Marco Ardigò è tra coloro che vorranno dimenticare in fretta l’epilogo dell’appena concluso europeo CIK FIA.

Il plurititolato alfiere della Tony Kart aveva iniziato la serie inscenando un vero e proprio dominio; i problemi tecnici in finale a Wackersdorf e i contatti a Kristianstad, però, lo hanno rallentato al punto di fargli perdere tutto il vantaggio accumulato nei confronti di Rick Dreezen (Zanardi/Parilla) – campione – e Jonathan Thonon (Praga/Parilla). A quanto pare c’è dell’altro..

“Dopo qualche problema nelle manches ho iniziato a ‘carburare’, riuscendo a risalire la china” ha commentato Ardigò. “Potevo ambire tranquillamente alla prima fila in finale, se non fosse per i problemi che ho avuto con ‘alcuni’ piloti”.

“Eravamo io e Rick; passo in staccata il primo e son subito in scia a quell’altro, ma qui inizia un vero e proprio ostruzionismo! Mentre Dreezen scappa, io perdo circa un 1.5”. Dovevo inventarmi un attacco a sorpresa. E’ quasi fatta, ma il suddetto decide in pieno rettifilo di sterzarmi platealmente contro, rendendo la collisione inevitabile”.

“Finita qui? Proprio no, c’è ancora la finale. Avevamo tutti più o meno lo stesso ritmo, a parte il primo devo dire. Era fondamentale partire davanti, io ci ho provato dando tutto me stesso; non voglio aggiungere commenti o considerazioni, ci tengo solo a fare i complimenti a Rick!” ha concluso.

Credit photo: CIK FIA media

Andrea Giustini


Stop&Go Communcation

Marco Ardigò ha fatto chiarezza su quando avvenuto nell’ultimo round dell’europeo CIK FIA […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/08/KZ_ARDIGO_MARCO_KSP_6947-1024x681.jpg CIK Euro – Ardigò fa i complimenti a Dreezen, ma..