolto all’inizio dell’Europeo, aspettandoci da lui ben altri risultati. Un errore come quello di Kristianstad non è però scusabile a uno che sul 2015 del karting a quanto pare ci sta investendo tempo e forze. Riscatto prenotato al Mondiale?

Si ricorda che i qui presenti giudizi sono a cura della redazione e NON costituiscono cronaca di gara. Per consultare invece i responsi delle Finali, vi rinviamo alla categoria “CIK WSK” del nostro sito.


Stop&Go Communcation

Le bandiere a scacchi delle Finali di Kristianstad hanno decretato la fine dell’Europeo CIK FIA per le classi a presa diretta […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/04/bes-upanddown-010814-01.jpg CIK Euro- Kristianstad, KF e KFJ: Round 3