Dopo aver ottenuto la 48esima vittoria della sua carriera, l’alsaziano alfiere della Citroen, Sebastien Loeb, ha decisamente ragione di essere soddisfatto: “Sebbene non avessimo gli pneumatici ideali nelle prime prove, siamo stati in grado di mantenere la leadership. Non fraintendetemi: la vittoria, in questo weekend, non è stata una passeggiata. Date le delicate condizioni, era essenziale avere una vettura che fosse facile da guidare, e la mia C4 è stata perfetta dall’inizio alla fine. Una vittoria, oggi, è stata ovviamente il modo migliore con cui iniziare questa nuova stagione”

Si conferma suo fedele scudiero lo spagnolo Daniel Sordo, giunto però a più di un minuto dal compagno di squadra; ma, se non altro, è lui a capitanare il gruppo dei piloti “umani”…“Sono davvero felice, perché giungere secondo significa che la Citroen lascia l’Irlanda con il massimo dei punti nel campionato costruttori. E’ stata un’ottima cosa correre senza avere problemi di alcun tipo; le condizioni erano veramente difficili, e ricoprire l’intera distanza di gara senza commettere alcun errore era una sfida contro se stessi! Questo risultato è un’enorme iniezione di fiducia per il prosieguo del campionato”.

Sperava sicuramente di poter ottenere qualcosa di più da questa gara Mikko Hirvonen, per quanto le ipotesi della vigilia non lo ponessero in grado di lottare per la vittoria: “Questo è il rally più difficile tra i due su asfalto presenti nel calendario, e prendere sei punti è un buon debutto in quest’annata. Sono felice ma mi sarebbe piaciuto esserlo di più; le condizioni erano piuttosto estreme, con un sacco di acqua durante le prime due giornate. Oggi non ce n’è stata molta, ma era ugualmente scivoloso a causa del fango che ricopriva le strade. E’ stato un peccato avere quel problema al servosterzo, perché mi ha precluso la lotta con Sordo fino al traguardo”.

Chi, invece, gongola palesemente, è il nuovo pilota del team Stobart Henning Solberg, norvegese che non ha mai amato le prove asfaltate, ma da questa gara esce con un considerevole bottino di 5 punti: “Questo è un grande risultato per me. Ho lavorato davvero duramente per tutto ciò, ed è stata una delle mie migliori gare di sempre; ho usato la testa e fatto ogni cosa nella maniera giusta, è una bella sensazione. L’acqua era davvero tanta ed ha reso difficile la guida, ma non abbiamo commesso errori ed abbiamo dimostrato di essere veloci anche sull’asfalto. Abbiamo avuto una bella lotta con Chris nell’ultima tappa che è stata emozionante per i fans; sono contento di averla vinta e di aver preso punti per il team Stobart”.

Delusione per l’ex pilota Subaru, che si è visto togliere dalle mani un solido quarto posto proprio negli ultimi chilometri, dopo averlo agguantato con i denti grazie ad una bella rimonta: “Ho frenato troppo tardi in una curva nella PS 18 ed abbiamo perso un minuto; il quarto posto sarebbe stato un buon risultato, ma non mi dispiace aver ottenuto un piazzamento nella top 5 in una gara così difficile. Durante questo rally ho cercato ancora di adattarmi alla C4: è stata veloce ed affidabile, ed il Citroen Junior Team mi ha aiutato a sfruttarla sempre meglio. Spero di poterla guidare di nuovo presto!”.

Il fresco vincitore del Rally di Montecarlo ha trovato qui avversari certamente più ostici, e non poteva probabilmente ambire a risultati molto migliori; il sesto posto, in ogni caso, lo soddisfa: “Abbiamo imparato così tanto lungo questi duri 350 chilometri: abbiamo scoperto un ambiente completamente nuovo, un nuovissimo rally, e ce la siamo cavata con pessime condizioni di gara, subito dietro i maggiori piloti. Ogni gara che terminiamo è una miniera di informazioni per noi; è una bella soddisfazione essere arrivati al traguardo e segnare alcuni punti”.

Grande protagonista “assente” a causa dell’incidente avuto nei primi tratti cronometrati è stato Jari-Matti Latvala; il finlandese aveva affermato di puntare alla costanza in questo 2009, ma evidentemente ancora ha molto da imparare…: “Ho avuto un weekend di alti e bassi; penso di aver deluso il team Venerdì, perché siamo venuti qui per prendere un bel po’ di punti, e ne ho conquistati pochi. Ma il passato è passato, e spero di avere imparato, e quindi di cercare di non emozionarmi quando mi troverò di nuovo in testa, in futuro. Questa gara è stata una buona esperienza in condizioni difficili, e due punti sono meglio di nessuno; dopo il mio incidente mi sono concentrato sul guidare prudentemente, ma in queste circostanze non è facile avere sempre lo stesso feeling”.

Parola ai boss; Olivier Quesnel, del team Citroen, non può che essere felice dopo questa gara:“Il nostro team non ha per niente perso la fame di successi ed ognuno ha svolto il suo compito alla perfezione, compresi i nostri due equipaggi, naturalmente, che si sono entrambi messi in bella mostra, considerando le pessime condizioni affrontate. Speravamo di iniziare la stagione con una vittoria, perché il calendario 2009 prevede solo 12 gare, e solo 2 su asfalto; ci sarà un alto prezzo da pagare per ogni errore, quest’anno. Il fatto che si primeggi in entrambe le classifiche dopo la gara d’esordio significa che potremo affrontare la prossima gara con meno pressione. Detto questo, non saremo i favoriti perché il secondo rally si svolge su un fondo che è più congeniale agli specialisti scandinavi”.

“Entrambi i piloti hanno ottenuto dei miglior tempi su una superficie che non è la loro preferita, e tutti e due hanno acquisito esperienza e conoscenza in condizioni difficili come queste” ha affermato Malcolm Wilson, boss dei team Ford, “Sono contento che Jari-Matti abbia reagito ai problemi avuti nella prima tappa. Per il team Stobart è stato un inizio da sogno, è stato fantastico vedere Urmo in testa nella prima giornata: si è adattato bene al team ed ha mostrato un buon ritmo per l’intero weekend. La gara di Henning è stata veramente la migliore della sua carriera, grazie ad una guida controllata e misurata in condizioni avverse”.

“Il risultato complessivo è da lodare” ha detto Didier Clement, manager Citroen, “non abbiamo avuto eccesivi problemi tecnici, e ciò sottolinea l’eccellente affidabilità della C4. Il quinto posto di Chris è un ottimo risultato, e speriamo che possa presto tornare con il Citroen Junior Team, dopo aver dimostrato di poter lottare con i migliori piloti del mondo. Ogier e Rautenbach hanno imparato molto ed hanno fatto grandi progressi durante il weekend; nel corso delle tre tappe Sebastien ha fatto segnare tempi molto promettenti, considerate le condizioni: per un pilota che sta ancora imparando a conoscere la vettura, è un risultato eccellente…”.

Marco Picerno

 


Stop&Go Communcation

Dopo aver ottenuto la 48esima vittoria della sua carriera, l’alsaziano alfiere della Citroen, Sebastien Loeb, ha decisamente ragione di essere […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/00_ford1.jpg WRC – Rally Irlanda: le parole dei protagonisti

WRC