Il nono round della stagione 2009 del WRC, in quel di Finlandia, ha consacrato Mikko Hirvonen sul gradino più alto del podio: il pilota Ford, quindi, è tornato ormai decisamente in lizza per un titolo che fino a poco tempo fa pareva per lui irraggiungibile. Sebastien Loeb, dal canto suo, ha tentato di limitare la cavalcata del finnico… Ma senza riuscirci; e non è riuscito dunque il bis del successo dello scorso anno, in un rally comunque dove i "latini" non sono certo tra i favoriti. Lo testimonia anche la terza piazza conquistata da Jari-Matti Latvala, uscito vittorioso da un lungo testa a testa con l'altro uomo Citroen, Daniel Sordo. Delusione dal fronte degli outsider palpabili di un risultato di rilievo: in particolare Henning e Petter Solberg, vittime entrambi di uscite di strada. Spazio dunque a qualche nome nuovo, come Matti Rantanen: il pilota locale ha terminato quinto al traguardo per un soffio, dinnanzi ad un Sebastien Ogier decisamente in grande spolvero.

10Mikko Hirvonen (1° classificato) –  Dategli un pizzicotto, così si sveglia. Anzi no, che il pupillo di Malcolm Wilson abbia trionfato per la prima volta su strade a lui molto familiari, di un rally al quale accorreva ogni anno, da bambino, per ammirare le gesta dei suoi eroi, è pura realtà. In barba a Loeb – al quale il finnico le ha suonate per gran parte della corsa – ed a tutti coloro che in questa stagione, fino a poco tempo fa, lo davano ormai per bollito. Ed ora Mikko comincia a sognare…

9Jari-Matti Latvala (3° classificato) – Forse il timido finlandese di Toysa ha finalmente deciso di lasciare a casa le manie suicide; e pensare che nel programma dell’evento appena svoltosi, di prove spettacolo ce ne son state ben due! Scherzi a parte, il pilota Ford e chi aveva deciso di continuare a dargli fiducia scommettendo ancora sulle sue grande potenzialità – boss Wilson in primis – non potevano sperare in una reazione migliore: Jari-Matti ha lottato come un guerriero, prima contro i fantasmi della Polonia, e poi con una fastidiosissima intossicazione alimentare – soprattutto considerata la natura del rally finlandese, pieno fino alla noia di dossi e lunghi balzi… Con tenacia e pazienza, senza ricadere nella trappola dell’errore, il nordico è riuscito nel sorpasso ai danni di Sordo facendo suo un meritatissimo podio; il ritmo del suo compagno per ora sembra essere su uno scalino superiore… Ma in questo momento, chissene importa.

8Kimi Raikkonen (Ritiro per uscita di strada) – Non fatevi ingannare dal nome finlandese: a differenza di tutti gli altri suoi connazionali impegnati nel rally, l’esperienza di Kimi su queste stradine era meno di zero. Un comune mortale, quindi; ma forse neanche, considerando che oltre ad essere il debutto al vecchio ‘1000 Laghi’, per lui si è trattato addirittura del battesimo del fuoco sulla superficie sterrata. Ma il pilota di F1 non è sembrato uno sbarbatello in cerca di mero divertimento: il cronometro parla chiaro, il certo più esperto Alen, a bordo di una vettura uguale alla sua, non ha fatto segnare tempi molto più bassi. Peccato per quell’uscita di strada. Che certo non potrà offuscare completamente l’esemplare performance dell’ ‘uomo di ghiaccio’.

8Sebastien Ogier (6° classificato) – D’ora in poi, il giovane vincitore del Montecarlo ’09 avrà forse una concezione del tempo un po’ diversa; avrà imparato ad attribuire importanza anche a tre umili decimi di secondo, quei tre decimi di gap che gli han precluso un appetitoso ingresso in Top 5 al traguardo. Nonostante ciò, il fatto che il francesino, alla sua prima apparizione su questi sterrati a bordo di quei bolidi chiamati ‘World Rally Cars’ non abbia baciato neanche una volta gli alberi – elemento quasi abitudinario per i debuttanti in Finlandia -, e sia stato protagonista di un’incredibile rimonta nei confronti di uno degli idoli locali, rende la sua performance esemplare.

7Sebastien Loeb (2° classificato) – “Come riempire di pepe un mondiale noioso ed ormai chiuso”, potrebbe essere il titolo di un trattato di manualistica, nel caso il pilota Citroen decidesse di diventare scrittore. Dopo gli ultimi disastrosi round del mondiale, in Finlandia da lui certo ci si attendeva qualcosa di più. L’alsaziano ci ha provato, a tenere il ritmo del suo avversario Ford, e per un po’ ci è riuscito. Ma poi niente. Una foratura ha contribuito a farlo desistere del tutto: a quel punto, solamente far subentrare la stoffa del grande campione avrebbe potuto salvare la situazione… Ma può darsi che Loeb abbia deciso di riservarla per gli ultimi 3 appuntamenti del campionato.

7Daniel Sordo (4° classificato) – Non è bello trovarsi dinnanzi ad un enigmatico dilemma. Il cantabrico ne ha avuto conferma in questo weekend: alzare il piede assicurandosi di portare in cascina punti preziosi per il team, ma dovendo dire addio ad un rinomato – almeno, per un latino come lui – posto sul podio finlandese, o fregarsene e spingere giù dando ascolto ai propri sogni di gloria? A facilitargli il compito, probabilmente ci ha pensato Latvala stesso: il finlandese ha ad un tratto messo il turbo rendendosi un osso davvero troppo duro per il pilota Citroen. In ogni caso, Daniel è riuscito a tenerlo dietro per un bel po’, il suo avversario, idolo di casa…

6Matti Rantanen (5° classificato) – Svegliatelo! Il povero Matti dev’essersi leggermente addormentato quando si trovava, alla guida della sua potente Focus WRC, in una stabile quinta posizione assoluta. Lontano da chi lo precede e da chi lo segue, correre dev’essere quasi noioso – sempre se noioso può definirsi saltare e derapare a 200 km/h su stretti sentierini sterrati… Meno noioso è stato quando Ogier si è fatto vedere minaccioso ai suoi specchietti; ma il finlandese, anche con un po’ di ausilio da parte della dea bendata, è riuscito ad evitare una clamorosa beffa.

5Henning Solberg (Ritiro dalla seconda tappa per uscita di strada) – Recenti performance sfoderate nella stagione in corso lasciavano adito a pronostici più positivi per il “vecchietto” dei Solberg; in realtà il pilota di Askim non è mai stato in grado di tenere il ritmo dei Magnifici 4, immerso sempre in una lotta per la quinta posizione. Almeno fino a che un’uscita di pista non gli ha fatto imboccare la stessa stradina del più noto fratello.

4Petter Solberg (Ritiro dalla prima tappa per uscita di strada, e dal rally per problemi tecnici) – Certo che la Finlandia non gli porta molto bene, negli ultimi anni. Davvero troppo breve la gara del simpatico norvegese, che in quest’annata sembra aver ritrovato lo smalto dei tempi andati. In compenso, almeno stavolta ci ha risparmiato le sue lamentele sulla scarsa competitività della vecchia Xsara…

4Evgeny Novikov (Ritiro dalla prima tappa per uscita di strada, e dal rally per un’altra uscita di strada) – “Se tu fare maximum attack tu vince oppure fare incidente e questo per me è piede giusto per un giovane in prime gare”, profetizzava il celebre Markku Alen. Ed il giovanissimo fenomeno russo sembra averlo preso in parola, viste le sue due uscite di strada in un solo weekend… Comunque, il fatto che abbia un piede pesante lo sta ampiamente dimostrando – da segnalare, a questo proposito, uno spettacolare salto di cui è stato protagonista; e se team manager e compagnia bella non sono completamente rincitrulliti, il futuro del pilota Citroen si prospetta roseo…

Marco Picerno


Stop&Go Communcation

Il nono round della stagione 2009 del WRC, in quel di Finlandia, ha consacrato Mikko Hirvonen sul gradino più alto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f3h9u8.jpg WRC – Rally Finlandia – Pagelle: Conferme dai ‘Big’, prestazioni opache dei Solberg

WRC